Torna all'homepage
Lug
27

Il beagle e la socializzazione

Autore: Francesco Vischi
Categoria: Beagle cucciolo, Educare Beagle

beagle socializzazione foto

La socializzazione è un’esigenza cruciale per il beagle, come per tutti i cani. Ne abbiamo parlato nel report gratuito “I 4 Pilastri del Cane Sano” e abbiamo visto cosa vuol dire essere un “animale sociale”, oltre a chiarire come soddisfare il bisogno del beagle di interagire con altri cani e altre persone.
Dalla socializzazione non si scappa, per lui è importante quanto la salute!

Se vogliamo che il nostro beagle cresca con il miglior carattere possibile è fondamentale che ci occupiamo ogni giorno di questo aspetto, per proteggerlo da alcuni problemi di comportamento e per regalare una vita migliore sia a lui che a noi.

Intanto…

Cosa succede ad un cane quando il bisogno di socialità non viene soddisfatto regolarmente?

Nel corso del tempo sviluppa tutta una serie di comportamenti anomali, che sono tanto più gravi quanto meno viene soddisfatta la sua esigenza di socializzazione.

Ci sono cani che hanno letteralmente paura di tutti, sia di qualsiasi persona che di ogni animale che vedono (anche se di piccola taglia). Spesso una paura eccessiva si trasforma in aggressività, quindi altri cani diventano delle belve in presenza di altri animali o persone di cui non ci sarebbe da avere il minimo timore.
Ci sono poi cani che hanno paura o si irritano addirittura di fronte a certi oggetti, certe situazioni o certi rumori.

Questi sono solo i problemi più comuni.

In più, alcuni comportamenti anomali possono essere scambiati per capricci, bizze, lati strani del suo carattere, ma in realtà un cane costretto a sopportare questi stress soffre. Un proprietario responsabile ha il dovere di non nascondersi dietro frasi del tipo “mah, è fatto così” oppure “a lui non piace nessun altro cane” e indagare su quali sono le cause di questi comportamenti, anche chiedendo aiuto ad un professionista, se è il caso.

Come soddisfare correttamente questo bisogno fondamentale?

Se facciamo diventare la socializzazione parte delle nostre abitudini di tutti i giorni, è praticamente sicuro che non succederà nulla di tutto quello che abbiamo detto sopra.

Se prendiamo il cucciolo in un allevamento, intanto, lo stesso allevatore dovrebbe iniziare una buona pratica della socializzazione ancor prima del nostro arrivo, facendo abituare i cuccioli alle carezze, alle parole e al contatto con diverse persone.

Quando portiamo a casa il cucciolo di beagle, sta a noi continuare (e nel peggiore dei casi iniziare!) il processo di socializzazione.
Le prime 12 settimane di vita sono quelle più importanti ed è in questo periodo che dobbiamo concentrarci di più per fargli conoscere persone, oggetti, posti e rumori.

Naturalmente questo entra in conflitto con il consiglio del veterinario di non portarlo in giro prima della conclusione delle vaccinazioni ma possiamo ugualmente procedere in diversi modi.

  • Invitiamo da noi i nostri amici chiedendogli di giocarci o di tenerlo in braccio e se hanno animali facciamo in modo che si conoscano.
  • Se conosciamo zone poco frequentate da altri cani o comunque libere dai loro escrementi, cerchiamo di portarci il cucciolo sotto la nostra attenta supervisione.Se qualcuno lo vorrà accarezzare lasciamoglielo fare.
    Informiamolo in modo gentile su come avvicinarsi correttamente al cagnolino, cioè senza piombargli addosso dall’alto toccandogli la testa ma inginocchiandosi e mostrandogli il palmo aperto della mano, per poi accarezzarlo delicatamente sul fianco o sul petto.Se il cucciolo si impaurisce di fronte ad una persona, facciamo in modo che questa gli offra un bocconcino così assocerà l’incontro con estranei a qualcosa di positivo.Se qualche altro cane al guinzaglio vorrà fare conoscenza, procediamo sempre con la massima attenzione ma… procediamo! :-)Una mossa classica di presentazione tra due cani sconosciuti che si incontrano è annusarsi il posteriore, quindi se vediamo che l’altro cane è tranquillo e sotto il controllo di chi lo sta portando a spasso, lasciamo pure che si annusino.
    In questo gesto non c’è niente di “sporco”, al contrario di quello che tanti sembrano vedere quando tirano indietro il loro cane scandalizzati.
  • Portiamolo a fare dei giri in auto, magari per andare a trovare amici con animali, così da rendergli familiari rumori e situazioni in cui si troverà spesso nel corso degli anni.

Quando si sarà creata una routine quotidiana, potremo assicurarci di trovare un momento per farlo incontrare e giocare con qualche amichetto in aree sicure.

Questo è un completamento ideale alle passeggiate quotidiane e, anche se sembra un particolare da niente, per il nostro amichetto è uno sfogo importantissimo.

In fondo più persone, più animali e più situazioni gli faremo conoscere più capirà che dal mondo, di solito, non ha nulla da temere! 🙂

86 commenti:
  • Michele scrive:

    Giustissimo. È importante che il cane venga abituato a stare con altri animali e con le persone (anche l’imprinting è importante!). Un cucciolo che abbia esperienze POSITIVE diverrà un adulto migliore.

    Un corso di educazione sarebbe perfetto: ci sono altri cani ed altre persone.

  • Gianluka scrive:

    ciao io ho un beagle di due mesi…purtroppo tolto alla mamma a solo un mese….e con le persone e un po timido pero dopo poco prende confidenza e gioca senza alcun problema…invece con altri cani nn riesco a farlo giocare rimane impaurito eppure i cani hanno la stessa eta sua nn capisco…un consiglio??? grazie …

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Gianluca, il fatto che Sasha sia stata tolta dalla sua mamma così presto sicuramente non aiuta, le è stata negata una fetta importantissima di esperienze e di insegnamenti fondamentali. Sarebbe però il caso di farle fare quante più esperienze possibile, niente è irrecuperabile! Insisti e mettila a contatto in modo graduale ma costante e meno traumatico possibile con altri cani, possibilmente cuccioli o, meglio ancora, adulti equilibrati che possano insegnarle le regole di base di comportamento e di comunicazione “canina”. Magari puoi anche iscriverla ad un corso di puppy class, in modo che le sue esperienze di socializzazione vengano seguiti da esperti educatori e possano anche darti delle indicazioni e dei consigli da seguire per farla crescere al meglio. Ecco qualche articolo che potrebbe interessarti:
    Beagle cucciolo: 3 ragioni per prenderlo dell’età giusta
    Prime esperienze da cucciolo: perché sono così importanti?
    La Puppy Class

  • elena scrive:

    ciao, intanto complimenti x il sito e per la pagina fb , il mio quesito è questo: al parco porto pippi 3 mesi 1/2 e cè dago 2 mesi ( a casa solo da alcni gg e prima in cucciolata con 7 fratelli) giocano molto insieme viste le dimensioni simili a dago non controlla il morso sempre e ogni tanto pippi dice “cai cai” e di conseguenza diventa anche lei un po piu tosta….come dobbiamo comportarci??? al momento io e l altra padroncina interveniamo e li separiamo…cerchiamo di calmarli ecc ..ma poi ricominciano…cè un sistema x farli giocare insieme tranquilli…grazie e complimenti ancora

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Elena, grazie per i complimenti! Dunque, stiamo parlando di due cuccioli che giocano, quindi può esserci un pò di foga nel gioco, ma di sicuro non c’è aggressività. Probabilmente devono ancora “prendersi le misure” e capire quali sono i limiti che non devono superare nei confronti dell’altro e questo sono loro stessi a stabilirlo. Per questo lasciate che si gestiscano da soli ed intervenite soltanto se il gioco diventa troppo acceso e se rischiano davvero di farsi male. In questi casi comunque, non prendete i cani in braccio ma semplicemente cercate di attirare la loro attenzione e di distrarli dal gioco, teneteli calmi per un pò e poi lasciate che si riavvicinino.

  • elena scrive:

    grazie mille…oggi proviamo a lasciarli giocare….

