Torna all'homepage
Lug
27

Beagle al mare: sereni e in sicurezza con il nostro cane!

Autore: Francesco Vischi
Categoria: Viaggi e vacanze

Gran parte delle domande che ci arrivano sull’argomento vacanze riguardano gli accorgimenti per passare sereni e in sicurezza il tempo con il beagle al mare.

Avevamo già parlato della scelta beagle al mare/beagle in montagna nel post “In vacanza con il beagle: mare o montagna?” e, a quanto pare, sono più frequenti i dubbi su come trascorrere bene con il beagle le giornate su una spiaggia assolata invece che in un bosco di montagna.

Sono tutte domande più che sensate: in effetti il beagle al mare soffre il caldo più di noi ed è facile che si trovi più a suo agio in montagna.

Detto questo, possiamo comunque portare il beagle al mare con noi, anzi, andando in spiaggia insieme non solo condividiamo con lui le gioie della vacanza ma gli diamo anche la grande opportunità di esplorare posti diversi dal solito e di provare nuove sensazioni: questo non può che essere positivo per il nostro amico!

Il beagle al mare, però, può godersi a fondo il nuovo ambiente solo se rispettiamo alcune sue semplici esigenze, perché vale sempre la regola per cui quello che piace a noi umani, non è detto che piaccia anche ai nostri cani. 😉

Ecco alcuni accorgimenti per non avere seccature e vivere al meglio con il nostro beagle al mare.

Scegliamo la struttura giusta

Se vogliamo stare davvero tranquilli, meglio trovare una spiaggia dove sono ammessi gli animali.

Certo, possiamo sempre rifugiarci in qualche caletta deserta lontano da tutto e da tutti ma, per chi si vuole godere le infrastrutture a disposizione dei “normali” bagnanti, cercare una spiaggia idonea è fondamentale.

In rete si trovano molti servizi che raccolgono elenchi di strutture dove i cani sono i benvenuti, ad esempio questi:

www.dogwelcome.it

www.vacanzeanimali.it

Consiglio: non limitiamoci a leggere se una struttura accetta i cani o no. Chiamiamo ed informiamoci bene, perché a volte capita che sulla carta siano tutte rose e fiori, poi nella realtà ci siano regolamenti al limite dell’assurdo (come ad esempio cani ammessi in albergo “ma solo nelle stanze“, ecc.).

Ovviamente, i cani sono i benvenuti se i proprietari sono civili. Sembra banale dirlo ma a quanto pare c’è ancora qualcuno che non l’ha capito: le deiezioni si raccolgono e si raccolgono sempre, anche se sono sul bagnasciuga! 🙂

In più qualche anno fa c’è stata una segnalazione interessante (ringraziamo ancora Livio per avercela inviata): molti divieti imposti dai comuni sulle spiagge sono illegali. A quanto pare oggi nulla sembra essere cambiato, quindi in ogni comune che frequentiamo possiamo aspettarci di trovare cartelli con divieti di ogni tipo.

La segnalazione è partita dall’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente, nello specifico http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/2013/07/cartelli-divieto-cani-in-spiaggia-non.html).

Pensiamo al suo benessere

Una volta scelte località e struttura, è molto importante pensare al benessere del nostro cane, che è meno adatto di noi a sopportare la calura estiva della spiaggia. Se proprio vogliamo dirla tutta, l’ambiente della spiaggia assolata in estate è il meno adatto al fisico del nostro amico a quattro zampe.

Il pericolo principale che il surriscaldamento può provocare al nostro amico è il colpo di calore.

Non si ricordano mai abbastanza le raccomandazioni per evitare che la sua vita venga messa in grave pericolo, ed anche ora è il caso di ripassarle.

1) Lasciamogli sempre a disposizione una bella ciotola piena d’acqua fresca.
E’ fondamentale per il cane avere accesso ad acqua pulita e alla giusta temperatura per rimpiazzare le perdite che ha regolando la temperatura corporea attraverso la respirazione e la salivazione. Quindi cambiamogli spesso l’acqua, usiamone tanta, pulita e fresca! 

