Torna all'homepage
Ott
6

Se il beagle tira al guinzaglio

Autore: Francesco Vischi
Categoria: Educare Beagle

beagle tira al guinzaglio foto

Avere il beagle che tira al guinzaglio è una cosa molto comune per tanti proprietari che, appena usciti di casa, si ritrovano il cane che comincia a tirare come un dannato.
Quando abbiamo a che fare con un beagle che tira al guinzaglio, intanto ricordiamoci che essere “testardo” è una delle sue caratteristiche più evidenti: che ci piaccia o no, il beagle è stato selezionato per focalizzarsi sul seguire le tracce odorose delle prede finché non vengono individuate e colpite dal cacciatore.

È per questo che il nostro amico perde la testa quando sente qualsiasi odore interessante: è stato selezionato per fare tutto da sé, per essere indipendente dal conduttore (che in una battuta di caccia spesso viene perso di vista dal cane) e per scegliere in autonomia la tattica più adatta ad inseguire la preda, sordo a qualunque cosa estranea al suo naso e alle sue gambe.

Smorzare completamente gli istinti che sono stati curati in centinaia di anni di selezione è troppo per un beagle, ed è una violenza inutile. Questo però non vuol dire che non sia possibile avere un beagle che cammina bene al nostro fianco!

Se seguiamo ogni giorno alcuni accorgimenti con pazienza e coerenza, riusciremo ad insegnare al nostro amico quanto è piacevole una passeggiata tranquilla.
E glielo insegneremo in modo del tutto naturale, senza forzature, senza violenza e senza castrare il suo istinto.

Ecco gli accorgimenti che possono aiutarci molto se il beagle tira al guinzaglio.

  • Assicuriamoci di essere il suo punto di riferimento.
    Saremo anche ripetitivi, ma questo passo è fondamentale in qualsiasi aspetto della vita con il cane. Lui ha bisogno di avere qualcuno di cui fidarsi. Se diventiamo il suo punto di riferimento, per il cane sarà molto più naturale starci vicino e considerarci per quello che siamo, cioè preziosi compagni, come lui è prezioso per noi. Nel report gratuito “Beagle ribelle? No, grazie!” ci sono le indicazioni di base per diventarlo.
  • Controlliamo se ha accettato bene il collare e il guinzaglio.
    Se un cane prova fastidio nell’indossare collare o guinzaglio, è più facile che tiri. Se il beagle si dimena quando gli mettiamo il collare, la pettorina o il guinzaglio, possiamo aiutarlo con gli esercizi descritti nel post “Come abituare il cucciolo a collare e guinzaglio” (vanno bene anche per un adulto).
  • MAI dare continui strattoni al guinzaglio quando camminiamo per strada.
    Oltre ad essere una violenza inutile, non gli trasmette un messaggio chiaro. In più, se facciamo il tiro alla fune nella direzione opposta a quella del cane, i suoi muscoli si tendono automaticamente per contrastare la nostra forza. Risultato: si aggravano le cose e con il tempo tirerà ancora più forte.
  • Impariamo ad attirare l’attenzione del beagle.
    Questo è un passo fondamentale. Impariamo a farci guardare da lui, premiandolo (con un bocconcino, con un giocattolo, una carezza sul petto o qualsiasi cosa che gli piaccia) ogni volta che lo fa. Con il tempo, ci darà la sua attenzione sempre più spesso e gli verrà naturale rivolgere i suoi sensi verso di noi anche in passeggiata.
  • Cambiamo spesso direzione.
    Quando abbiamo imparato ad attirare la sua attenzione in modo efficace, durante le prime passeggiate cambiamo improvvisamente e spesso direzione (ovviamente senza dare al cane degli strattoni mostruosi): il beagle verrà “disorientato” da questo comportamento, tendendo a straci più vicino e con il tempo sarà meno portato a tirare.
  • Ogni volta che tira, fermiamoci.
    Sì, è un procedimento lungo e faticoso ma di solito dà buoni risultati se fatto con costanza: quando il cane comincia a tirare, fermiamoci e stiamo semplicemente immobili (possibilmente senza farci trascinare e MAI tirando il cane verso di noi). Con il tempo capirà che tirando non si andrà da nessuna parte e sarà più collaborativo.