  • Alessandra scrive:

    Innanzitutto complimenti per il sito!Vorrei chiedere una cosa…il mio beagle (maschio di un anno e mezzo) se viene qualcuno in casa che non conosce non mostra nessun segno di aggressività,anzi fa festa a tutti, ma fuori si trasforma. Ringhia a tutte le persone che incontra e anche a tutti i cani. Si tratta di un problema di socializzazione?Posso fare qualcosa per risolverlo?Grazie per l’aiuto!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Alessandra, grazie per i complimenti! Dunque, da quello che scrivi sembra che la situazione sia piuttosto delicata. Il comportamento del tuo beagle, più che essere dovuto ad un problema di socializzazione, può essere causato dalla paura che l’ambiente esterno e tutti gli stimoli provocano in lui perchè forse da cucciolo non ha avuto modo di fare le esperienze più basilari, e quindi reagisce ringhiando a tutti, cani e persone. Ad ogni modo possiamo solo fare delle ipotesi, perchè per capire che cosa causano questi comportamenti bisognerebbe analizzare nel dettaglio le singole situzioni e fare le dovute valutazioni osservando da vicino il cane. Pertanto l’unico consiglio che possiamo darti, prima che la situazione degeneri, è di rivolgerti ad un professionista (un educatore o un comportamentalista) il cui occhio esperto saprà decifrare questi atteggiamenti, capire da cosa sono provocati e cercare di risolvere il problema.

  • Alessandra scrive:

    Ciao Simona.grazie 1000 per la risposta.Seguiro il tuo consiglio dato che davvero non riesco a capire questo suo comportamento soprattutto dato che è sempre stato fin da piccolino molto in giro ed in mezzo a molta gente.
    Grazie ancora per la risposta e per il bellissimo sito!=)

  • Fabio scrive:

    Ciao. Complimenti davvero per il vostro sito. Domani iniziamo la puppy class dall`allevatore e settimana prossima jolene(cucciola di beagle) verrà a stare a casa con me e la mia ragazza. In questi giorni stiamo cercando di informarci il piu possibile in modo da fare tutto per bene al suo arrivo. Siamo molto contenti ma anche preoccupati perché viviamo in un condominio e vorremmo evitare il piú possibile problemi con i vicini.
    Per quanto riguarda la socializzazione con gli altri cani avremmo una domanda probabilmente dettata dall`inesperienza. Alle prime passeggiate come dobbiamo comportarci quando incontreremo un cane adulto? Possiamo lasciarli interagire senza paura?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Fabio, ti ringraziamo per i complimenti. Dunque, il beagle è un cane fantastico, ma anche molto impegnativo, soprattutto nei primi periodi della sua vita. Per questo motivo FAI BENISSIMO ad informarti il più possibile sulle sue caratteristiche e a prepararti al meglio per il suo arrivo. Per rispondere alla tua domanda, solitamente non ci sono problemi nel fare incontrare il cucciolo con un cane adulto. Magari per precauzione, chiedi al proprietario il permesso di avvicinarti, sarà lui a dirti se non ci sono problemi o se è meglio evitare. In ogni caso fai sempre attenzione a come si comporta l’altro cane, se inizia a dare segni di fastidio o aggressività è meglio allontanarsi. 🙂

  • Monica scrive:

    Carissimi, un sincero GRAZIE per tutti i consigli che date e per il sito veramente Illuminante.Io ho un Beagle, Charly, di oramai 4anni,li compie come me a Gennaio, è un Vero Gentlemen Inglese di tutto punto!
    Fin da cucciolo è sempre stato buonissimo, calmissimo, fin troppo,(faceva 3 passi e poi zac, sdraiato a gambe aperte e non c’era verso di smuoverlo),mai rotto niente,affettuoso e pronto con noi ad ogni esperienza.L’abbiamo abituato a tutto :a viaggiarein auto, in scooter, che adora,(che ridere quelle orecchie al vento!),in mezzo alle Sagre e mercati,dove adora estasiato i fuochi d’artificio(a capodanno sta come Snoopy seduto in terrazzo ad osservarli e ci vuole con lui a godere lo spettacolo!)ecc.ecc. Socializza con tutti i cani,rispetta in maniera esemplare i piccoli, sia di altezza che di età, e nel gioco mai li travolge, o si ferma o li salta per non far loro del male. Quello che voglio chiedervi è un chiarimento sul comportamento che ha dopo aver conosciuto tutti i cani che trova o che ci sono in un gruppo,lui prima adirittura li chiama, con un dolce abbaio, mai cattivo, poi dopo l’annusatina reciproca, e un po’ di gioco,va per i fatti suoi, indipendente e fiero. Notiamo la differenza solo con la compagnia di un altro Beagle,Camillo, suo amico più vecchio di lui, dove dopo l’annusatina, partono assieme a testa bassa, naso incollato alla scia odorifera e come vecchi compagni di scorribande, si danno l’un l’altro i releaser di caccia,in perfetta sintonia, tanto che non badano più a noi padroni, e dove Camillo, bensì sia il dominante,ora che si è ammalato lascia ben volentieri il comando a Charly. E’ sorprendente vedere l’affiatamento anche se non si vedono per settimane. Con gli altri cani non è così,nemmeno con le femmine sue amiche da sempre,che adora ed abbraccia con le zampe davanti appena le vede: una di Pastore Tedesco, una di Labrador, una diPastore Maremmano….ama le taglie grandi. Lui ci gioca un po’, poi se ne va, rapito dalla prima traccia disponibile.Che ne dite? Noi tutti in famiglia lo adoriamo,ed a turno è sempre a spasso, sia con i miei 2 figli che con me e mio marito, tanto che l’abbiamo soprannominato “Avanti Savoia!”, da quanto è felice ed in prima linea per andare…….ovunque, sempre in avanscoperta.Ha un fiuto eccezionale,lungo il fiume Reno,(abitiamo a Bologna)scova di tutto, lepri, fagiani,talpe ecc.e lì si trasforma, dico io che diventa il Dott.Jekyll, da quanto si dimena, si attiva, e non molla la traccia, sordo a tutti i richiami.Grazie per la vostra cortesia Monica.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Monica, grazie per i complimenti e per la tua testimonianza, siamo davvero felici di sapere che il tuo Charly sia un beagle esemplare, speriamo che questo possa servire da incoraggiamento per tutti i proprietari che si trovano alle prese con un cucciolo scalmanato! Per quanto riguarda la tua domanda, non troviamo nulla di strano nei comportamenti che descrivi, è evidente che Charly sia perfettamente socializzato, quando incontra un altro cane per la strada ci tiene a salutarlo, per questo attira la sua attenzione abbaiando, ma questo non significa che subito debba iniziare a giocarci insieme. E’ anche normale che con ogni amico abbia livelli diversi di sintonia, con alcuni si trova meglio mentre con altri magari non scatta la scintilla, pur restando in buoni rapporti con loro. Con Camillo è evidente che ha sviluppato un’intesa particolare, forse perchè della stessa razza, forse perchè quando lui era cucciolo, il senior gli ha fatto un pò da guida. Insomma, è un pò come succede tra le persone, anche i cani sviluppano tra loro diversi gradi di amicizia. 🙂

  • Monica scrive:

    Carissima Simona, hai proprio ragione,io reputavo invece che, essendo una razza eccellente di segugi,badasse più al suo istinto di caccia che a tutto il resto. Infatti con Charly non si può restare tanto fermi a parlare con qualcuno, lui DEVE ANDARE….DEVE MARCIARE, soprattutto se ci troviamo all’aperto.Nei negozi invece ha imparato l’attesa e pensa che, fin da piccolo non fa MAI la pipì in un negozio, nè disturba. Roba da matti, dirà qualcuno! Invece no,penso che siamo riusciti a stabilire con lui, fin da subito, un rapporto chiaro, sincero, affettuoso ed autorevole assieme, anche perchè mio figlio più grande (ora ne ha 24)è un IPERATTIVO NATO e Diagnosticato, al 100%, di quelli che non dormono VERAMENTE MAI fin dal suo primo giorno e che si arrampicava persino su per i muri.(Loro due sono come Gianni e Pinotto, anche se, devo dire che, ora è Charly che porta a spasso mio figlio Paolo e non il contrario) Quindi,l’esperienza ci ha aiutato molto,io e mio marito siamo già dei Generali in guanti di velluto, pur essendo artisti e persone vivaci, e Charly l’ha capito subito, donandoci piena fiducia.Io penso, e dimmi se sbaglio, che gli animali, come i bambini hanno il sesto senso di capire subito che persona han davanti e se dimostri di essere un valido equilibrato capobranco,hai rispetto e fiducia incondizionati.Pensa che io gli ho sempre parlato, ed oggi non ho bisogno di tirare il guinzaglio quando voglio cambiare direzione, gli dico andiamo a destra o andiamo a sinistra e lui capisce tutto perfettamente anche quando è libero. Per non dirvi poi che,convive magnificamente con la nostra gatta Bi-Bi, che c’era già da due anni quando lui è arrivato, che gli lecca tutto il muso quando rientra dalle passeggiate e che ci gioca a saltargli sulla schiena, senza mai tirar fuori le unghie!roba da non crederci.Mi farò aiutare dai miei ragazzi,perchè io non sono tanto brava al pc, ma desidero inviarti qui nel sito delle foto di Charly, mi dici come debbo fare?
    Grazie mille, e scusa la lunghezza…Un Abbraccio a Voi, Monica.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Brava Monica, hai inquadrato perfettamente la situazione! Non serve usare la forza per avere il rispetto di un cane, bisogna guadagnarselo con dolcezza ed autorevolezza, facendogli capire che può avere piena fiducia in noi. E’ evidente che tu e tuo marito avete instaurato con Charly una relazione impeccabile, basata proprio sul rispetto e sulla fiducia reciproci e non è certo da tutti, quindi complimenti! Certamente i cani riescono a capire subito lo stato d’animo della persona che si trovano di fronte ed in base a questo adattano i loro comportamenti (per saperne di più: Ma i cani hanno davvero un sesto senso?) 🙂
    Ci farebbe molto piacere ricevere la foto del tuo Charly, puoi semplicemente inviarcela via mail all’indirizzo info@amicobeagle.it! Un abbraccio anche a te! 🙂

