Torna all'homepage

Mal d’auto: 3 accorgimenti per combatterlo senza impazzire (o imbottire il cane di strane sostanze)

Autore: Francesco Vischi
Categoria: Salute

Mal d'auto cane fotoNel post “Se il beagle soffre il mal d’auto” abbiamo visto che cos’è il mal d’auto e come comportarci per alleviare questo malessere del cane. I proprietari usano maggiormente l’auto per viaggiare con il cane, quindi di solito ci si riferisce a questo mezzo di trasporto.

Quindi, se cerchiamo qualche suggerimento pratico sui passi da seguire per aiutare il beagle ad affrontare bene i viaggi, possiamo prendere spunto da quell’articolo.

In questo post vediamo 3 accorgimenti che possono aiutarci a sconfiggere il mal d’auto del nostro cane.

Innanzitutto, perché al cane può venire il mal d’auto?

Come per molti altri fenomeni, anche in questo caso gran parte dei motivi che portano il cane a soffrire il mal d’auto sono ancora sconosciuti.

La cosa certa è che esistono dei meccanismi che permettono agli animali e all’uomo di mantenersi in equilibrio sulle zampe (e sulle gambe).

Il cervello riceve una serie di segnali che arrivano, tra l’altro, da apparati interni alle orecchie. Elaborando questi segnali, il cervello permette poi di mantenere una posizione di equilibrio regolando continuamente le forze dell’apparato muscolare.

Quando si viaggia in auto o su qualsiasi altro mezzo di trasporto, il corpo viene sollecitato da spostamenti inaspettati e innaturali che alterano i segnali percepiti dal cervello.
Di conseguenza, tutto il sistema di mantenimento dell’equilibrio può andare in “tilt” e generare i sintomi che conosciamo tutti (nausea, vomito, disorientamento, ecc.).

Naturalmente il tutto può aggravarsi se l’animale colpito prova ansia, agitazione e nervosismo durante queste situazioni. Alcuni cani arrivano addirittura a rifiutarsi con tutte le forze di salire in auto, anche se è ferma!

Appena si scende dal mezzo di trasporto, poi, questi sintomi svaniscono gradualmente e il corpo ritorna al suo stato normale.

Quali accorgimenti possono aiutarci a sconfiggere meglio e più in fretta questo malessere?

Ecco i 3 più importanti.

1) Durante i passaggi che gradualmente aiutano il cane ad accettare l’auto senza problemi, riportati nel post “Se il beagle soffre il mal d’auto”, facciamogli associare il trasporto a situazioni per lui molto piacevoli, come ad esempio portarlo al parco o a giocare con i suoi amichetti.

Questo può darci un grandissimo aiuto. Evitiamo di mettere il beagle in macchina solo per andare dal veterinario, soprattutto se stiamo seguendo i passaggi per aiutarlo a superare il mal d’auto. 🙂

2) Prima di inziare un viaggio, può aiutarci molto fare in modo che il beagle sia a digiuno, cioè che siano trascorse almeno 8 ore dall’ultimo pasto. In questo modo avrà meno stimoli alla nausea e al vomito.

3) Non sgridiamo mai il cane se ha vomitato o sporcato in macchina. Assolutamente mai.
Questa è la cosa peggiore da fare e rovinerebbe qualsiasi progresso.
Il nostro amico si trova già in una situazione di forte stress e noi vogliamo essere dalla sua parte, lo amiamo e vogliamo risolvere questo problema, non aggiungere cattiveria al male.

Se siamo così preoccupati per gli interni dell’auto, proteggiamoli prima con un telo impermeabile e teniamo con noi l’occorrente per pulire (carta assorbente, prodotti detergenti, ecc.).

Se dovesse succedere qualche “disastro”, puliamo ignorando completamente il beagle, senza fargli pesare la cosa come fosse una tragedia e senza fare chiasso inutile (il cane è molto sensibile all’atmosfera che si respira nel “branco”).

Sembra scontato, ma tantissime persone si arrabbiano per una sciocchezza e sfogano la frustrazione sul cane, lamentandosi poi di aver provato tutto senza aver risolto niente.