Questo sistema, cioè regolare la temperatura attraverso la traspirazione della lingua, è praticamente l’unico mezzo che il cane ha per difendersi autonomamente dal caldo.
Rispetto alla nostra sudorazione è più inefficiente, quindi teniamo ben presente che se a noi sembra di stare bene perché in riva al mare soffia una brezza delicata, per il nostro cane potrebbe non essere così piacevole.

2) Facciamo in modo che abbia una zona d’ombra facilmente raggiungibile. Siccome il beagle al mare riesce a gestire con difficoltà le alte temperature ambientali, possiamo rendergli le cose molto più facili se ha una zona d’ombra che può raggiungere in fretta e liberamente. Questo è importantissimo per la sua sicurezza!

3) Sciacquiamolo sempre con acqua dolce dopo ogni bagno in mare per eliminare la salsedine dal manto.
Per la pelle ed il pelo non è il massimo rimanere coperti di sale e salsedine. Se lo sciaquiamo con acqua dolce, otterremo il duplice risultato di rinfrescare il cane e pulire il suo manto.

4) Evitiamo di portarlo a spasso o di impegnarlo in attività fisiche durante le ore più calde della giornata. Con il sole a picco non è il caso di farlo camminare o correre, nemmeno se sulla spiaggia c’è un bel venticello (come detto prima, ricordiamoci che il cane regola il calore corporeo in modo diverso da noi).

5) MAI chiuderlo in auto, neanche se è all’ombra e nemmeno se teniamo i finestrini abbassati!
Queste condizioni non gli bastano per raffreddarsi in una giornata calda! Teniamolo ben presente.
Se l’auto viene colpita direttamente dalla luce solare, poi, ecco una trappola mortale in piena regola.

6) Rinfreschiamolo spesso. Regolare la sua temperatura in spiaggia non è mai abbastanza. Possiamo rinfrescarlo con un asciugamano umido cominciando dalle zampe e continuando con il resto del corpo e la testa.
Possiamo usare anche uno spruzzino, ma in questo caso ricordiamoci che per diminuire la sua temperatura è più efficace bagnarlo solo sui fianchi, sulle zampe, sul petto e sulla pancia perché il manto sulla schiena è piuttosto isolante.
In più possiamo dargli da leccare un cubetto di ghiaccio, oppure farlo giocare con un osso di cotone bagnato e ghiacciato o un Kong pieno di formaggio fresco congelato in freezer.

Se facciamo di tutto per tenere sotto controllo la sua temperatura corporea, siamo sulla buona strada per passare bellissime giornate con il beagle al mare ed avere ottimi ricordi delle nostre vacanze insieme! 🙂

 

49 commenti:
  • Emanuele scrive:

    che bello:) Noi e la nostra Piątka fra 29 giorni per quasi tre mesi sulle spiagge del Salento:) Evviva!! Grazie. Come sempre puntuali. Dovevo proprio andare dal veterinario per parlare di questo:)

  • Aurelia scrive:

    Ciao, sto per prendere un beagle piccolino 🙂 Vivo nel salento anch’io solo che dato che è piccolo ho paura a portarlo in spiaggia, non vorrei fosse troppo piccolo! 🙂 che ne dite?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    @Emanuele: grazie a te che ci segui sempre! 🙂

    @Aurelia: Ciao Aurelia, la spiaggia è un luogo un po’ estremo in cui portare un beagle “piccolo”, ma con alcuni accorgimenti non dovresti avere grossi problemi: intanto aspetta che abbia finito il ciclo di vaccinazioni, poi abbi cura di tenerlo sempre all’ombra e di tenergli sempre a disposizione dell’acqua fresca.