  • Giuseppe scrive:

    Ciao a tutti, ho un cucciolo di appena 2 mesi…è molto irruento verso gli altri cani. Mi capita di andare da amici che posseggono cani adulti e il mio cucciolo non viene accettato, o meglio capita il cane adulto trovandosi di fronte il cucciolo ringhia e abbaia per allontanarlo.
    Vorrei sapere se è preferibile evitare il contatto con questo tipo di cani oppure se è un comportamento utile alla crescita del cucciolo.
    Grazie.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giuseppe! Assolutamente continua a far socializzare il cucciolo con cani adulti! La loro reazione serve molto a fargli capire come deve comportarsi e che l’irruenza è mal tollerata, e nessuno come un altro cane adulto e dal carattere equilibrato può spiegarlo meglio ad un piccoletto di 2 mesi! 🙂

  • Giuseppe scrive:

    OK grazie! Bene sono contento, farò socializzare il più possibile…. 🙂

  • Monica scrive:

    Cara Simona, allora son capace,ve ne invierò alcune, anche con la gatta Bi-Bì, per farvi vedere che assumono la stessa posizione nel dormire. Mi permetto, con molta umiltà,di dare un ulteriore consiglio a Giuseppe,per il suo cucciolo. Oltre a farlo socializzare il più possibile,lo invito a non lasciare fare tutto il lavoro agli altri cani,deve essere in primis lui, “il Capo Branco” a dare uno stop a troppa vivacità, come fa la mamma con i più irruenti, per insegnarli le buone maniere. Infatti, non sai mai che cane incontri,pochi se ne trovano di equilibrati, e troppa energia inserita in un gruppo, anche di soli tre cani,che magari non hanno pazienza o che hanno loro stessi dei problemi, può far scatenare cose spiacevoli.Purtroppo sia al parco, che negli sgambatoi ne ho viste di scene, sempre perchè manca fin da subito, l’autorevolezza dei padroni che piuttosto di sorvegliare e curare i comportamenti errati dei loro cani, se ne stanno a chiacchierare,oppure mi son sentita rispondere che non hanno nè voglia nè tempo!!Con serenità, e non è facile lo so,ma si deve stare un po’ accorti.Scusate se mi son permessa,un caro saluto Monica.

  • Giovanna scrive:

    Ho un beagle maschio di 3 anni che non và d’accordo con altri cani dello stesso sesso, o per lo meno non con tutti, perchè con altri ci gioca tranquillamente. Come devo comportarmi?la castrazione serve in questo caso? ultimamente ha imparato anche ad andare al parco sciolto, ma non mi fido che fare? Grazie.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giovanna, non possiamo dirti se la castrazione potrebbe risolvere questo problema perchè non sappiamo da cosa è provocato. Se non andasse d’accordo con tutti i maschi allora forse aiuterebbe, ma visto che non va d’accordo solo con alcuni, temiamo che non possa essere una soluzione definitiva. Bisogna andare a fondo e analizzare il comportamento suo e dell’altro maschio durante l’incontro per capire cosa fa scattare la scintilla. Tieni comunque presente che anche i cani hanno simpatie e antipatie e che è normale che con certi cani proprio non si vada d’accordo! Cerca di fare attenzione quando lo lasci libero al parco e se vedi avvicinarsi un cane che non conosci richiama il tuo e aspetta di avere altre informazioni dal proprietario dell’altro cane prima di lasciare che si avvicinino.

  • Fabio scrive:

    Ciao. Noi sin dal primo giorno in cui abbiamo portato a casa jolene (cucciola di beagle di 70 giorni) abbiamo cominciato con passeggiate giochi e socializzazione. Forse pero abbiamo esagerato infatti ieri ha giocato un pochino nella neve ed é stata male tutto il giorno(vomito e tremori). Oggi é già tornata attiva ma non credo sia il caso di portarla fuori. Va bene se la impegniamo con dei momenti di gioco durante la giornata ma non la portiamo all`aperto per qualche giorno?

  • Francesco(AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Fabio, sì, probabilmente il freddo è stato eccessivo per Jolene, soprattutto se la zona del pancino è stata sottoposta a particolari sbalzi di temperatura. Per prima cosa ti consigliamo di sentire il parere del veterinario, poi va benissimo impegnarla in momenti di gioco senza farla stare all’aperto per un po’. Finchè è così giovane, quando fa molto freddo potete proteggerle la pancia con un cappottino o una semplice manica di maglione tagliata.

  • Mariano scrive:

    Oggi ho portato Aron a fare una passeggiata e ne ho approfittato per fargli conoscere il cucciolo di un amico, hanno giocato a lungo cercando di sottomettersi ma nessuno dei due era disposto a cedere, ad un certo punto abbiamo visto che il gioco si stava incattivendo e quindi li abbiamo divisi, al ritorno ho notato che Aron aveva un graffietto in un orecchio (non all’interno, tra il pelo) non essendo completamente vaccinato ora sono un pò preoccupato, ho controllato la “ferita” e sotto il pelo si intravede appena un graffietto, ho pulito un pò con acqua tiepida e poi ho tamponato con ovatta e acqua ossigenata. Ora mi chiedo se è il caso di farli giocare ancora o se è meglio evitare. Ah Aron quando corre giocando tende sempre ad abbassare la testa e quindi si ritrova sempre a zampe all’aria O.o

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Mariano, non preoccuparti per la piccola ferita, disinfettala con un pò di betadine diluito in acqua oppure del classico disinfettate per bambini (perchè senza alcool), vedrai che presto guarurà e non ci saranno conseguenze. Per il resto, è piuttosto normale che due cuccioli tra loro giochino in modo sfrenato, da quello che descrivi si direbbe che più che di una zuffa si trattasse solo di una fase di gioco molto convinto tra i due cuccioli. Non essendo stati presenti alla scena non possiamo sapere se c’erano segnali di aggressività, ma riteniamo che sia una possibilità remota in due cuccioli così piccoli, pertanto continua pure a farli incontrare se vuoi, ma sorveglia sempre il loro gioco ed intervieni se il gioco degenera.

  • Mariano scrive:

    Ah ok grazie mille per i consigli, credo anche io si trattasse di momento di foga eccessiva infatti anche dopo averli divisi non si sono abbaiati ma hanno continuato a guardarsi scodinzolando 😀 Un’altra cosa ma quando li lascio giocare prima o poi si fermano? O.o Sono stati lì a rincorrersi ed “azzuffarsi” senza sosta per mezz’ora e quando uno dei due si distraeva (soprattuto Aron) per fiutare qualcosa o darsi una scrollatina l’altro subito tornava all’assalto, cioè una cosa è incontrarci in un posto adatto per farli giocare e sfogare ma se li portiamo a fare semplicemente una passeggiata come si fa?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Beh, considera che sono cuccioli scatenati che hanno una dose infinita di energie da spendere, per questo vanno avanti a giocare finchè entrambi non sono totalmente sfiniti! Portarli a fare una passeggiata tranquilla adesso come adesso sarebbe un’impresa a meno di tenerli a distanza di sicurezza, tieniti in serbo quest’idea per quando saranno un pò cresciuti! 😉

  • Roberta scrive:

    Ciao, la mia piccola Mia è una tenerona, talmente tenerona che le piace essere abbracciata e noi non resistiamo quando viene e si alza sulle due zampette … e poi con gli altri cani è una gioia tutte le volte che li vede … l’unica cosa che ho notato è che quando c’è una femmina o maschio di taglia medio grande si accuccia sotto il loro muso e con il suo musino è come se cercasse qualcosa dalla loro bocca.
    Allora mi domando perhcè fa così?lei viene da Green Hill forse è stata staccata troppo presto dalla mamma?per il resto è adorabile, è vivace giocherellona, coccolona con tutti cani e umani nessuno gli resiste tutti le fanno una carezza e i cani come capiscono che è dolce si sciolgono anche loro … fortunamente tutti i cani del quartiere sono bravi come i loro padroni … 🙂