Inoltre da più parti vengono proposti alcuni accessori come ad esempio le “pettorine da addestramento” (dette anche “easy walk”) o i “collari a cavezza”, che dovrebbero essere stati progettati per aiutare i proprietari di cani “tiratori”.

Va detto subito che nessun accessorio fa il miracolo.

Siamo noi che dobbiamo insegnare al cane come si cammina bene perché lui non è nato con il collare e il guinzaglio.

Per chi non le conoscesse, ecco come si possono presentare le “easy walk” e i collari a cavezza.

Pettorina da addestramentoPettorina da addestramento (o “easy-walk”)

Questa pettorina è pensata in modo da cingere il petto del cane e la sua particolarità consiste nel fatto che il guinzaglio, anziché agganciarsi sul collo o sulla schiena, si aggancia proprio sul petto.
Questo comporta che quando il cane tira, automaticamente sia portato a girarsi verso il conduttore… ovvero il cane involontariamente compie il movimento contrario a quella che è la sua direzione.
Pertanto il cane, “sconcertato” da questo continuo e involontario voltarsi, capisce che se vuole andare avanti nella passeggiata deve semplicemente camminare senza tirare.

Collare a cavezzaCollare a cavezza

Conosciuto anche come “gentle leader”, è un collare dalla forma adatta ad esercitare il controllo sul muso dell’animale.
Quando il cane tira, il suo muso non può fare a meno di essere guidato in modo delicato a guardare verso di noi.

Ha quindi lo stesso principio della pettorina easy-walk, che rimane assolutamente da preferire in quanto meno fastidiosa e meno costrittiva rispetto al collare a cavezza.

Ripetiamo che è fondamentale l’educazione alla condotta al guinzaglio, non esistono attrezzi miracolosi.

Questi accessori potrebbero aiutarci nei primi tempi, ma non sono certo fondamentali.

Se non insegniamo al cane come si cammina bene (imparando ad attirare la sua attenzione, premiando sempre il cane quando assume la condotta corretta e seguendo gli accorgimenti detti sopra), tutti questi strumenti sono assolutamente inefficaci perché non si verifica nessun apprendimento: il cane non tira perché semplicemente non può tirare.

Ciò significa che, tornati all’uso del collare o della pettorina classica, se non gli avremo insegnato niente il cane continuerà a tirare come prima.

Si tratta di un processo che può richiedere anche mesi di lavoro, tanta pazienza e tanta determinazione da parte nostra, ma una volta raggiunti i risultati sperati… questi saranno definitivi e la soddisfazione di entrambi sarà altissima!

P.S.
Volutamente, non abbiamo parlato del famoso collare a strozzo.
Non è uno strumento del demonio, ma è facilissimo usarlo male e provocare gravi danni.
Quindi, lo sconsigliamo assolutamente.
In più, non è nato per insegnare al cane a non tirare ed è assolutamente inutile a questo scopo.
Pensiamo a chi ci dice “mettigli lo strozzo così quando tira sente male e smette”: sarebbe uguale dire “dagli una bastonata ogni volta che tira, così sente male e smette”.
Ci sembra corretta una cosa del genere?

Vuoi saperne di più?

Scopri come insegnare al tuo cane  a passeggiare col guinzaglio lento in poco tempo, in modo naturale, senza clicker e senza neanche toccarlo!

117 commenti:
  • Simba scrive:

    Mancare di rispetto proprio ad un cane che è pronto a dare la vita per il suo padrone di cui si fida ciecamente e per il quale è disposto a tutto è alto tradimento! Ci si discosta dal parere dell’Associazione Medici Veterinari Italiani ( e di tutto il mondo; http://www.anmvi.it/search/node/collare) che disapprova la coercizione punitiva con collari a strozzo, a scossa elettrica etc.