  • Iris scrive:

    ciao. noi siamo alla prima vacanza con bimbi e cane e stiamo ancora decidendo se portarlo con noi o scegliere una pensione che lo ospiti. Infatti non vorrei che diventasse troppo uno stress per tutti, cane compreso… Ovviamente sarebbe tutto più facile se trovassimo un bugalow con giardino recintato dove poterlo lasciare quando si va in piscina o in spiaggia, considerando che lui è cmq abituato a stare solo la mattina a casa… voi avete qualche struttura da segnalare in questo senso? grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Iris, purtroppo non possiamo esserti d’aiuto in quanto non conosciamo strutture con le caratteristiche che cerchi. Possiamo solo consigliarti di dare un’occhiata ai siti di cui nell’articolo riportiamo i link che offrono elenchi di hotel, residence, campeggi, spiagge, ecc… che accettano animali per vedere se trovi qualcosa che faccia al caso tuo!

  • rosalba scrive:

    salve questa sarebbe per noi la prima vacanza con cane al seguito e forse un beagle di 9 mesi non è proprio il massimo per cominciare questa esperienza. abbiamo provato già un paio di volte a portare Oliver al mare, prima di tutto ha paura ad entrare in acqua, mi consigliate di forzarlo o di lasciar stare? per il resto ho seguito i vostri consigli sempre utilissimi ma lui di stare all’ombra non ne vuole sapere è continuamente preso ad annusare tutto e tutti, pensate faccia così perchè incuriosito dalla prima volta o farà così tutte le volte? siamo entusiasti di portarlo in vacanza con noi ma non vi nego che siamo anche un pò preoccupati. non so il cambio di ambiente, abitudini, non vorrei si destabilizzasse soffrendone.
    vi ringrazio di tutto siete sempre super utili 🙂

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Rosalba,
    da quello che descrivi le reazioni di Oliver ci sembrano del tutto normali. Molti beagles non amano l’acqua, è una caratteristica soggettiva e non vuol dire assolutamente che ci sia qualcosa di sbagliato. Non è consigliabile forzarlo perchè potrebbe associare l’andare in acqua ad una brutta esperienza e dopo sarebbe ancora più difficile conquistare la sua fiducia in questa situazione. Può essere molto utile procedere per gradi (ma forse ci avete già provato :-)), premiandolo abbondantemente ad ogni progresso. In molti casi si è rivelata un asso nella manica la vicinanza con un cane “amico” e amante dell’acqua, che durante il gioco ha “trascinato” con naturalezza il beagle in acqua senza che nemmeno se ne rendesse conto.
    Per quanto riguarda la sua voglia di esplorare continuamente l’ambiente circostante, alla sua età è normalissimo e lo sarà ancora per molto tempo, spesso è difficile far rimanere fermo nello stesso posto il beagle a meno che non abbia già scaricato le sue energie e soddisfatto il suoi bisogni di movimento e socialità.
    Inoltre, se continuerà ad avere appetito, voglia di giocare ed esplorare il mondo, vorrà dire che non starà soffrendo e si sarà adattato con successo ai cambiamenti.

  • antonella scrive:

    la prima volta che o portato Oliver al mar aveva talmente caldo che si e sdraiato in riva con le onde che lo bagnavano poi era sempre addormentato aveva 4 mesi…. ora a un anno e 2 mesi e non stava mai fermo mi sono ustionata per portarlo dove voleva andare poi non si voleva nemmeno bagnare le zampe ma per scendere da uno scoglio doveva per forza finire in acqua e una volta entrato non voleva più uscire che tenero come lo avvinavo all’acqua lui subito si tuffava si e divertito tantissimo e io mi sono divertita con lui a parte il fatto che non mi faceva sedere neanche 5 minuti x fortuna gli avevo preso un osso di quelli che si possono mangiare e molti bocconcini quindi un po riuscivo a tenerlo fermo….. non vedo l’ora di poterlo riportare al mere peccato che in fine settimana ci sia troppa gente e o paura che qualcuno si lamenti di lui x quello lo porto in settimana ci va meno gente…… grazie per tutti i consigli comunque 🙂