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Roberta, il comportamento della tua Mia denota semplicemente una certa riverenza verso i cani più grandi di lei, è un comportamento tipico dei cuccioli nei confronti dei cani adulti finalizzato a mettere in chiaro che non intende avere comportamenti di prevaricazione verso di loro. 🙂

  • laura scrive:

    Buongiorno!!!
    Eccoci al capitolo socializzazione!!!Cloe ormai è abituata alla presenza di persone diverse a casa, amici e parenti,e si comporta abbastanza bene…Ma con gli altri cani!!!!
    Purtroppo dove viviamo non ci sonoparchi o zone comuni per i cani,così Cloe è abituata a vedere altri cani chiusi nei loro recinti, dietro cancelli, solo quando andiamo a passeggio,e vorrebbe giocare…si avvicina, annusa, e poi parte ad abbaiare.Qualche giorno fa ho invitato a casanostra un’amica con una chiwawa, Maya, di 9 mesi…Cloe è abituata a giocare saltando,le abbiamo fatte annusare scodinzolavano, ma appena le abbiamo liberate dai guinzagli Cloe ha iniziato letteralmente ad inseguire Maya,e saltandole addosso per giocare l’ha terrorizzata!!!!!!!! Fine dei giochi con Maya che non ne ha voluto piu sapere di scendere a terra!!ieri siamo andati a fare una passeggiata insieme pensando che magari fuori, si sarebbe distratta, invece non ha smesso un attimo di abbaiare contro quellapovera piccola e smetteva solo seprendevamo una dele due in braccio ;-(
    il problema è che lo fa con tutti i cani…che siano chiwawa,Buldogg, inizia a tirare e abbaiare, anche se la faccio avvicinare per annusare, poi riprende!!!
    Suggerimenti!!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Laura! Beh, direi che il comportamento di Cloe è abbastanza normale dato che non ha mai offerta occasione di socializzare con i propri simili. Evidentemente lei ha una gran voglia di socializzare ed interagire con altri cani, per questo va fuori di testa ne incontrate uno. Ha una voglia matta di correre e di giocare libera da impedimenti ed è assolutamente legittimo, la socialità intraspecifica è uno dei bisogni fondamentali del cane. Essendo ancora piccola non riesce a controllarsi e a dosare le proprie energie a seconda del cane che si trova di fronte, per questo, pur con le migliori intenzioni, ha terrorizzato la chihuahua della tua amica. Cerca veramente di trovare ogni modo possibile per farla socializzare con altri cani: se non ci sono aree di sgambamento dove vivi, frequenta dei parchi (ci saranno pure delle zone frequentate dagli altri proprietari), se hai altri amici o parenti che hanno cani accordati per farli incontrare con Cloe oppure inizia a frequentare un centro cinofilo, dove solitamente ci sono anche delle aree adibite alla socializzazione libera.

  • laura scrive:

    In realtà la porto spesso dai miei cognati che hanno una bassotta che tengono in giardino, li sono libere di scorazzare felici senza problemi,solo che la bassotta non è abituata a camminare al guinzaglioquindi non saprei come si comporterebbe Cloe a passeggio con lei!Con lei ha trovato il giusto equilibrio, anche perchè la bassotta è già molto più adulta…Noi purtroppo viviamo in un posto infelice per i cani, non esistono davvero luoghi dove incontrarne di certo,dobbiamo fare km…Siamo stati a mare e li si chec’erano tanti cani a passeggio,la facevo avvicinare quando mi erapermesso daiproprietari,e cloe lì a saltare ed abbaiere;-(
    La povera piccola!!
    Comunque ritenteremo con Maya
    Grazie
    mille

  • Dino scrive:

    Ciao ragazzi. Niobe da ormai 10 giorni frequenta il parco per i cani quasi tutti i giorni( 5 volte a settimana) per circa 3 ore (2 ore la mattina e 1 il pomeriggio) e posso dire che le sue energie le spende tutte tanto che arriva stanca e dopo aver mangiato (e dopo i 10 minuti di follia) va subito a dormire. C’è però un problema. Lei ha 4/5 cuccioli con cui giocare anche contemporaneamente con i quali gioca ma con molta spavalderia va anche da cani adulti che però non solo le abbaiano o le ringhiano ma ultimamente 2 cani l’hanno morsa molto forte facendola piangere per diversi minuti. Oggi in particolare una l’ha morsa e lei ha pianto molto forte ululando per diversi minuti. in quel momento l’ho dovuta per forza prendere in braccio facendola calmare ed accarezzandola. Dopo una decina di minuti e quando l’altro cane è andato via l’ho lasciata e lei ha ricominciato a giocare con i cucciolo ma era un pò piu’ aggressiva tanto che dopo un’altra mezz’oretta ho prteferito portarla via. Ho fatto qualcosa di sbagliaot? Parliamo di socializzazione però la mia paura è che questi episodi la facciano diventare aggressiva verso gli altri. Se dovesse ricapitare come mi devo comportare? Mi chiedo com’è possibile che cani adulti siano aggressivi verso dei cuccioli. grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Dino, sicuramente esperienze negative di aggressione da parte di altri cani in questo periodo della vita di Niobe possono traumatizzarla e portarla a non avere più fiducia nei suoi simili. Per questo motivo da una parte è importante cercare il più possibile di evitare scontri, ma dall’altra è fondamentale continuare a farla socializzare regolarmente con i suoi simili. Se però ricapita cerca di non farne una tragedia e spaventarla più di quanto non lo sia già! Pertanto va bene andarle vicino e rassicurarla, ma assolutamente vietato prenderla in braccio! Piuttosto prendila al guinzaglio e portala a fare una passeggiata in modo che possa tranquillizzarsi e distrarsi dall’accaduto. In effetti è difficile vedere cani adulti comportarsi in modo aggressivo verso i cuccioli, ma capita che alcune femmine non vedano di buon occhio i cuccioli che non siano i loro, oppure può essere che semplicemente questi soggetti non abbiano avuto una corretta socializzazione o non siano equilibrati di carattere. Comunque, ora che conosci i soggetti che potrebbero minacciare una crescita equilibrata di Niobe, ti conviene evitarli.

  • Luca scrive:

    Ciao a tutti..
    Ho sentito pareri contrastanti sul chi dive che è assolutamente vietato scendere il cane prima di aver terminato i vaccini, quindi non prima dei 3 mesi e qualche giorno e chi invece giustamente dice che nei primi tre mesi il cucciolo ha un bisogno estremo di socializzare con il mondo che lo circonda: persone, cani, oggetti, suoni…
    Che fare? io oggi l’ho sceso al guinzaglio e gli ho fatto fare una passeggiata senza fargli attaccare il muso a terra percorrendo marciapiedi e aree pedonali.. ho ricevuto tonnellate di complimenti per Bonnie e molti si sono fermati ad accarezzarla e lei si è dimostrata molto socievole con tutti.. qualche piccolo timore quando ho attraversato la strada per la presenza di mezzi in movimento ma per il resto è stata tranquilla.. ho fatto bene?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Luca, in effetti ci sono pareri contrastanti in merito. Solitamente i veterinari consigliano di tenere il cucciolo chiuso in casa fino al termine del ciclo di vaccinazioni per non correre nessun rischio che possa compromettere la sua salute. Noi, in quanto educatori cinofili, invece consigliamo sempre di iniziare fin da subito a portarre il cucciolo fuori di casa, innanzitutto per impostare una corretta educazione ai bisogni (se ora si abitua a fare sempre i bisogni in casa, tra qualche mese ti ritroverai con una cucciolona che rimane fuori in passeggiata per ore senza fare niente, salvo liberarsi appena rientrata) ed in secondo luogo perchè è necessario farle vivere fin da ora il maggior numero di esperienze possibili affinchè non maturi paure o fobie che poi sarebbero difficoltose da risolvere una volta che la cucciola sarà cresciuta. E’ vero che è ancora molto piccola e sicuramente non ha terminato il ciclo di vaccinazioni, ma se si prendono le dovute precauzioni, come portarla in zone il più possibile “pulite” e poco frequentate da altri cani, evitare di farla entrare in contatto con cani sconosciuti, evitare di farla avvicinare a feci di altri animali e coprirla bene in caso di freddo o pioggia, non si corrono rischi.

  • Luca scrive:

    Perfetto grazie.. la mia veterinaria mi ha consigliato proprio quello che mi hai consigliato tu.. quindi vada per le uscite in sicurezza.. e sperem ben!!

