Torna all'homepage

Andiamo a prendere il cucciolo di beagle!

Autore: Francesco Vischi
Categoria: Beagle cucciolo

prendere cucciolo fotoFinalmente il grande giorno è arrivato! 😀

Sì, abbiamo deciso: siamo pronti per goderci il nostro beagle cucciolo, che crescendo ci regalerà gioie meravigliose tra magnetici sguardi d’intesa e corse giocose all’aperto, rigenerandoci con il suo calore ogni volta che rincaseremo (anche dopo un solo minuto per buttare la spazzatura!).

Se non è più tempo per gli esami di coscienza e se ogni dubbio è svanito… andiamo a prendere il beagle cucciolo!

Per non arrivare impreparati, ecco una lista di oggetti che possiamo portare con noi che ci saranno utili durante il viaggio di ritorno verso casa e nei primi giorni che il cucciolo sarà con noi:

  • Un piccolo pupazzo da dare al cucciolo una volta che l’avremo in braccio: prenderà più facilmente l’odore del suo ambiente e potremo metterglielo nella cuccia per tranquillizzarlo.
  • Bottiglietta o borraccia con acqua se dovesse avere sete (lo scopriremo avvicinandogli al musetto il tappo o una ciotolina appena riempiti).
  • Carta assorbente per esser pronti a qualsiasi tipo di “scarico non autorizzato”.
  • Collare e guinzaglio, non da fargli indossare ma da fargli annusare fin da subito in modo da creare confidenza con gli oggetti che userà per una vita.
  • Bastoncino di pelle di bue masticabile per rallentare lo stress del trasporto e relativo trambusto (un po’ come il ciuccio per i neonati!).
  • Una traversa particolarmente utile se, a tratti, il Beagle cucciolo verrà adagiato sul fondo dell’auto o sui sedili per farlo sgranchire un po’. Se (com’è molto probabile che sarà) non avrà finito i cicli di vaccinazioni è altamente sconsigliato fargli fare passeggiate anche brevi in strada o in aree di servizio, dove sono passati altri cani lasciando i relativi “ricordini”.
  • Uno straccio, un vecchio maglione o una copertina. E’ importantissimo chiedere a chi ci sta dando il cucciolo di strofinare questo oggetto o sulla madre o sui fratellini o nel giaciglio dove la “nidiata” ha dormito. Con questo accorgimento l’odore dell’ambiente frequentato dal cucciolo lo potremo portare direttamente nella cuccia e contribuire a fargli passare nottate più tranquille (e di conseguenza le passeremo più tranquille anche noi).
  • A piacere: macchina fotografica, videocamera o quant’altro per ricordare il lieto evento!

Una volta arrivati, potremmo dover scegliere il cucciolo dalla cucciolata.

Se ci siamo rivolti ad un buon allevatore, ad un professionista serio ed onesto, potrebbe essere direttamente lui a proporci i cuccioli tra i quali scegliere quello che fa per noi.
In questo caso possiamo fidarci: in base alle noste richieste un bravo allevatore sa quali possono essere i cuccioli che fanno per noi perché li ha visti nascere e i conosce tutti molto bene.
Non ci rimane che scegliere quello che esteticamente ci piace di più! 🙂

Se ci procuriamo il beagle cucciolo da altre parti, nonostante quello che si sente in giro sulla validità o meno di certi test di comportamento, non abbiamo elementi certi per poter stabilire il carattere e le tendenze dei cagnolini che abbiamo di fronte.

A questo punto non ci resta che osservare la cucciolata e tenere presente che l’individuo più scalmanato e quello più riservato e pauroso rappresentano gli estremi dei caratteri che possiamo trovare.
In linea di massima, però, le variabili in gioco sono talmente tante che determinare il carattere che il cagnolino avrà in futuro è praticamente impossibile.

Se vogliamo, una volta scelto il cucciolo preferito possiamo fare il seguente veloce esame per capire se sia in salute o no.
Ciò non toglie che AL PIU’ PRESTO lo faremo visitare da un veterinario esperto e fidato!

Testa:

– La dentatura dovrebbe avere una corretta chiusura a forbice.