  • sara scrive:

    fantastica una spiaggia della maremma: Dog beach di San Vincenzo vicino a Piombino..scoperta per caso merita essere la meta del viaggio e la nostra beagle che tende a fuggire ovunque, è rimasta ….evidentemente ha gradito!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    In effetti la Dog Beach di San Vincenzo è la spiaggia per cani più famosa in Italia e se ne sente parlare benissimo… Dovremmo provarla anche noi la prossima estate, chissà che non riesca a far apprezzare una vacanza al mare anche la nostra Diana che odia l’acqua con tutte le sue forze! 🙂

  • guido scrive:

    sto per avere il mio primo beagle. è un “cucciolone” di ben 2 anni. so che i beagle tendono a fuggire, al di là del singolo carattere, pensate che potrò liberarlo in spiaggia o rischio che se ne vada via ?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Guido! Beh, la risposta alla tua domanda potrai darla soltanto tu dopo che avrai conosciuto il tuo cane. Ci sono beagle che appena vengono sguinzagliati scompaiono alla vista dei proprietari, altri che invece non si allontanano mai da loro. Il tuo cucciolone avrà un carattere già formato, quindi dopo aver instaurato con lui un rapporto di fiducia, potrai capire a quale categoria appartiene. In ogni caso un pò di educazione al richiamo non potrà che fargli bene! 😉

  • Dario scrive:

    volevo sapere che tipo di ciotola devo usare quella che si puo alzare cosi lui invece di andare in giu deve alzare la testa o vabene anche quella normale

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Dario, per un beagle, ovvero un cane di piccola-media taglia, puoi utilizzare benissimo le ciotole classiche da appoggiare al suolo, solitamente quelle rialzate si usano per cani di taglia grande per evitare che si curvino troppo per bere e mangiare.

  • Alfonso scrive:

    Salve, volevo sapere se era dannoso dare dei cubetti di ghiaccio al nostro beagle…??Lui li ama..ma fa male?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Alfonso, certo che puoi dare al tuo cane dei cubetti di ghiaccio (magari 2-3 alla volta, senza esagerare), non ci sono controindicazioni! 🙂
    In questo articolo trovi altri rimedi per rinfrescare il tuo beagle: L’estate calda del Beagle

  • giorgia scrive:

    ho portato la mia dolcezza di due anni in francia con me ed i miei bimbi quest’estate. Non ha apprezzato moltissimo le onde ma le buche in spiaggia si però. Consiglio a tutti caldamente una dog beach a villeneuve loubet vicino a nizza, spiaggia libera e dove i cani sono i benvenuti, si trova vicino all’ippodromo, è fantastica, sabbia, sassi, doccie tiepide per rinfrescare i patati e noi, mare veramente pulito e tanti, tanti tanti bellissimi cani, quasi tutti liberi di scorrazzare a piacere. E’ stato veramente splendido.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giorgia, siamo contenti che la tua vacanza sia andata alla grande e ti ringraziamo moltissimo per il tuo consiglio, speriamo che qualche lettore possa farne tesoro!

  • Elisa scrive:

    Salve a tutti! Per le famiglie della provincia di Sassari: c’è la Bau Bau Beach a Platamona, al 4° pettine, 100 metri di spiaggia in cui si può lasciare libero il cagnolino con un paio di giusti accorgimenti (http://www.sassarinotizie.com/articolo-12260-la_dog_beach_di_platamona_fa_il_bis_si_passa_da_50_a_100_metri_di_spiaggia.aspx).
    Io ho portato il mio e ha giocato tantissimo con gli altri che stavano vicini! Ciao a tutti:)

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Grazie per l’informazione Elisa! 🙂

  • PATRIZIA scrive:

    ciao, già ci conosciamo, i vostri consigli sono stati sempre molto utili e per questo che approfitto e ve ne chiedo ancora uno. alla fine di agosto andrò in campeggio in tenda con due dei miei figli e Nina, la nostra Beagle. Ho preso tutte le informazioni necessarie e mi hanno detto che il cane non dovrà essere lasciato mai solo in tenda, in spiaggia è ammesso ma solo al guinzaglio, inoltre anche se noi saremo in tenda giorno e notte dovrà stare al guinzaglio perchè tende a allontanarsi per curiosità. Gli unici momenti di libertà potra goderli in un dogpark presente nel campeggio e anche se la facessimo sfogare per ore per lei non è mai abbastanza, già provato, è instancabile! Noi saremo felicissimi di portarla con noi ma forse per lei sarà un grosso sacrificio che farà star male lei e noi. Ho la possibilità di lasciarla a casa dove c’è l’altro mio figlio e mia suocera, sarebbe meglio per lei secondo voi? grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Patrizia! Dunque, è effettivamente difficile capire cosa sia realmente meglio per lei. Se tuo figlio e tua suocera riescono a garantire a Nina la giusta quantità di movimento, di gioco, di socializzazione quotidiana, se riusciranno a provvedere a lei come faresti tu, e se ancora, pensi che la vita in campeggio potrebbe non fare al caso suo, che potrebbe essere un peso per te e che non riusciresti a farla sfogare nei tempi e modi di cui lei ha bisogno e che soffrirebbe a stare sempre legata (solo tu puoi rispondere a queste domande), allora sì, effettivamente sarebbe il caso di lasciarla a casa.

  • ludovica scrive:

    ciao Simona e Francesco, volevo kiedervi se e’ normale ke a un beagle nn piace farsi il bagno, perchè la mia beagle si kiama Belle e ha quasi 5 mesi. quando siamo andati a Viterbo e ce la siamo portata cn noi, l’abbiamo portata a fare un bagno al lago ma nn ne voleva proprio sapere di entrare in acqua e per questo volevo sapere se fa così perchè è troppo piccola o è una sua fobia!! per favore aiutatemi!!
    é sempre un piacere per me leggere i vostri consigli!!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Ludovica, grazie per i complimenti! Dunque, non tutti i cani si approcciano all’acqua nello stesso modo. Ci sono cani che la amano sempre incondizionatamente e non fanno differenza tra l’oceano e una pozzanghera, ci si tuffano sempre e comunque… Altri cani la amano moderatamente, alcuni hanno paura delle onde del mare ad esempio e preferiscono il lago. Altri invece, semplicemente la odiano. Può essere che sia paura o semplicemente il fastidio di sentirsi bagnati, fatto sta che non ne vogliono mai sapere. Magari la tua Belle appartiene a quest’ultima categoria o magari crescendo cambierà e imparerà ad apprezzare l’acqua, in ogni caso il consiglio è sempre quello di non forzarla a fare qualcosa che non vuole e di rispettare sempre i suoi tempi.

  • Gianni scrive:

    Salve a tutti! Mi permetto di dare suggerimento molto importante a tutti coloro che decidono di portare il loro amico a 4 zampe (beagle in particolare) in spiaggia … FATE MOLTA ATTENZIONE A SPEZZONI DI LENZA CON AMI DA PESCA LEGATI, lasciati sulla battigia dai pescatori. Potrebbe facilmente finire nella bocca del nostro curioso amico, o anche conficcarsi malauguratamente in una zampa, con gravissime conseguenze che potete benissimo immaginare.
    Buona estate a tutti!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Gianni, ti ringraziamo per i tuoi preziosi consigli. In effetti le lenze abbandonate con l’amo legato sono davvero pericolose non solo al mare ma anche al lago e in generale nei posti dove si pesca di frequente.

  • laura scrive:

    cioa io portero la mia petra al lago nella spiaggia per cani del lago di garda cosi giochera e fara il bagno!

  • Renzo scrive:

    appena tornati dalla Sicilia e dalla Calabria con la nostra Libera … esperienza fantastica … ci ha fatto morire dalle risate … un saluto a tutti

  • emma scrive:

    Secondo me il beagle o meglio il mio beagle non ci può andare in spiaggia!!! Sarebbe come se ci fosse un piccolo uragano poco socievole!!!

  • maria donata messina scrive:

    sto per prendere una cucciola di beagle a quanti mesi posso iniziare a portarla in spiaggia e quanto tempo può stare in acqua?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Per portarla in spiaggia devi necessariamente aspettare che abbia terminato il ciclo di vaccinazioni, mentre per il bagno dipende, se è caldo può stare in acqua quanto vuole, se fa freddo è meglio che non si bagni proprio.