    Una catena che scorre sul collo di un cucciolo tanto più stretta quanto più il il cagnolino curioso la mette in trazione è una tortura inaccettabile e potenzialmente lesiva:

    Ma ancor più sdegno si prova quando qualche addestratore o veterinario suggerisce di infliggere maltrattamenti per accorciare i tempi di apprendimento!

  • Simba scrive:

    COLLARE A STROZZO anche noto come collare a strangolo

    Quando anche l’ovvio è posto in discussione, inaspettatamente: purtroppo ancora qualcuno si dimentica il rispetto come principio guida verso cui indirizzare le proprie azioni (non è semplice) .

    Si può dimenticare anche solo per un po’, di far parte di una Civiltà che si pone delle regole…

    (Legge sul maltrattamento animali dall’art. 544-ter del Codice Penale; I regolamenti comunali sulla tutela animali),

    …si fonda su un’Etica condivisa e cresce in Scienza e coscienza.

  • Simba scrive:

    Regolamenti comunali
    http://www.educanes.com/blog/RegolamentoComunaleDirittiAnimali.pdf
    ART8
    27. E’ vietata la vendita, la detenzione e l’uso di collari che provochino scosse elettriche, di collari a punte e di collari che possono essere dolorosi e/o irritanti per costringere l’animale all’obbedienza o per impedire l’abbaiare naturale

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao e grazie della segnalazione. Il nostro articolo è nato con l’intenzione di informare i lettori sugli strumenti che possono aiutare un padrone ad insegnare al proprio cane una corretta condotta al guinzaglio.

    In effetti ci sono pareri molto discordanti riguardo l’utilizzo del collare a strozzo, noi siamo dell’opinione che non è uno strumento di tortura a patto che venga utilizzato nel modo corretto (è questa la cosa più difficile!) e mai su cuccioli o su cani di taglia piccola. Il collare a cavezza e la pettorina da addestramento invece non provocano alcun dolore o irritazione.

    Ad ogni modo noi stessi abbiamo deciso di evitare l’uso del collare a strozzo preferendo la pettorina suindicata a cui associamo sempre un costante addestramento basato sul rinforzo positivo (cioè premiare il cane quando cammina al nostro fianco nel modo giusto) durante ogni passeggiata.

  • sasa969 scrive:

    mio malgrado mi sento di dire che nonostante abbia avuto diversi cani, la scelta di avere un beagle non e’ stata un idea eccezzionale. oggi a nove mesi, d’accordissimo con tutto quello che dite ma educare il mio sta diventando un ossessione, quando credo di avergli inseganato qualcosa(come ad esempio fare i bisogni fuori in un bel mmomento torna a rifarmeli dentro) oggi posso dire di aver quasi fallito anche se le persone che conosco che posseggono un beagle mi dicono che fino ad anno 1/2 circa poi si calma. nel frattempo mi ha distrutto un giardino tant’evvero che ho licenziato il giardiniere.ora vi chiedo se qualcuno puo’ darmi una mano altrimenti sono costretto a trovargli un nuovo padrone. con affetto salvatore.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Salvatore, data la natura del tuo commento abbiamo preferito risponderti in privato.

  • antonella scrive:

    ciao ti farò sapere se cn un semplice collare riusciro lo stesso a nn farlo tirare e spero di riuscirci xk gli diventano subito gli okki rossi anke cn la pettorina ti faro sapere se ci riesco xk poi e un cane intelligente spero capisca subito ciao ciao