  • Mariano scrive:

    Ciao ragazzi è un pò che non scrivo ma non smetto mai di seguirvi 😀
    Io ho la fortuna di avere diversi cuccioli della stessa età di Aron nelle vicinanze e una bella aiuola dove farli correre e giocare quindi credo di riuscire a soddisfare pienamente il suo bisogno di socializzazione, il problema è che poi durante la passeggiata appena vede un altro cane comincia a tirare e a fare il pazzo per andargli vicino e non riesce a capire che non tutti i cani possono avere la sua stessa voglia di giocare….spesso ho problemi anche con i randagi che vedendolo porsi in un certo modo sono spinti ad avvicinarsi e lì ovviamente alla paura che possa farsi male con un cane che non conosco si aggiunge quella che possa contrarre qualche malattia. Al momento Aron sta tranquillamente al guinzaglio senza tirare e senza crearmi problemi…ma se becchiamo un cane è la fine,è una cosa che va via crescendo o è un comportamento che devo cercare di correggere?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Mariano! Dunque, quello che descrivi è un comportamento tipico dei cani giovani e con tanta voglia di giocare ed interagire con altri cani, quindi non preoccuparti. Adesso per lui esiste solo il gioco ed è ancora così ingenuo da pensare che anche tutti gli altri cani la pensino come lui! 🙂 Vedrai che crescendo questa sua esuberanza diminuirà ed imparerà a controllarsi! Nel mentre quello che puoi fare è fargli capire che non gli neghi l’incontro con gli altri cani, ma che bisogna avvicinarsi a loro in modo tranquillo, perciò quando tira verso un suo simile tu bloccati immediatamente e riprendi a camminare solo quando Aron si tranquillizza, portandolo a salutare l’altro cane. 🙂

  • Mariano scrive:

    E’ quello che faccio da sempre, anche quando lo porto a giocare tutti i giorni con “i suoi amici”, appena comincia a tirare mi fermo e lui subito si siede come fa ogni volta che sente il guinzaglio teso ma non appena gli arrivo di fianco scatta di nuovo come una molla :\….comunque terrò duro e continuerò a fare così, grazie mille come sempre 😀

  • Giovanni scrive:

    Salve a tutti vi scrivo per chiedervi se secondo voi posso portare il mio piccolo timmy 2mesi con sola la vaccinazione della parvovirosi a casa della mia ragazza per fargli conoscere il suo akita 4 mesi k ha gia completato il ciclo di vaccinazioni

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giovanni, se entrambi i cuccioli sono in salute non dovrebbero esserci problemi, magari cerca solo di tenerli lontani l’uno dalle feci dell’altro.

  • laura scrive:

    ciao
    petra negli ultimi tempi non va daccordo con i cani di grande taglia!con quelli di piccola ha un carattere un po dominante ma non succede niente di anomalo! con quelli di taglia medio grande si scatena!!!!!intendo proprio ringhia e abbaia da attaccare!secondo voi a cosa è dovuto questo comportamento?(questo succede particolarmente quando facciamo una passeggiata in una stradina larga circa due metri forse attacca per la troppo poca distanza?) Devo ammettere pero che questo è successo particolarmente con 3 cani un dobermann,che era però bene addestrato ,un cane simile a un pitbull,ma piu grande questo molto ansioso,e i pastori tedeschi in generale!non so proprio che fare,è impossibile controllarla in certe situazioni,il cibo non serve a niente e tantomeno le mie parole(no,petra no)! cosa potrei fare?ormai secondo voi è obbligatorio ricorrere ad un addestratore cinofilo?anche perchè non so cosa potrebbe fare lui/lei che non ho gia tentato!e purtroppo non è che posso fermare ogni persona che ha un cane che non va d’ accordo con la mia e chiederli se si ferma così i cani si calmano!cosa potrei fare adesso?ripeto che con quelli di piccola taglia non ci sono problemi,perchè con quell di taglia grande si?
    grazie e scusate i miei assidui commenti!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Laura, come al solito per noi è difficile darti un consiglio così a distanza, senza poter assistere alla scena. E’ probabile che Petra abbia semplicemente paura dei cani di una certa taglia o abbia acquisito qualche associazione negativa verso di loro, e quindi reagisce con l’aggressività, soprattutto quando non vede vie di fuga, come ad esempio quando transitate nella stradina. Per risolvere il problema però è necessario l’intervento di una persona esperta, che analizzando i comportamenti di Petra riesca a capire quali sono le reali cause e quindi partire da lì per trovare una soluzione. Devi solo capire se ne vale la pena e quanto questo comportamento ti crea problemi.

  • Manuela scrive:

    Ciao, io ho appena adottato un beagle femmina. i vecchi “genitori” non la volevano più e noi l’abbiamo presa.
    Ha 10 mesi. Prima che arrivasse da noi viveva da in giardino con un cane di 9 anni.
    Noi la stiamo educando a stare in casa e devo dire che è molto recettiva e ascolta se non è troppo esagitata. La abbiamo solo da un paio di giorni.
    Abbiamo riscontrato due problemi; di cui uno Off topic; In cortile ci sono due cani Un Bull terrier Maschio tranquillissimo e una volpina, con la volpina gioca si rincorre ed è un amore vederle giocare insieme al Bull terrier invece abbaia in modo stridulo,con la coda abbassata e gli da piccoli morsichini sul collo, lui è bravissimo si fa fare tutto perchè vuole solo giocare lei invece sembra che non lo sopporti. Come mi devo comportare? voglio che giochino tranquillamente e non che lei lo attacchi.( sono tutte e due liberi senza guinzaglio ed il giardino è bello grande)
    L’altro invece è : ci hanno detto che mangia cibo secco ma da noi non lo mangia. sto usando la tecnica : glielo lascio 10-15 minuti se non mangia lo ritiro sia a colazione che a cena.
    Ieri mi è avanzata un po di pasta al sugo e l’ho mischiata alle crocchette allora si che ha mangiato il poco poco pasta che le ho dato ed un po di crocchette.
    Che alimentazione posso darle?
    scusate l’off topic ma non so veramente che pesci pigliare

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Manuela, tutto quello che devi fare è avere PAZIENZA. Dopotutto la cucciola è con te solo da un paio di giorni! Non si può pretendere che si abitui da subito al nuovo stile di vita e che da subito le vadano a genio tutti i componenti della famiglia! Lasciale un pò di tempo per ambientarsi, se il bull terrier non reagisce alle sue provocazioni allora non hai di che preoccuparti, vedrai che presto impareranno a capirsi. Stesso discorso per quanto riguarda il cibo: abbi pazienza! Non darle avanzi del tuo cibo (che tra l’altro fanno malissimo, se parliamo di pasta al sugo) appena non mangia! Insisti con le crocchette, lascia la ciotola a disposizione 20 minuti poi toglila e non darle nient’altro fino al pasto successivo. Se cominci adesso a viziarla, non ne esci più, arriverai al punto di doverle cucinare orata con patatine novelle per soddisfare il suo sofisticato palato! 🙂 Ecco qualche articolo che può chiarirti le idee:
    Alimentazione beagle: scegliere il cibo giusto
    Alimentazione del Beagle: la scelta del giusto cibo secco
    4 suggerimenti per scegliere le crocchette giuste
    Alimentazione del Beagle: gli alimenti vietati

  • Manuela scrive:

    Ahahahahah ok grazie mille per la risposta=) già oggi dopo un paio di tentativi mi ha lasciata mangiare in pace =)

  • giorgia scrive:

    ciao a tutti :)la mia piccola kira di quasi sei mesi è arrivata in casa quando aveva 70gg. il primo giorno era un pochino spaesata e si guardava intorno senza capire dov’era anche perchè è stata presa da un allevatore di cani caccia e non stava molto bene lì.. cmq si è ambientata subito giocarellona socievole con tutti e a volte anche troppo 😉 con i cani mai avuto problemi, ma se incontra un gatto anche se questo dorme sta fermo, abbassa le orecchie mette la coda in mezzo alle zampe si mette dietro di me terrorizzata e non riesco a capire il perchè, possibile che quando stava li abbia avuto un incontro troppo ravvicinato con un gatto? posso farle passare la paura?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giorgia, in effetti il comportamento della tua Kira è molto strano, solitamente succede proprio l’opposto, ovvero che il beagle scambia il gatto per una preda e vorrebbe partire all’inseguimento! Certo, è possibile che sia rimasta traumatizzata dall’incontro con un gatto in passato, solo che adesso per farle passare la pausa bisognerebbe trovare un gatto affabile e disponibile e iniziare con lui un percorso graduale di socializzazione finalizzato ad eliminare la paura. Chiaramente tutto questo si rende necessario se Kira deve vivere a stretto contatto con un gatto, altrimenti non è così indispensabile.