  • Emanuele scrive:

    Ciao a tutti. Mercoledì abbiamo deciso di far provare al nostro Sàke (7 mesi) l’esperienza del mare. Abbiamo trovato un piccolo pezzetto di spiaggia libera e ci siamo “accampati”. Ovviamente il cucciolo “ha deciso” che voleva scoprire questo mondo nuovo e non è stato tranquillo per circa 7 ore. Vi elenco le seguenti porblematiche che ho riscontrato nella speranza che possiate darmi qualche consiglio utile per le prossime volte:
    – mangiava qualsiasi cosa ci fosse sopra e sotto la sabbia.
    – ho dovuto tenerlo al guinzaglio in quanto c’era gente (e non mi andava di lasciarlo libero -conoscendolo avrebbe tampinato l’intera spiaggia- ) ed è stato uno stress sia per lui, sia per me.
    – l’ho lasciato legato ad un paletto per fare un tuffo in acqua ed ha iniziato ad abbaiare come un matto.
    – fortunatamente c’era un ruscello nel quale riuscivo a dargli refrigerio ma aveva paura del rumore delle onde e non si faceva bagnare (per il caldo)
    aiutatemiii!!!!
    Ovviamente in macchina era stremato e non l’ho sentito per 300 km…. 🙂
    grazie e ciao!!!!!!
    ps…gli voglio un bene dell’anima anche se ogni tanto mi fa disperare….ma tanto è un Beagle… ehehehhe 😉

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Emanuele! Beh, direi che è tutto normale, si è comportato come avrebbe fatto qualsiasi cucciolo che si trova per la prima volta in una situazione tanto particolare quanto sconosciuta. Non ci sono molti consigli che possiamo darti se non quello di fargli vivere l’esperienza del mare in modo più graduale. 7 ore in spiaggia sono davvero troppe per un cagnolino che non è abituato. Inizia a portarlo lì solo per qualche ora, magari nelle ore più fresche della giornata e fai in modo che per lui sia sempre un’esperienza positiva. Porta con te qualche suo giochino e gioca con lui in riva al mare, ma se ha paura non forzarlo assolutamente ad entrare in acqua. Per il resto valgono i consigli descritti nell’articolo qui sopra. 🙂

  • laura scrive:

    Ciao!!!
    Mi unisco alla domanda di Emanuele:
    Ieri abbiamo portato per la seconda volta Cloe in spiaggia!!!
    A differenza di emanuele siamo rimasti solo poche ore, anche perchè di più saremmo arrivati a casa stremati!!!!!!
    Siamo andati in una spiaggetta libera, non c’era anima viva( per fortuna) e abbiamo tentato di lasciarla libera senza guinzaglio…..Una paura tremenda!!! è sfrecciata via a cercare nuove esperienze peccato che c’era una proprieta privata con dei cani e abbiamo avuto paura si infilasse lì!
    Non sappiamo se in realtà dopo la fuga perlustrativa sarebbe tornata perchè siamo riusciti a prenderla e rimessa al guiunzaglio, ESPERIENZA LIBERTà in SPIAGGIA bocciata!!! così ci è toccato stare seduti e tenere il guinzaglio con lei che tirava a destra e a manca…Abbiamo corso sulla spiaggia giocato ha scavato ma non si è stancata per niente!!!
    ora ci chiediamo è vero che ha ancora quasi 6 mesi, ma a luglio avremmo prenotato una casetta al mare, su una spiaggia libera e avremmo il piacere di portarla con noi in spiaggia ma a queste condizioni la vedo dura!!!!
    Voi che avete piu esperienza sapreste consigliarci un modo per legarla in spiaggia, vicino a noi ,sotto l’ombrellone, ovviamente non per tutto il tempo, ma giusto per rilassarci un po ;-( ??
    che so esistono degli” strumenti” adatti? perchè legarla all’ombrellone ci sembra poco sicuro, e se non ci sono alberi nelle vicinanze non avremmo proprio idea di come fare per evitare che scappi, e senza dover tenere noi il guinzaglio!!!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Laura! Dunque, il beagle è un cane che, per sua natura, è portato a seguire tutte le tracce che capitano sotto il suo tartufo e, in questi casi, se non opportunamente addestrato, diventa sordo a qualsiasi richiamo. Certo, è possibile lasciarlo libero in un prato o in spiaggia, ma a patto di essere sicuri al 100% che quando lo chiami, torni da te! Per questo motivo, si consiglia di educare fin da cucciolo il beagle a tornare al richiamo. A questo proposito dovresti iniziare a lavorare in modo graduale per insegnargli il richiamo: prima di liberare un cane in un posto pieno di stimoli e distrazioni bisogna sempre procedere per gradi, iniziare in posti recintati, sicuri e con pochi stimoli, poi piano piano aggiungere distrazioni, arrivare a lavorare in posti aperti ma sempre con il cane agganciato ad una corda lunga. In questo articolo puoi trovare qualche informazione in più: Perché il richiamo a volte non funziona?.
    Per quanto riguarda la tua domanda specifica, possiamo consigliarti di acquistare un picchetto da avvitare nel terreno a cui legare il guinzaglio: non sappiamo quale sia la reale tenuta nella sabbia, ma visto che costa pochi euro vale la pena tentare, eccolo: Picchetto Outdoor per guinzaglio