– Gli occhi devono essere allegri e puliti senza secrezioni visibili (la secrezione fresca può essere sintomo di congiuntivite, quella secca di cimurro).

– Le orecchie  devono essere pulite e senza strani odori (un cattivo odore può significare la presenza di acari e quindi di rogna dell’orecchio).

Addome:

– Non deve essere teso e gonfio, altrimenti è probabile che abbia parassiti intestinali.

Zona perianale:

– Dev’essere pulita. Se intorno all’ano ci sono macchioline giallastre il Beagle cucciolo potrebbe avere diarrea causata probabilmente da parassiti intestinali.

Pelo:

– Dev’essere lucido ed inodore. Quest’ultima qualità non è sempre possibile averla ma non c’è niente di male, spesso il cucciolo puzza di “allevamento” e sarà necessario lavarlo con apposito shampoo secco una volta arrivati a casa (niente bagnetto prima di due settimane dal termine delle vaccinazioni!).

Ed ora, buon divertimento! 😀

19 commenti:
  • Vanilla scrive:

    Molto utile sapere queste cose che a volte uno non ci pensa ma bisogna essere organizzati al meglio.

  • emanuel scrive:

    salve a tutti,sto passando le nottate davanti al pc,xavere piu informazioni possibili,visto che manca un mesetto e poi la mia cuccioletta farà parte della famiglia.nn nego che i dubbi siano tanti,specialmente xi parassiti visto che ho 2 bimbi piccoli,ma poi penso a quante emozioni vivremo insieme e il desiderio s fa sempre piu forte.
    mi auguro che andra tutto bene

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao! È normale sentirsi un po’ disorientati, soprattutto nella tua situazione con due bimbi già presenti in famiglia 🙂
    Non preoccuparti, però, perché siete già partiti con il piede giusto ricercando il più possibile informazioni utili. Per quanto riguarda i parassiti, la cosa più importante da fare è portare subito, immediatamente la cagnolina a fare la prima visita di controllo dal veterinario e poi rispettare le scadenze successive. Questa è l’arma più efficace per non avere seccature. Se bambini e cani sono sani e vivono in un ambiente pulito, la vicinanza tra di loro non dà problemi nonostante ci siano ancora in giro credenze medievali del tipo “i cani portano malattie”, eccetera.
    In questo articolo, poi, puoi trovare qualche informazione sulla gestione del binomio cane-bambino: https://www.amicobeagle.it/beagle-cucciolo/bambini-cuccioli
    Vivere con un beagle è un grande privilegio che può regalarti emozioni e ricordi indimenticabili. Ti facciamo un grandissimo in bocca al lupo per tutto! 🙂

  • laura scrive:

    Buongiorno date che a settembre mi arriverà una cucciola vorrei farvi una domanda:molti allevatori di beagle dicono che sarebbe grave se un cane docile come il beagle fosse aggressivo .secondo voi è verò

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Laura,
    l’aggressività è per definizione “la capacità del cane di reagire ad una situazione percepita come minaccia”.
    La cosa importante, quindi, non è che la tua cagnolina non diventi mai aggressiva (se un altro cane cercherà di aggredirla, lei avrà tutto il diritto di diventarlo!) ma che percepisca le minacce quando sono veramente tali.
    Questo si ottiene prima di tutto con una selezione responsabile da parte dell’allevatore e con una crescita equilibrata da parte dei proprietari, soddisfacendo prima di tutto i suoi bisogni fondamentali di salute, movimento, socialità, ecc.

  • Daniela scrive:

    Salve,il mio Sam, beagle di nove mesi,gode di ottima salute e dimostra di avere un buon carattere con tutti… in questi ultimi giorni osservando più attentamente la sua dentatura, durante uno dei vari match di lotta a mordicchiare le mie mani,mi sono accorta che gli mancano uno o forse due denti nell’arcata dentaria inferiore sinistra (… premolari?..)Sapreste dirmi se questo inconveniente è comune e se posso sperare che crescano magari fra un po’?
    L’eventuale mancanza di un dente quali problemi può creare ad un cane?
    Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Daniela, in effetti non è normale che ad un cane di nove mesi manchino dei denti, può essere che abbia ritardato il cambio da quelli da latte a quelli definitivi e quindi cresceranno presto. Però ti consigliamo di rivolgerti ad un veterinario per sentire il suo parere a riguardo.