  • Francesco scrive:

    ma di che vi lamentate!!!
    Io grazie al mio beagle che tira come un ossesso sono…in perfetta forma fisica!!!
    La passegiata si trasforma in una vera seduta da palestra!
    Ho tonificato gambe e braccia!!!
    Comunque a parte gli scherzi….chi ha un beagle avrebbe dovuto sapere prima le sue caratteristiche. Rispondendo a sasa969, posso dire che il mio beagle stando in appartamento ha provocato pochissimi danni, e ora a quasi due anni d’età si comporta benissimo in casa ed è molto quieto. Poi, logicamente, quando esce fuori, pretende la sua indipendenza, ma posso dire che senza chissà quale difficoltà, obbedisce al richiamo quando è senza guinzaglio! Certo devo stare con gli occhi ben spalancati, però posso ritenermi soddisfatto di come si comporta sia dentro casa che fuori, ma soprattutto dentro casa…sembra quasi un agioletto. Coraggio ed un saluto a tutti

  • nico scrive:

    ho un beagle di 6 anni, finalmente sono riuscito a portarlo a casa mia, prima stava dai miei genitori…. avevo problemi di spazio.
    quando lo porto a spasso si comporta abbastanza bene ma finita la passeggiata ed e’ il momento di ritornare verso casa lui si impunta e non riesco a riportarlo indietro se non in braccio, e’ come se non gli bastasse mai (facciamo passeggiate anche di 2 ore) cosa posso fare per risolvere questo problema? grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Nico, probabilmente il tuo cane ha associato il ritorno a casa alla fine del divertimento e così quando capisce che la passeggiata sta per finire si impunta e non vuole tornare. Per risolvere questo problema puoi adottare diverse strategie:
    – puoi portare con te durante la passeggiata il suo gioco preferito e farglielo vedere quando si impunta, invitandolo a tornare verso casa, dove finalmente glielo lascerai per giocare;
    – puoi fare la passeggiata prima dei pasti, in modo da rendergli il ritorno a casa positivo perchè lì troverà una ciotola piena di pappa ad aspettarlo e quindi verrà premiato con il suo stesso cibo;
    – puoi variare il più possibile il percorso e in particolare la strada di ritorno verso casa, così da rendergli più vario il tragitto e meno chiaro il concetto di “ritorno a casa”.

  • nico scrive:

    grazie simone, gia da qualche giorno sto provando a fare strade e sentieri diversi in modo da non fargli capire che ci stiamo avvicinando a casa e sembra funzionare, il problema e’ che sto esaurendo le opzioni e lui sembra non dimenticarsene neanche una. al momento sto usando una pettorina e non so come ma riesce anche a sfilarsela volevo chiederti se sarebbe meglio usare un collare a cavezza visto che un’ altro suo problema e’ quello di tirare da matti.grazie ancora ciao

  • nico scrive:

    simone? simona scusa errore di battitura

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    No problem! 🙂
    Allora, con il collare a cavezza risolvi il problema solo in parte, perchè se è vero che il cane quando lo indossa non tira, è anche vero che così non impara a non tirare. Questo significa che appena torni al collare classico o alla pettorina tira di nuovo come prima. Bisognerebbe con tanta costanza fermarsi appena il cane inizia a tiarare e riprendere la passeggiata solo quando si è calmato. Frequenti cambi di direzione e attirare spesso la sua attenzione su di te aiutano molto. Solo applicando questo metodo sempre, ad ogni uscita, si insegna il cane a camminare a fianco del padrone, ma ci vuole davvero tanta pazienza e richiede molto tempo, non bisogna pretendere di risolvere il problema in un mese. Altrimenti, piuttosto che il collare a cavezza (che è simile ad una museruola e quindi più fastidiosa per il cane), puoi optare per una pettorina “easy-walk” con la quale ottieni lo stesso effetto: il cane si gira verso il conduttore appena tira il guinzaglio e questo lo infastidisce e lo disincentiva a tirare.

  • Gigi scrive:

    Il nostro Suomi tira anche lui tanto al guinzaglio. Sto applicando il metodo descrito. Mi fermo quando inizia a tirare. Purtroppo a volte prova cmq ad allontanarsi! Tira cosi’ forte che ogni tanto sembra che si strozza! (questo sinceramente mi fa senso!!Spero non si faccia male insomma!!!) A questo punto generalmente uso un “NO” secco e lui si ferma ai miei piedi ululando un pochino e dopo un paio di secondi ci riprova!!! Che pazienza che ci vuole!!! 😉

    Poi parlate spesso (nei vostri articoli in generale) di dare dei bocconcini. Che tipo di bocconcini date ai vostri cuccioli? Suomi ha solo tre mesi e nei negozi i biscotti per cani sono quasi sempre adatti a cuccioli di almeno 5 mesi!!