  • laura scrive:

    Grazie mille Simona per avermi risposto, di certo proveremo il picchetto, sperando che nella sabbia funzioni…
    Per quanto riguarda il richiamo ho gia letto e seguito passo per passo il vostro articolo tempo fa… E cloe rispnde a ” Vieni” anche in campagna,ma quando era piu piccola erapiu ubbidiente, ora poi la campagna è un territorio conosciuo, e quindi continua ad ascoltare… nn abbiamo la possibilità di provare in altri posti nuovi per lei e sicuri per noi…quindi non avendo la possibilità di esercitarci con sicurezza non sappiamo proprio come abituarla a essere ubbidiente ovunque!
    grazie comunque perchè, con il vostro aiuto e supporto,stiamo corregendo e migliorando molti suoi comportamenti!

  • laura scrive:

    ciao anche noi quest’anno vorremmo potare la nostra beagle di un anno al mare in sardegna, per questo stiamo cercando un appartamento con giardinetto o terrazzino, ma giusto oggi ci hanno detto che in sardegna non bisogna portare i cani perché il rischio leishmaniosi è altissimo…. così come in quasi tutti i posti di mare in italia, mi sembra di aver capito. è dunque così rischioso? meglio lasciarla in pensione (un mese!)

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Laura, in effetti ormai in tutte le zone costiere del nostro paese è presente il pericolo della Leishmaniosi, ma non è automatico che se porti il tuo cane al mare lo riporti a casa malato. Secondo noi puoi benissimo portare con te la tua cucciolona, naturalmente prestando la massima attenzione e seguendo alcuni accorgimenti come farla dormire rigorosamente in casa (o comunque non all’aperto), evitare di farla stare fuori anche di sera (o comunque solo uscite brevi), utilizzare un buon antiparassitario spot-on e magari integrare questo con qualche spray alla citronella o all’olio di neem. Eventualmente esiste anche un farmaco, chiamato Leisguard che pare sia molto efficace, parlane con il tuo veterinario, spiegagli dove andrai esattamente e quale sarà la giornata tipo, lui saprà sicuramente consigliarti la profilassi più adeguata.

  • Sara scrive:

    Ciao a tutti..domani partiremo per il mare 1 settimana e abbiamo deciso di lasciare max a casa con dei miei famigliari peró sono preoccupata perchè anche se si trova in un luogo che conosce ho paura che senta troppo la nostra mancanza. Ha solo un anno ed è la prima volta ci allontaniamo per così tanto tempo.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Sara, sicuramente si sentirà un pò spiazzato i primi giorni per il fatto di non vedere più il suo “branco”, ma se i tuoi familiari saranno bravi a rispettare le sue abitudini, a portarlo a spasso, farlo giocare, ecc… presto si abituerà. E poi si tratta solo di una settimana, quindi assicurati solo che sia trattato bene e goditi la vacanza.