  • Ludovica scrive:

    Utilissimo! Grazie infinite 🙂

  • Anna scrive:

    Buongiorno, siamo ancora noi gli amici di Nina che ci conforta da lassù ( è un dolore immenso). Su ” le famiglie dei beagle in affido” ci stanno aiutando tantissimo, siamo stupiti e commossi da tutto questo affetto. Ora stiamo per prendere una decisione importante, voi forse ci potete aiutare: C’è Bea, una fattrice di green Hill che è più traumatizzata di com’era Nina che aspetta una famiglia. Ci sono due cuccioli nati liberi da una fattrice di green Hill, al canile ce ne darebbero uno. Sarebbe più facile, credo, non ha nessuna paura. Con Bea invece sono terrorizzata io: a parte il fatto che mi ricorderebbe Nina, i suoi traumi potrebbero causare lo stesso dramma di Nina? Un cucciolo invece sarebbe tutta un’altra cosa: bisogna insegnargli tutto ma è un cane ” normale”. Oppure rinunciare e tornare ” soli” come è sempre stato. Non vogliamo rendervi responsabili della decisione, è ovvio, ma un parere o una parola che ci possa aiutare in questo momento ( come già avete saputo fare qualche giorno fa) ci sarebbero molto graditi. Grazie come sempre di esserci. 🙂 Anna e Vittorio

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Anna, purtroppo un dolore così grande ha bisogno di tanto tempo per essere superato, ma sicuramente avere tante persone che vi dimostrano di esservi vicini con affetto sincero aiuta molto. Appoggiamo l’idea di “risalire subito in sella” adottando un altro cane, vi aiuterà a distrarvi dalla recente perdita ed a non crogiolarvi troppo nei ricordi di Nina, anche se nessun cane potrà mai sostituirla. La cosa fondamentale però, è che lo facciate con tutto il cuore, senza farvi influenzare da tutte le persone che vi spingono a prenderne subito un altro, quindi rifletteteci bene e prendete una decisione ponderata. Se invece siete già convinti della scelta, allora secondo noi sarebbe meglio adottare un cucciolo che sì, avrà tutti quei comportamenti tipici dell’esuberanza e della vivacità dei cuccioli, ma il suo carattere sarà plasmabile e, se sarete bravi, crescerà senza particolari problemi di comportamento. Problemi che invece potrebbe già avere una fattrice, purtroppo reduce da una vita trascorsa in una gabbia e adesso si ritrova a confrontarsi con mille paure. In questo caso ci vorrà tanta pazienza ed un lavoro accurato e quotidiano su di lei prima di farle vivere una vita il più possibile normale, per questo sarebbe meglio che fossero delle persone “esperte” ad adottare un cane di questo tipo e soprattutto persone non reduci da una recente esperienza drammatica come la vostra. Fateci sapere! 🙂

  • Raffaele scrive:

    Anke se lo prenderò a marzo stò cominciando già il conto alla rovescia !!! =)

  • Angelita scrive:

    Ciao! Tra meno di un mese io e la mia famiglia andremo a prendere il nostro cucciolo di beagle di 2 mesi. Non vedo l’ora ma dato che è il nostro primo cane sono piena di dubbi e ammetto disorientata e un po in ansia. Vorrei fare le cose al meglio e sto leggendo tantissima documentazione. Ma poi immagino il giorno fatidico e una domanda mi assale: “e adesso?” Come dovrei organizzare le giornate con un cucciolo? Ho 2 figli da accompagnare a scuola, lo porto con me o posso lasciarlo per circa mezz’ora da solo a casa fin da subito? Io pensavo di fare così: sveglia alle 6:30 e lo porto fuori per i bisogni. Poi rientro a casa sveglio il resto della truppa, colazione…dó la pappa anche al cucciolo? Poi che faccio? Io coi bambini devo uscire di casa intorno alle 8:20 e poi sarei a casa prima delle 9…e poi sarei tutta per lui…scusate se vi faccio queste domande ma sono inesperta e ho più dubbi di quando aspettavo la mia prima figlia!!!!!
    A presto,
    Angelita