    Ho pensato anche al Wurstel. Ma siccome l’allevatore mi ha consigliato di dare solo cibo secco non so se potrebbe essere una buona idea.

    Vi ringrazio in anticipo per la risposta!

    Invece

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Gigi e grazie a te,
    data la giovanissima età di Suomi, non dobbiamo preoccuparci se ha tanta voglia di esplorare il mondo che lo circonda. 🙂
    Tra l’altro, una buona condotta al guinzaglio è uno degli obiettivi finali di un percorso di educazione di base che, in sostanza, si basa sulla capacità del conduttore di attirare verso di sè l’attenzione del cane (a maggior ragione con i beagles!). Continuando con la strategia di “rendere impossibile la passeggiata a noi per renderla impossibile a lui”, crescendo Suomy acquisirà un maggiore controllo di sè e dall’esterno apparirà più composto. Se usi il collare classico senza tirare mai il guinzaglio ma solo bloccandolo, il cucciolo non si farà male perché generalmente percepisce quando sta tirando troppo. Se preferisci, puoi provare ad usare una pettorina ad “H”, che in questo caso facilita il lavoro ma non sostituisce l’educazione alla condotta.
    Per quanto riguarda i premi, l’importante è che non influiscano troppo sulle calorie che il cucciolo assume durante la giornata, anche se non sono uguali al cibo che di solito mangia. Nel caso del piccolo Suomy (con il benestare del veterinario, naturalmente), può andar bene un solo würstel di pollo di piccolo formato, tagliato a pezzetti molto piccoli e suddiviso nell’arco dei vari “momenti educativi” della giornata. Quando crescerà, potrai poi aumentare la quantità di premi da dargli.

  • Gigi scrive:

    Ciao Francesco,

    Grazie per tutti i vostri preziosi consigli!!!
    Questo week end (ha ricevuto l’ultimo vaccino lo scorso mercoledi’)abbiamo portato Suomi al parco per la prima volta!!! Madonna mia quanto si è divertito! Era felicissimo. Poi ha incontrato tanti nuovi amici. In particolare una femmina di boxer!
    E devo dire che si è comportato benissimo. Alla fine non ha tirato tanto mentre passeggiavamo. E’ rimasto vicino a noi durante il percorso.
    Presto vi inviero’una foto di Suomi!

  • silvia scrive:

    il mio leo ha 5 mesi. per il momento non mi posso lamentare:non mi ha distrutto casa.io vivo giorno per giorno sperando che non cambi,per ora è un piccolo gioiello. unico problema gestire le innumerevoli pipì.dovrei vivere per strada con lui……a casa le fa ,fortunatamente,sulla traversa.

  • valter scrive:

    Ciao, volevo un vostro consiglio se usare collare classico, o una pettorina ad H con un cucciolo di quattro mesi. Adesso sto usando quello classico in nailon, ma jack è un bravo tiratore e allora volevo sapere se con la pettorina migliorerà,tenendo presente che sto seguendo i vostri preziosi consigli sulla condotta al guinzaglio.Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Valter, per un cucciolo, a maggior ragione se tiratore, ti consigliamo senz’altro di usare una pettorina (rigorosamente ad H!) perchè con il collare potrebbe provocarsi dei danni alla gola. Naturalmente non è smette di tirare non appena indossa la pettorina, dovrai associare a questo strumento i passaggi di base per educare il cane ad una buona condotta al guinzaglio, ovvero fermarsi immediatamente quando inizia a tirare e riprendere la marcia solo quando si calma, premiarlo quando cammina bene al tuo fianco, insegnargli a dare a te la sua attenzione e cambiare spesso direzione di marcia per rendere più interessante e imprevedibile il percorso! 🙂