  • Giorgia scrive:

    Grazie mille per la risposta 🙂 il problema è che il mio ragazzo futuro compagno ha un gatto e quando andremo a vivere insieme avremo kira e un gatto, ma il suo gatto non è a fatto sociale anzi semmbra più una tigre e non so proprio come fare 🙁

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Accidenti, la convivenza allora non parte con i migliori auspici… Sicuramente sarà opportuno prevedere un graduale processo di socializzazione, magari mettendo il gatto all’interno di un trasportino e lasciando Kira libera di avvicinarsi, premiandola ogni volta che si avvicina senza dare segni di agitazione, aggressività o paura. Il passo successivo è stare in una stanza con Kira al guinzaglio e il gatto libero, sempre premiandola se resta tranquilla. Naturalmente, fino al momento in cui non sarai sicura al 100% che i due possono convivere pacificamente, non lasciarli mai soli o senza controllo nella stessa stanza. In questo articolo puoi trovare qualche consiglio in più: Il beagle e gli altri animali domestici

  • Monica scrive:

    Ciao, la mia beagle di 8 mesi, quando gioca, si scatena, nel senso, mordicchia e non molla mai, ma è normale che mordicchi le zampe degli altri cani? ( le tira proprio con i denti) l’ho specialmente con i cuccioli e un po’ meno con i cani adulti, faccio questa domanda perché una mia amica ha una bulldog francese , estremamente delicata, appena le tocca le zampe,le lascia i segni e una volta l’ha fatta sanguinare, ma solo perché ha i denti davanti affilati, quindi se non modera,lasci i segni, come quando gioca con noi, ma noi diciamo ahi! E lei molla subito!, l’altro cane non si lamenta, quando la vedo che la mordicchia le dico no mai e smette subito, continuo cosi? Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Monica, sembra che mordere le zampe sia soltanto un modo di giocare che ha la tua cagnolina, perciò non è nulla di preoccupante, soprattutto perchè ad un richiamo lei molla subito la presa. Diciamo che durante il gioco con altri cani sarebbe bene non intervenire e lasciare che si gestiscano da soli, ma in questo caso dovrebbe essere l’altro cane a farle capire che non deve superare un certo limite e che deve dosare la forza del morso. Magari quando gioca con questa bouledog tienila sotto controllo e fermala se vedi che le sta facendo male, ma senza sgridarla eccessivamente.

  • Monica scrive:

    Grazie Simona, la bulldog della mia amica è un cane che arriva purtroppo dall’est ( la mia amica è la terza proprietaria, gli altri si sono stancati ben presto e l’hanno data via, quindi la piccola è un cucciolo diverso dagli altri,a parere della veterinaria, durando il viaggio ha contratto la dermatite e sotto la pancia non più pelo e si vede il rosa della carne e quando Luna esagera i segni dei denti). Quello che ho fatto caso, che il suo modo di chaimarla per giocare è proprio tirando le zampe, ma è normale che faccia sempre la lotta e che alle volte se c’è un maschio cerca di montarlo? Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Massì, è tutto normale, considera che ha 8 mesi, è nel pieno delle sue forze e ha una dose infinita di energie da spendere. Inoltre è normale che a questa età abbia voglia solo di correre e giocare con i suoi simili, ed è altrettanto normale che ancora non sappia controllare l’eccitazione. 🙂

  • Monica scrive:

    Grazie

  • margherita scrive:

    ciao
    sono qui ancora a scrivere per chiedere consigli su Spotti.
    Non riesco proprio a capire la sua aggressività verso alcuni cani maschi.
    Spotti ha quasi 2 anni, in casa è un tesoro, non fa danni, non abbaia, ogni tanto piange quando non ci siamo ma, lo considero normale.
    Esce tre volte al giorno e ogni volta sta fuori minimo un’ora, spesso anche di più. In queste uscite alterniamo passeggiate al guinzagio, in libertà e giochi in area cani con noi o con cagnoline esuberanti.
    Spesso se ne sta per conto suo e in genere preferisce il gioco a due e quando sono di più, si allontana. Da solo in casa ci sta al massimo 5 ore e non tutti i giorni perchè con i turni al lavoro, riusciamo ad alternarci bene. A me sembra di dargli tutto quello di cui ha bisogno, tutte le volte che si può viene con noi a casa di amici, al ristorante, ovviamente in vacanza eppure è rognoso da morire con i maschi. Non tutti ma molti. La cosa che mi preoccupa è che non lo fa per un motivo, a volte noi passeggiamo su un marciapiede, ne vede uno dall’altra parte della strada e parte con il ringhio, tira come un matto e sembra volerlo sbranare. Quando lo allontano si gira e continua a brontolare……perchè? non so che fare……
    grazie Margherita

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Margherita! Innanzitutto complimenti perchè ti stai impegnando davvero un sacco per dare a Spotti tutto ciò di cui ha bisogno e soddisfare a pieno le sue esigenze, può ritenersi un beagle più che fortunato! Per quanto riguarda il suo problema con i cani maschi, beh… difficile dire sa cosa deriva e perchè si comporta così, forse deriva da qualche trauma subito in passato o ad una non corretta socializzazione nel periodo sensibile (2-6 mesi) o magari è semplicemente il suo carattere! Se questa cosa ti crea grossi problemi allora temo che per risolvere il problema tu debba rivolgerti ad una persona esperta che affianchi Spotti a cani maschi adulti estremamente equilibrati in grado di non reagire alle sue provocazioni e smorzare la sua aggressività fino a farla scomparire. In caso contrario, mi sa proprio che tu debba rassegnarti a convivere con questo suo modo di fare, a meno che tu non voglia castrarlo (ma non sarebbe sicuramente questo un buon motivo per farlo).

  • margherita scrive:

    GRAZIE,
    NON SO CHE DIRE, TRAUMI NON MI RISULTA NE ABBIA SUBITI E A QUATTRO MESI LO ABBIAMO PORTATO AD UNA PUPPY CLASS DOVE E’ STATO BENISSIMO E HA SOCIALIZZATO BENE. HAIME’ MI SA ALLORA CHE QUESTO E’ PROPRIO IL SUO CARATTERE………….PROVEREMO ALLORA A SENTIRE SE E’ POSSIBILE FARE DEGLI INCONTRI CON ALTRI CANI MASCHI………..,UNA DOMANDA: LA STERILIZZAZIONE NON LA RITIENI NECESSARIA PER QUESTO TIPO DI PROBLEMA
    MA POTREBBE RISOLVERLO?
    GRAZIE ANCORA
    MARCHERITA

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Penso che nel tuo caso la castrazione potrebbe essere utile a placare la sua aggressività verso gli altri maschi, dato che non ci sarà più la produzione di testosterone, però a questo andrebbe affiancato anche del lavoro su una corretta socializzazione. Tieni conto che si tratta di un intervento piuttosto drastico e, se non ci sono altri motivi per cui vorresti castrarlo, ti consiglio di valutare attentamente la gravità del problema e tutti i pro e contro, parlandone a lungo anche con il tuo veterinario, prima di prendere una decisione definitiva.

  • Claudia scrive:

    Ciao, innanzitutto volevo ringraziarvi, perchè i vostri consigli, che ho sempre applicato fin da quando la mia beagle era piccola, hanno sempre funzionato e non so come avrei fatto senza!! La mia Alyce e ha un anno e 4 mesi. Ritengo sia abbastanza ubbediente, ha imparato tutti i comandi base, che ascolta sempre, un pò meno quando è presa dalle mille tracce che trova fuori casa. Sono ancora in difficoltà con la passeggiata, ma non sono stata molto costante ultimemnte..am ci arriveremo. Il mio problema è che quando la porto fuori e vede un altro cane o anche un altro essere umano, lei impazzisce e tira come una forzennata fino ad andarlo a salutare.. Non oso pensare se fosse slegata cosa farebbe, perchè si butterebbe a capofitto in mezzo alla strada ignorando le macchine che passano, solo per andare dal cane che sta passando sull’altro lato.. Ora, lei è molto socievole e l’ho sempre abituata, fin da quando aveva poco più di 2 mesi, ad andare fuori più volte al giorno, portandola anche a socializzare all’area cani. Quindi il mio problema non è di poca socializzazione, ma forse di troppa!! Questo comportamento mi mette un pò a disagio,anche perchè a volte sembra che abbia più affetto e trasporto con gli sconosciuti che non con me, e purtoppo credo sia dovuto al fatto che tutti i vicini o le persone che incontro per strada hanno sempre stravisto per lei e corrono a salutarla quando la vedono.. Vi dico solo che una volta una signora si è fermata in mezzo alla strada con la macchina e mi ha chiesto se poteva accarezzarla!! Quello che sto facendo adesso è cercare di insegnarle a stare seduta appena vede un altro cane o persona, ma è veramente difficile: 1- perchè gli altri padroni non sempre capiscono perchè non voglio farla avvicinare; 2- perchè lei tira come una matta con il rischio anche di farsi male alla trachea con il collare.. Vorrei un vostro parere e un consiglio su come mi devo comportare per correggere questo atteggiamento.. Vi ringrazio tanto. Claudia