  • Elisa scrive:

    L’anno prossimo (è lontano ma preferisco informarmi adesso) vorrei portare il mio beagle al mare ma c’è mio padre che dice che le spiagge sono tutte con la sabbia. E’ un problema?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    No, la sabbia non costituisce un problema, bisogna solo fare attenzione a sciacquare bene il pelo del cane con acqua dolce per eliminare residui di sabbia e di salsedine dal manto.

  • laura scrive:

    Amici beagle siete fantastici!!!!!!! Ancora una volta i vostri consigli sono stati utilissimi!come detto in precedenza, abbiamo portato cloe in vacanza a mare cn.noi ma temevamo di nn riuscire a gestirla!!! Abbiamo comprato il picchetto x tenerla legata in spiaggia sotto l ombrellone e funziona alla grande:-):-) credo che questa esperienza sara molto costruttiva sta imparando a stare in mezzo alla gente in maniera serena,cn i bimbi senza piu fare tr l euforica e se vede altri cani inizia a non abbaiare piu per avvicinarli, si sta abituando al mondo 😛

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ottima notizia, siamo felici che il picchetto si sia rivelato così utile, ora potrete godervi tante belle giornate al mare in totale tranquillità! 🙂

  • Caterina scrive:

    Ciao Simona! Sono Caterina! Io e la mia cucciola molly di appena sette mesi i primi di luglio ci trasferiamo alla casa al mare! Staremo lì per due mesi! Ho solo qualche perplessità: innanzitutto ho paura che le manchi casa sua o il resto della famiglia perché inizialmente saremo solo io e lei per una quindicina di giorni! Ma so che li sarà felice perché li c’è anche il giardino che oltre alle uscite contribuirà a farla spassare!
    Seconda preoccupazione la sera quando uscirò sarà dura lasciarla sola ma proverò poco a poco magari lasciandole un osso e sperando che vada a dormire!

    Grazie mille il solo scrivervi mi rende consapevole su come procedere!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Caterina, se saprai riempire le sue giornate con passeggiate e divertimento non c’è pericolo che senta la mancanza di casa o del resto della famiglia. Invece è giusta la tua preoccupazione per quanto riguarda il fatto di lasciarla da sola la sera: considera che si troverà in un ambiente del tutto estraneo e ci vorrà del tempo prima prenda confidenza con la casa e che si senta tranquilla e al sicuro anche da sola, perciò almeno per i primi giorni evita di lasciarla in casa da sola! Dopodichè puoi procedere per gradi, cominciando a lasciarla per pochi minuti e poi aumentando sempre di più il tempo, prendendo sempre tutti gli accorgimenti (luce accesa, tv accesa, giochini da masticare, ecc…) per farla sentire meno sola.

  • Cosmo scrive:

    Salve in qualche sito ho letto che e’ consigliata anche la crema solare ?? Questo vale anche per i nostri Beagle ?? Grazie e buona serata 🙂

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Cosmo, no, nessuna crema solare per i cani, ci pensa il pelo e proteggerli da scottature. Al massimo puoi utilizzare un’apposita crema protettiva per i cuscinetti (ad esempio Elastopad). 🙂

  • GABRI scrive:

    Non ho mai spinto la mia Lilli a fare il bagno, , che adesso ha 9 anni ma fin da quando aveva 6 mesi si butta in tutti gli specchi d’acqua che trova: dal fiume al mare perfino dal barcone dal quale abbiamo fatto una gita in Croazia….forunatamente era al guinzaglio, e ho fatto in tempo a trattenerla prima che riuscisse a sporgersi troppo.
    Purtroppo ha un problema con la sabbia : la sua voglia di sfregarcisi è inrefrenabile e …..si riempie gli occhi di sabbia.
    L’unico modo è asciugargli il muso con una salvietta.
    ciao a tutti.

Lascia un commento