  • giorgio scrive:

    volevo invece rigraziare la mia beagle di nome lola trovata abbandonata su una strada sterrata in attesa di sei cuccioli.
    E’ STATA UN ESPERIENZA DIFFICILE MA MOLTO AFFASCINANTE TROVATA DOPO DUE GIORNI AVER SEPPELLITO LA NOSTRA TRILLI UNA CAGNOLINA CHJE CI HA ILLUMINATO LA NOSTRA STRADA CHE CI GHA DATO YTANTO AMORE E CHE E’ STATA LA MIA COMPAQGNA DI SOLITUDINE VOLEVO RINGRAZIARE COME TUTTI I MIEI AMICI LA CHIAMAVANO LA ZIA TRILLI ELEGANTE E STRAORDINARIA PERSONA CHE IL TUO VUOTO NON POTRA’ ESSERE COLMATO DA NOIENTE E NESSUNO.TI ADORO CARA TRILLI.
    PER TE LOLA UN GRAZIE PER TUTTO L’AMORE CHE MI DAI E PER TUTTTE LE SCARPE CHE CONTINUI A MASSACRARE E PER QUANTO PUOI ESSERE INTELIGGENTE TI ADORO MIA CARA BEGLE

  • giorgio scrive:

    INOLTRE LOLA HA DATO AL MONDO SEI MERAVIGLIOSI CUCCIOLI CHE ORA HANNO TROVATO CASA ED OGGI HANNO COMPIUTO SESSANTA GIORNI.MI RITENGO DI ESSERE FORTUNATO AD AVER TROVATO UN CANE COSI MERAVIGLIOSO NON POSSO FARE A AMENO DI AMMIRARE I SUOI OCCHI MERAVIGLIOSI CHE GLI PARLANO E CHE RIESCE SEMPRE A CATTURARE LA MIA SENSIBILITA’ CIAO A TUTTI E BUONA GIORNATA A VOI TUTTI E A TUTTI I MERAVIGLIOSI BEAGLE

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giorgio, grazie mille per averci raccontato la tua esperienza con Lola e Trilli, dalle tue parole traspare tutto l’amore possibile per queste due cagnoline. 🙂

  • Antonella scrive:

    Ciao,Il mio piccolo Elvis di 4 mesi non solo tira come un matto quando siamo in giro a passeggio,ogni tanto decide di mettersi fermo e non si muove per nessun motivo,ci sto provando i tutti i modi,ma Elvis non ne vuole saxe!!Ogni passeggiata sta diventando una tortura,vi prego,ci sarebbero ulteriori consiglii per la mia piccola peste!??!Grazie in anticipo!

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Antonella,
    non spaventarti se Elvis non è ancora capace di passeggiare bene, è giovane e sei ancora in tempo per farcela alla grande. La passeggiata al guinzaglio, soprattutto percorrendo una strada dritta, sembra semplice ma è il traguardo di un percorso educativo che parte da lontano. Quello che possiamo consigliarti adesso è:
    1) Assicurati di occupare la posizione di leader agli occhi di Elvis, di essere il suo riferimento sicuro (sullo special report puoi trovare le indicazioni per farglielo capire): questo è fondamentale per cominciare a costruire una buona relazione con lui.
    2) Cerca di capire se tollera collare (o pettorina, o quello che usi) e guinzaglio: fagli indossare il collare in casa, in un momento tranquillo, senza dirgli o fargli fare nulla. Poi guarda se si mette a correre come un matto, se si infastidisce e cerca di toglierselo o altro. Stessa cosa con il guinzaglio. Sarebbe meglio che si abituasse con naturalezza a portare questi accessori.
    3) Sempre cominciando in un posto tranquillo, scopri un sistema per attirare la sua attenzione. Per quasi tutti i cani è o un bocconcino o un giocattolo: prova a vedere quello che lo entusiasma di più. Scoperto questo, porta con te i premi durante le prime uscite e cerca di attirare molto spesso la sua attenzione verso di te, mettendogli ad esempio un bocconcino davanti al muso e portandolo lentamente verso il tuo volto, premiandolo quando ti guarda (con il giocattolo è la stessa cosa, glielo lasci da mordicchiare un po’ quando lo premi).
    4) Per le prime volte, prova a fare frequenti cambi di direzione: fai dietro-front oppure svolta all’improvviso a destra o sinistra, senza preoccuparti di finire il percorso “classico” della passeggiata. Di solito è un sistema molto efficace per attirare l’attenzione del cucciolo che, sorpreso, cercherà sicurezza avvicinandosi a te (leader).
    Queste sono solo indicazioni di massima. Se vedi che Elvis peggiora o se preferisci avere un aiuto fisico, puoi considerare l’idea di chiedere una consulenza ad un educatore (se si tratta di farti vedere solo queste indicazioni, spesso basta un unico incontro).