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Claudia, grazie a te, siamo felici di sapere che trovi i nostri articoli così utili e interessanti! Dunque, la situazione che descrivi ci sembra tutto sommato normale per una cucciolona di poco più di un anno e secondo noi il suo comportamento è imputabile unicamente all’età. Evidentemente lei ha una gran voglia di socializzare ed interagire con altri cani, per questo va fuori di testa quando durante la passeggiata ne incontrate uno. Ha una voglia matta di correre e di giocare libera da impedimenti ed è assolutamente legittimo, la socialità intraspecifica è uno dei bisogni fondamentali del cane e oserei dire che alla sua età per lei è la cosa che conta di più. Pertanto fai benissimo a farla socializzare e a portarla spesso a divertirsi in area cani, vedrai che se sentirà appagato il suo bisogno di socialità comincerà a restare più tranquilla di fronte ad un cane per la strada. Nel mentre quello che puoi fare, più che metterla seduta, è farle capire che tu non le togli il diritto di andare a salutare quel cane (o quella persona), ma alle tue condizioni. In sostanza “Bene, vuoi andare da quel cane e io ti ci porto, però CON CALMA”. Pertanto nel momento i cui lei inizia a tirare e ad agitarsi fermati, non concederle un centimetro in più di quello che le dà i guinzaglio. Rimani immobile finchè non si calma e non smette di tirare e poi riparti. Se lei ricomincia a tirare rifai tutto da capo. Inoltre, mentre vi dirigete verso un altro cane, cerca di non andargli incontro frontalmente, ma di fare una traiettoria curva per arrivargli di fianco: questo è un segnale calmante che vuole comunicare all’altro cane che non avete cattive intenzioni. E’ chiaro che Alyce non ha cattive intenzioni, ma questo serve prima di tutto per insegnare a lei qual è il modo corretto di andare incontro ad un altro cane e poi perchè spesso alcuni cani e alcuni padroni interpretano male un atteggiamento così agitato. Ultimo consiglio: usa una pettorina! 😉

  • ilaria scrive:

    Ciao! !! Complimenti per tutto..Se il mio Artù è così equilibrato lo devo anche a voi? Vi pongo un quesito:che ne pensate degli asili per cani? Artù (oltre alle due passeggiate quotidiane belle lunghe) spesso frequenta un asilo…La scelta è nata perché volevo spezzare la monotonia delle sue giornate. Io lavoro dalle otto alle sedici. ..e lui durante la mia assenza è in giardino. Non abbaia , no piange, solo tante buche ma ha il nostro benestare. Attendo con ansia il vostro parere. Grazie. Ilaria

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Ilaria, siamo felici di sapere che i nostri consigli ti sono stati utili nel crescere il tuo Artù! Dunque, noi pensiamo tutto il bene possibile degli asili per cani se sono gestiti da persone professionali, affidabili, responsabili ma soprattutto che abbiano esperienze e conoscenze del mondo cinofilo. Insomma va bene se sono gestiti da educatori/operatori cinofili, un po’ meno bene se da chi un giorno si improvvisa dog-sitter senza averne le reali competenze. Noi stessi offriamo servizio di asilo per cani a casa nostra e gli ospiti sono sempre molto felici! 🙂

  • martina scrive:

    ciao simona…ora è da tanto che non vi scrivo ma ho bisogno di voi…Tiffany a maggio compie tre anni e come succede coi bambini stiamo pensando che sia pronta per un fratellino…oovviamente sarà un altro beagle…pensi le faccia bene? O kmq che possa essere contenta di avere compagnia? noi il due maggio ci sposiamo ma siamo giovani e non vogliamo bimbi veri x il momento quindi possiamo dedicarci completamente a loro….Tiffany è sempre stata bravissima vive con noi e non ha mai avuto problemi di socializzazione… aspettavamo xk contiamo di comprare casa più grande ma visto che kmq non è una cosa immediata abbiamo pensato di prenderlo kmq….4 cuori e una casa di 55 mq

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Martina, siamo sicuri che a Tiffany piacerebbe molto avere un compagno di giochi, per cui se avete già pensato a tutto e siete pronti ad affrontare un’altra avventura prendendo con voi un altro beagle, allora ben venga! Lo sai che non è lo spazio a disposizione che fa la loro felicità ma quanto e come ti dedichi a loro, perciò se saprai soddisfare quotidianamente le loro esigenze di movimento, 55 mq bastano e avanzano! 😉

  • maria scrive:

    ciao amico beagle, ti contatto perchè sono intenzionata a prendere un beagle da un privato ma non avendo esperienza con i cani non so bene come comportarmi. Mi piacerebbe sapere da te cosa chiedere al proprietario per capire che non si tratti di una truffa e che il cane sia in salute.. grazie in anticipo

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Maria, dal lato pratico devi chiedere al proprietario di fornirti di tutti i documenti del cane (libretto sanitario, certificato di iscrizione all’anagrafe canina, pedigree se ce l’ha), un po’ del cibo che ha assunto finora o comunque farti sapere com’è stata la sua alimentazione e con quale cibo è stato nutrito in modo da continuare con lo stesso almeno per un po’ di tempo, metterti al corrente di eventuali malattie del cane e fornirti qualche suo effetto personale tipo la cuccia dove ha dormito finora e/o una copertina, qualche giochino, ecc… in modo che non soffra molto il distacco e riesca ad abituarsi meglio al nuovo ambiente trovando comunque dei punti di riferimento. Riguardo al pedigree, ricorda che vendere cani senza pedigree è illegale, perchè di fatto si tratta di meticci. Pertanto se il cane non ha il pedigree, il proprietario non può chiederti molti soldi, ma al massimo un piccolo rimborso spese per vaccinazioni, sverminazioni, ecc… Per quanto riguarda la sua salute, è probabile che il cucciolo abbia i vermi (quasi tutti i cuccioli li hanno) ma non è nulla di grave, basterà qualche ciclo di sverminazione per debellarli. Per il resto non puoi fare altro che portare immediatamente il cucciolo da un veterinario per avere accertamenti riguardo il suo stato di salute.

  • maria scrive:

    Grazie Simona.. scusa se ti faccio qualche domanda magari banale ma io non so davvero nulla e vorrei schiarirmi un po’le idee.. ad eesempio un cucciolo può essere iscritto all’anagrafe canina anche senza che abbia il microchip e/o il pedigree? Se non è iscritto molto probabilmente si tratta di una truffa?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Pedigree e microchip sono due cose diverse che non c’entrano nulla l’una con l’altra. Il microchip è obbligatorio per qualsiasi cane, di razza o meticcio, se la persona che sta allevando il tuo cucciolo non ha provveduto a farglielo mettere, potrai farlo tu una volta che l’avrai adottato, in concomitanza con l’iscrizione all’anagrafe canina. Il pedigree invece è un documento che accerta che il cane è di razza pura. Puoi trovare tante informazioni in più a questo riguardo leggendo gli articoli:
    Che cos’è il microchip?
    Cos’è il Pedigree?
    Qual è il significato del pedigree?

  • lory scrive:

    salve, la mia cloe di 2 anni si è letteralmente calmata la esco una volta al giorno per mancanza di tempo e la faccio socializzare con tutte le persone o cani che incontriamo ma solo legata perchè non abbiamo dei parchi per cani. il fatto è che quando viene gente a casa sia con cani che senza lei abbaia continuamente e vuole saltare per forza addosso cosa che non fa con noi assolutamente. un anno fa le ho fatto seguire anche un corso di 10 lezioni di addestramento che ha seguito alla lettera ma per il resto non so come comportarmi con lei perchè in queste circostanze diventa ingestibile ed io ne soffro tanto perchè vorrei che lei si abituasse a stare tranquillamente con tutti cani e persone senza tanta esuberanza ed abbaio continuo…non so se sto chiedendovi consiglio nella sezione giusta ma spero ugualmente mi possiate rispondere. Inoltre se vi può servire lei visto che sono l’unica a darle da mangiare prima di andare via al lavoro la mattina e la sera quando torno non smette di abbaiare insistentemente appena mi vede ma io ovviamente aspetto che si calmi prima di farla mangiare….vi giuro in questi momenti è insopportabile…ci sono cose che segue perfettamente e mi rispetta come pure non toccare la ciotola col cibo prima del mio comando ma non so cosa fare visto che data l’età non credo possa cambiare….buona serata e grazie anticipatamente per tutti i validi consigli che date a noi padroni di beagles disperati

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Loredana, le cause dei problemi che descrivi le hai capite tu stessa. Se non la fai socializzare periodicamente con altri cani lasciandola libera di interagire, come puoi pretendere che sappia comportarsi bene? Se la porti fuori solo una volta al giorno, come puoi pretendere che quando arrivi a casa la sera resti calma nelle situazioni di eccitazione? Il corso di educazione serve ed è importante per impostare le basi di una buona educazione, ma il lavoro deve essere poi portato avanti nella quotidianità, altrimenti non serve a nulla. Prima di tutto quindi dovresti cercare di dedicarle più tempo e di farla socializzare con altri cani, magari frequentando delle classi di socializzazione presso un centro cinofilo, visto che dove abiti non ci sono aree di sgambamento per cani. Poi dovresti farla sfogare di più, evidentemente una passeggiata al giorno non le basta per sfogare tutte le sue energie, che invece esibisce in comportamenti sgraditi come ad esempio l’abbaio ininterrotto. Infine dovresti lavorare con lei anche sul suo autocontrollo, con degli esercizi specifici e magari proponendole qualche giochino di attivazione mentale che la obblighi a restare concentrata per risolvere un problema. Per quanto riguarda il problema che salta addosso, leggi l’articolo Se il Beagle salta addosso con le zampe.