C’è anche una soluzione “estrema”, ed è quella di dare al cane sostanze tranquillizzanti (di solito a base di feromoni e si spruzzano o si somministrano con un collare). Personalmente ci sentiamo di sconsigliare questa “via chimica” a meno che non ci siano casi di grave malessere, da affrontare assolutamente insieme al veterinario.

Queste sostanze non sono da vedere come una comoda scorciatoia, semplicemente perché non lo sono.

I feromoni tranquillizzano di certo il cane nell’immediato, ma non saremo mai sicuri di aver sconfitto il mal d’auto nei suoi pensieri.
Al di là degli effetti che hanno sul suo organismo, non possiamo viaggiare per tutta la vita portandoci dietro una bomboletta: e se la dimentichiamo?

Per il benessere del nostro amico e per vivere serenamente insieme molti e molti anni, ci meritiamo di risolvere definitivamente malesseri come questo, per fargli capire qual è il vero aspetto di un viaggio: passare in compagnia momenti felici alla scoperta del mondo. 🙂

19 commenti:
  • Sara scrive:

    Ciao, ammetto che Cherry a sempre pianto durante il trasporto in auto, io personalmente preferisco sia protetta e sicura dentro al suo trasportino che proprio ieri ho cambiato dato che Cherry cresce a vista d’occhio, ho notato che con il trasportino nuovo, molto più spazioso del precedente, Cherry è stata molto meglio e ha pianto meno mentre la portavo al corso di puppy class, ma non le somministrerei mai quelle robacce inutili. Tra l’altro ieri si è lasciata andare a lezione e sembra stia prendendo confidenza con gli altri cagnolini del corso e al termine della lezione quando è stato il momento di rientrare in macchina nel trasportino, non a fiatato. Che bello spero si abitui velocemente agli spostamenti in macchina. All’interno del trasportino le ho messo due giochini. Al ritorno mi ha sorpreso… incrocio le dita per il futuro. Ciao a presto!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ottimo Sara, continua così! Cherry è ancora molto piccola, probabilmente ha bisogno di un pò di tempo per abituarsi a situazioni nuove, come può essere stare nel trasportino. Stai facendo un ottimo lavoro con lei, vedrai che si risolverà tutto! 🙂

  • Valentina scrive:

    Oliver (3mesi domani)ha vomitato la prima volta..adesso invece si mette sul sedile posteriore sopra i suoi cuscini e con la musica di Buddha bar si fa delle dormite rilassantissime..lo amo.. ;)!

  • Amedeo Zanardi scrive:

    peafrchè Frida nn appena entra in auto fa la pipì,nn riusciamo in nessun modo a disabituarla,nn vuole stare nel , rasportino, di rado si mette sul suo cuscino aiutaci a insegnarle a stare in macchina, grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Amedeo, ovviamente non possiamo dirti, così sulla carta senza sapere nient’altro e senza aver mai visto il tuo cane, come mai appena entra in auto fa la pipì. Però è qualcosa che puoi risolvere abituandola a viaggiare nel trasportino, il fatto che lei non ci voglia stare è irrilevante. Abbi pazienza e cerca di farla abituare in modo graduale così come descritto in questo articolo: Il trasportino per il Beagle, seguendo tutti i passaggi, con costanza e senza avere fretta.

  • Antonietta scrive:

    ciao…volevo un aiuto…il mio beagle ha 5 mesi e qnd sale in makkina inizia a bavarsi in modo esagerato sono costretta a stare sempre cn fazzolettini x asciugarlo..nn vi sto a dire cm combina la makkina e me personalmente cn la sua bava…:(lo abbiamo sempre portato in auto ma sono 2 3 mesi ke mi fa cosi…potete aiutarmi..grz in anticipo…:)