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Angelita! Ovviamente sei tu che dovrai organizzare le tue giornate in base ai tuoi impegni, noi possiamo solo dirti che le tue abitudini ed il tuo stile di vita sono assolutamente compatibili con la gestione di un cucciolo di beagle, se saprai dedicare tempo, impegno e pazienza alla sua educazione. Non preoccuparti del fatto che non potrai stare sempre con lui, il cucciolo può abituarsi benissimo a rimenre solo qualche ora al giorno a patto di prendere i dovuti accorgimenti. A questo riguardo il primo consiglio che possiamo darti è di non lasciargli tutta la casa a disposizione quando lo lasci solo, ma di confinarlo in uno spazio ristretto o al massimo in una stanza molto piccola, dove ha tutto il necessario per sentirsi tranquillo e al sicuro (cuccia, ciotola dell’acqua, qualche gioco, qualcosa da masticare) e una traversina dove poter eventualmente fare i bisogni. Inoltre dovresti cominciare ad abituarlo in modo graduale a restare da solo e a prendere una serie di accorgimenti per fargli sopportare meglio la situazione. Trovi informazioni più dettagliate nei seguenti articoli che ti consigliamo di leggere molto attentamente:
    Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”
    Come insegnare al cucciolo di beagle a rimanere solo

  • Laura C. scrive:

    A tutti coloro che stanno per intraprendere una splendida avventura con un cucciolo di Beagle, a coloro che li hanno soccorsi, amati e curati a tutti i padroni insomma, vorrei dire che quello che questa splendida razza sa dare è semplice…amore allo stato puro in tutte le sue forme. Un Beagle è un Beagle
    Curioso, vivace intraprendente a volte goffo e buffo. Un simpatico “personaggio”. Anche quando i ns compagni di scorribande non ci saranno più, avranno lasciato un segno talmente indelebile in noi che dovrà renderci orgogliosi di essergli stati complici. Non si tratta di padroni, ma di compagni di vita. Ogni giorno può essere un’avventura con loro. Fatene tesoro.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Grazie per il tuo contributo Laura, concordiamo con ogni tua parola! 🙂

  • Andrea scrive:

    Salve, volevo ringraziarvi immensamente, perchè leggendo i vostri articoli e le risposte ad altri mille quesiti, formulati dai padroni di questo splendido animale, mi avete riempito di molta tranquillità e molta più serenità. Stò per avere un cucciolo di beagle, e molte persone mi hanno detto che sarebbe diventata un avventura ai limiti del possibile. Non nego che anche leggendo la vostra frase, il beagle un cane per molti ma non per tutti, all’inizio ho avuto paura, ma poi leggendo tutto molto attentamente mi sono reso conto che la frase non è indirizzata al cane, ma bensì al padrone. Già il beagle è un cane, come tutti gli altri, che ha bisogno di un padrone che soddisfi a pieno i suoi bisogni. Ora sono veramente pronto a questa sfida, in fondo nella vita ogni cosa è una sfida che per vincere bisogna applicare dedizione e costanza. Questa sarà la sfida più bella 🙂

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Andrea, hai perfettamente colto nel segno e ci sembra proprio che tu stia iniziando questa fantastica avventura con il giusto spirito! In bocca al lupo! 🙂

  • Francesca scrive:

    Ciao! Sto studiando come non ho mai fatto nella vita! Fra qualche settimana andrò a prendere la cucciola in allevamento. Spero proprio di riuscire a creare un ambiente sereno per lei e a instaurare le giuste abitudini.
    Non vedo l’ora di averla a casa.
    I miei figli sono felicissimi, l’abbiamo già conosciuta, è bellissima. 🙂 <3

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Francesca, complimenti perché cercare il maggior numero di informazioni possibile per crescere al meglio il tuo futuro cucciolo ancora prima di portarlo a casa fa già di te una proprietaria seria e responsabile! Crescere e gestire un cucciolo di beagle è tutt’altro che una passeggiata di salute, per questo è necessario essere il più possibile preparati al suo arrivo e tu stai sicuramente partendo con il piede giusto! Un grande in bocca al lupo per la meravigliosa avventura che stai per intraprendere! 🙂

Lascia un commento