  • maria scrive:

    Ciao amicobeagle.. tra pochi giorni accoglierò in casa un cucciolo di beagle..volevo sapere se prenderlo a 45 giorni potrebbe arrecare danni al cucciolo e poi ik proprietario mi ha detto che il veterinario gli ha detto che prima dei 50 giorni non può fare il primo vaccino.. questa cosa mi preoccupa un po’ dato che ho letto di molti cuccioli che fanno la vaccinazione prima.. avrei davvero bbiogno di qualche tuo consiglio

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Maria, è davvero fondamentale che il cucciolo resti con la mamma e i fratellini almeno fino ai due mesi di vita (cederlo prima è addirittura illegale!!!) per poter apprendere le basi della comunicazione e socializzazione canina, la ritualizzazione dell’aggressività, l’inibizione del morso, ecc… Per saperne di più leggi attentamente l’articolo Perché è importante non prenderlo prima dei 60 giorni?. Perciò il problema del vaccino non si pone, il cucciolo DEVE restare con mamma e fratellini fino ai due mesi e la persona che lo sta allevando deve provvedere alla prima vaccinazione al momento opportuno.

  • Valentino scrive:

    Complimenti per il sito
    Mi state aiutando tantissimo con i vostri consigli!
    Ma adesso ho nuovamente bisogno di un consiglio…
    La mia piccola Bonnie ha ormai 4 mesi usciamo tranquillamente e ci facciamo le prime passeggiate
    Tutto ok.. Qualche volta tira, i bisognini qualche volta fuori qualche volta dentro
    L’unica cosa di cui ho seriamente paura.. Al punto da farmi demoralizzare (premessa è il mio primo cane in tutta la mia vita) è il suo timore con qualsiasi altro cane… Alcuni dicono è piccola si deve abituare… Altri che ha seri problemi… Ho seriamente paura… Non posso vederla scappare con la coda in mezzo le gambe… Con le persone tutto ok.. A casa fa la monella ma va bene… Con gli altri cani sia di piccola di media è di grossa taglia invece paura matta… Si mette la coda in mezzo le gambe e via… Che posso fare? Vorrei anche io avere la gioia di vedere la mia cucciola giocare con i suoi simili…. Vi prego datemi un consiglio… È il 4 giorno che la esco di casa regolarmente
    Prima del vaccino ogni tanto per abituarla
    Ha sempre avuto questo timore

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Valentino, grazie per i complimenti, siamo felici di sapere che trovi utili i nostri consigli. Dunque, se hai tenuto Bonnie segregata in casa fino ad ora, tenendola lontana dai propri simili, è normale che adesso si dimostri così timorosa verso gli altri cani. Adesso è un problema di facile soluzione ma non deve essere sottovalutato, prima intervieni e meglio è. A questo punto la cosa migliore che tu possa fare è farle frequentare un corso di puppy classs, per metterla a contatto con altri cuccioli e cani equilibrati e farle riprendere fiducia, oltrechè insegnarle a comunicare e ad interagire nel modo giusto, sempre sotto la supervisione di un esperto: La Puppy Class.

  • Valentino scrive:

    Mi è sembrato un po esagerato il vostro commento… Non l’ho tenuta segregata in casa… Comunque in un paio di giri sta prendendo confidenza senza bisogno di puppy class… Bisogna solo avere pazienza e fiducia e i nostri cuccioli ci faranno vivere emozioni sempre uniche
    Grazie lo stesso!

  • tony scrive:

    salve abbiamo acquistato un beagle e abbiamo notato che il cucciolo presenta la coda arricciata è una cosa normale? quando sará grande andrá via? o è segno di una non originalitá del cane? ho visto i genitori e non presentano questa cosa

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Tony, la coda arricciata sul dorso è un difetto piuttosto grave per il beagle, ma non preoccupartene adesso, tanti cuccioli portano la coda arricciata ma poi con la crescita e l’irrobustirsi della stessa, tendono a riportarla nella giusta posizione.

  • tony scrive:

    ciao simona, in che senso grave? puo avere problemi o malattie? cmq abbiamo notato che tutti i cuccioli la portano cosi

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Parlavo semplicemente di difetto estetico, niente che comprometta la sua salute! E’ un difetto “grave” nel senso che sarebbe penalizzato pesantemente in esposizione, perchè lo standard del beagle prevede che la coda venga portata dritta all’insù. 🙂

  • tony scrive:

    grazie mille mi hai veramente tolto un dubbio

  • Tamara scrive:

    Salve! Per prima cosa: complimenti per il sito! Mi sono trovata veramente bene informndomi e leggendo il più possibile per prepararci all’arrivo della nostra cucciolotta…Kira! Ha due mesi ed è già diventata la principessa di casa, sia io che mio marito siamo completamente innamorati!! Deve ancora finire le vaccinazioni, per questo motivo ancora non la sto portando fuori…ma ho un piccolo problema…è terrorizzata dalla macchina, non riesco a calmarla in nessun modo, nè con le carezze, nè con i giocattoli e neanche con i bocconcini…non si calma con niente, come posso fare??

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Tamara, grazie per i complimenti! Dunque, la paura della macchina è piuttosto normale in un cucciolo così piccolo, quindi non preoccuparti. Inoltre problemi come questo non si risolvono in 1 giorno con un bocconcino, ma ci vuole tempo e pazienza per farle passare la paura! In questi casi il nostro primo consiglio è di utilizzare un trasportino. Molto spesso questo strumento si rivela risolutore nei casi di mal d’auto sia di derivazione psicologica che fisiologica, perchè se il cane viene abituato correttamente al suo utilizzo, al suo interno si sente protetto e al sicuro, non viene sballottato di qua e di là ed ha una visuale molto ridotta di ciò che succede all’esterno. Oltre a questo, sarebbe bene intraprendere un percorso graduale di abituazione alla macchina, cominciando a farla salire a motore spento per pochissimi istanti e premiandolo ogni volta. Poi piano piano si può aumentare il tempo, chiudere le portiere, accendere il motore, percorrere pochissimi metri e così via… In modo da rendere l’auto una routine e da far capire a Kira che non comporta nulla di negativo. Anzi, sarà davvero fondamentale farle associare alla macchina sempre esperienze positive, come premiarla con dei bocconcini saporiti o portandola sempre in posti piacevoli e divertenti.
    A parte questo ti consigliamo anche di cominciare fin da subito ad abituarla a sporcare anche fuori di casa, altrimenti se impara a fare i bisogni soltanto sulle traversine, quando per te sarà arrivato il momento di cominciare a sporcare fuori, lei non ne vorrà sapere e aspetterà sempre di tornare a casa per liberarsi, perchè è così che ha imparato. 🙂

  • Simona scrive:

    Ciao Simona, innanzitutto complimenti per la tua bellissima rubrica. E’ stata molto utile per educare Joy, la nostra beagle di 21 mesi. Ti scrivo perché nonostante Joy sia stata abituata fin da cucciola a trascorrere i week end in campeggio, ultimamente ha iniziato ad abbaiare contro i bambini. Questo comportamento crea diversi disagi specialmente in un contesto come quello del campeggio. Cosa ci consigli per evitare che ciò accada?
    Grazie, Simona.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Simona, non posso consigliarti niente purtroppo perchè è una situazione che va analizzata da vicino insieme a tutta una serie di fattori. Bisogna capire il motivo per cui Joy ha questa avversione verso i bambini e poi lavorare di conseguenza, perciò posso solo consigliarti di rivolgerti ad un bravo educatore.

Lascia un commento