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Antonietta! Tutti i consigli che possiamo darti sono esattamente quelli riportati nell’articolo qui sopra e nell’articolo Se il beagle soffre il mal d’auto, non abbiamo altro da aggiungere. Ribadiamo solo che l’utilizzo del trasportino in molti casi può rivelarsi risolutore perchè al suo interno il cane si sente protetto e al sicuro, ma soprattutto non viene sballottato di qua e di là ed ha una visuale molto ridotta del mondo che “si muove” fuori dal finestrino della macchina, che è una delle principali cause del mal d’auto. 🙂

  • Antonietta scrive:

    grz mille…seguirò qts suggerimento…cm seguo tutti gli altri…e mi trovo benissimo….:)complimenti….:)

  • laura scrive:

    Grazie a questi consigli…portare petra al lago è piu semplice!Ormai lei è cresciuta,ma come da lei dimostrato,non si e mai troppo grandi per imparare!Prima piangeva di continuo,adesso sta zitta,prima anche se la tenevo a digiuno vomitava all’andata….provando ho scoperto che quando comincia a grattare nel trasportino bisogno fermarsi,farla calmare e poi ripartire,oppure se siamo in autostrada la devo accarezzare un pochino oppure darle un ossetto da rosicchiare appena si e calmata!Pensate che cosi facendo possa alimentare il suo stato d’ansia?cerco sempre di farlo appena smette anche per n secondo di grattare il trasportino….però alcune volte penso che sia impossibile farla calmare…….come potrei fare se no?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Laura, direi che come al solito ti stai comportando nel migliore dei modi! In questo caso non si tratta di un capriccio o di semplice richiesta di attenzioni da parte di Petra, ma di un vero e proprio malessere fisico, per cui è bene assecondare le sue richieste e fare tutto il possibile per farla stare meglio, che sia farla scendere a prendere una boccata d’aria, darle qualcosina da masticare o farle qualche carezza. 🙂

  • paola scrive:

    ciao la mia Ester ha quasi 7 mesi, ha un carattere molto vivace ed è tenera con tutti, ma quando sale in auto è molto agitata e ha voglia di mordere tutto. Abbiamo utilizzato la cintura di sicurezza che non le permette di camminare liberamente nell’abitacolo e uno dei suoi legnetti preferit sempre a disposizione. Pur tuttavia non riesce a stare tranquilla e ho timore che utilizzando la trasportina sarà ancora peggio. potete darmi qualche consiglio giacchè vorrei portarla con me in vacanza? Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Paola, il nostro consiglio è proprio quello di utilizzare un trasportino, ovviamente dopo aver fatto un graduale percorso di abituazione in modo che la cucciola non lo percepisca come una gabbia ma piuttosto come una “tana”: nei casi di mal d’auto o stati di ansia il kennel molto spesso si rivela risolutore perchè al suo interno il cane si sente protetto e al sicuro, ma soprattutto non viene sballottato di qua e di là ed ha una visuale molto ridotta del mondo che “si muove” fuori dal finestrino della macchina. Inoltre anche un percorso graduale di abituazione alla macchina sarà davvero fondamentale, così come farle associare alla macchina sempre esperienze piacevoli e positive. Ecco degli articoli sull’argomento:
    Trasportino per beagle
    Se il beagle soffre il mal d’auto
    Viaggiare in auto con il beagle

  • matteo scrive:

    Ciao a tutti,sono Matteo vorrei sapere cosa fa nellla macchina

  • questi suggerimenti sono x tutte le razze di cani scrive:

    Questi suggerimenti sono x tutte le razze canine.

  • ilaria scrive:

    Salve ho un cane adulto e di grande taglia che soffre di mal d’auto inizia con il vomito e finisci con andare di corpo….a breve dobbiamo trasferirci e ho paura sia del tragitto che durerà 20 minuti che del nuovo luogo….come posso fargli capire che non verrà abbandonato? e non farlo soffrire durante il bviaggio e nella casa nuova?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Ilaria, diciamo che dovresti lavorare su due fronti, ovvero sul mal d’auto del tuo beagle e sull’abituarlo alla nuova abitazione. Per quanto riguarda il mal d’auto, è possibile che il tuo beagle entri in uno stato di ansia quando sale nell’abitacolo, magari per qualche trauma o un semplice ricordo spiacevole avvenuto in passato, pertanto il nostro consiglio è innanzitutto di utilizzare un trasportino. Molto spesso questo strumento si rivela risolutore nei casi di mal d’auto, perchè se il cane viene abituato correttamente al suo utilizzo, al suo interno si sente protetto e al sicuro, non viene sballottato di qua e di là ed ha una visuale molto ridotta di ciò che succede all’esterno. Oltre a questo, sarebbe bene intraprendere un percorso graduale di abituazione alla macchina, cominciando a farlo salire a motore spento per pochissimi istanti e premiandolo ogni volta. Poi piano piano si può aumentare il tempo, chiudere le portiere, accendere il motore, percorrere pochissimi metri e così via… In modo da rendere l’auto una routine e da far capire a Charlie che non comporta nulla di negativo. Anzi, sarà davvero fondamentale fargli associare alla macchina sempre esperienze positive, come premiarlo con dei bocconcini saporiti o portandolo sempre in posti piacevoli e divertenti. Inoltre potrai farti prescrivere dal tuo veterinario un’apposita terapia per evitare di farlo stare così male. Ecco qualche articolo a riguardo:
    Se il beagle soffre il mal d’auto
    Trasportino per beagle
    Per il resto devi cominciare prima possibile a portarlo a visitare la nuova casa e, anche il questo caso, fargli associare sempre esperienze positive. Inoltre sarà importante creargli un angolino tutto suo, con la sua cuccia, le sue ciotole, i suoi giochi ecc… in modo che per lui non sia proprio tutto nuovo e possa riconoscere un luogo sicuro anche nella nuova abitazione.

  • laura scrive:

    Anch’io ho un cucciolo di welsh terrier che soffre di mal d’auto e dopo un paio di esperienze “negative” sono preoccupata per non poterlo portare con me quando mi sposto in macchina.Proverò a mettere in pratica quanto ho letto nel sito e spero di poter risolvere il problema.Vi saprò dire…..

  • Diletta scrive:

    Ciao a tutti! volevo chiedere un consiglio.
    Ad aprile,Rose, la mia amata beagle ci ha lasciati dopo 16 anni di puro amore, è stata una tragedia, anche perché mi era stata regalata prima dell’inizio della prima elementare e ormai io e lei eravamo qualcosa di inseparabile. Ma, a fine agosto arriverà Margot la nostra nuova cucciola!
    L’allevamento dove andiamo a prenderla dista 2 ore da casa e vorrei sapere cosa fare per far si che non stia male…
    Da quello che mi ricordo, Rose era stata male durante il suo primo tragitto verso casa, aveva sbavato molto e verso la fine anche vomitato.
    Cosa posso fare perché a Margot questo non succeda? tenerla davanti in braccio a qualcuno, fermarci ogni mezz’ora? avete consigli?
    Grazie mille

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Diletta, non è assolutamente detto che un cucciolo debba per forza stare male in auto, quindi non stare a preoccupartene troppo prima del tempo. Assicurati con l’allevatore di lasciarlo a digiuno e, una volta sbrigate tutte le pratiche burocratiche per l’adozione, falla camminare e giocare un pochino prima di metterla in macchina ed assicurati che faccia i suoi bisogni. Sarà anche importante farla sentire a proprio agio portando a casa un po’ di odore rassicurante, perciò porta con te una tua vecchia maglietta, un panno o una copertina e chiedi all’allevatore di strofinarlo in quella che fino a quel momento è stata la sua cuccia e magari anche addosso alla sua mamma. Una volta in macchina tienila sulle tue ginocchia adagiata su questo telo in modo da farla stare più serena possibile. Poi regolati in base a lei: se è tranquilla e di mette a dormire non è necessario fermarsi, non faresti che aumentare lo stress… Se invece sbava molto e vomita allora fai delle soste per farle prendere un po’ d’aria. Puoi trovare altri consigli nell’articolo Andiamo a prendere il cucciolo di beagle.