  • Antonella scrive:

    Grazie millle!!Ci proverò anche se ogni volta che Elvis vede il guinzaglio finge di dormire e diventa un angioletto…

  • bb scrive:

    Ciao a tutti, ho letto con interesse i vostri commenti!
    Ho a che fare con un bigol di 2 anni da circa un mese, abbiamo instaurato un buon rapporto di amiciza ma il problema è che quando lo porto fuori al guinzaglio si trasforma in un tornado!! Il suo padrone è il mio fidanzato e da qualche tempo lo porto io a spasso, ma sto rischiando la frattura del polso!!! seguirò i consigli sopra indicati, tipo cambiare direzione, ma fermarmi se tira sarebbe come dire restare immobile tutto il tempo:-) però ci proverò…mi sono affezionata a lui “Toby” e mi piacerebbe educarlo…
    Grazie
    bb

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao! Dunque, la tua situazione è leggermente più complicata perchè hai a che fare da poco tempo con un beagle già adulto che probabilmente in precedenza non è stato abituato a dovere a camminare bene con il guinzaglio. Ad ogni modo è un problema assolutamente risolvibile, basterà avere tanta tanta tanta pazienza e mettere in pratica quanto scritto nell’articolo. Ricorda inoltre che il segreto è riuscire ad avere il più facilmente possibile l’attenzione del cane, quindi porta sempre con te dei bocconcini o uno dei suoi giochi preferiti e usali affinchè il cane ti guardi e premialo quando cammina al tuo fianco senza tirare.

  • Jessica scrive:

    ciao a tutti il beagle è sempre stata una razza che mi ha sempre incuriosita quando al telegiornale ho sentito la notizia di green hill che facevano la vivisezione su questi poveri animali mi é dispiaciuto tantissimo …ci hanno dato la possibilità di fare domanda di affido e così l’ho fatta …ora con me c’e minu una cucciola di 9 mesi è un amore ed é dolcissima è curiosissima e molto impaurita leggendo i vostri commenti si rispecchia proprio in tutto e per tutto anche lei al guinzaglio tira come una dannata ed è un pò testarda …con quello che ha passato mi dispiace e a volte la lascio fare …abbiamo iniziato qualche lezione con l’addestratrice e vedremo … sono contentissima e ogni giorno che passa fa progressi grazie a minu che a riempito il mio cuore un saluto a tutti

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Jessica, intanto complimenti per il bellissimo gesto che ha fatto adottando una cucciola proveniente da Green Hill. Hai fatto benissimo a rivolgerti ad una persona esperta per quanto riguarda la sua educazione ed un corretto inserimento nella tua famiglia, vedrai che ti aiuterà a risolvere quei piccoli problemi dovuti al suo difficile passato. Vi auguriamo una splendida vita insieme! 🙂

  • carmelo scrive:

    straordinario il mio cane non tira piu’

  • Sabrina scrive:

    ciao! utilissimi i consigli ma non riesco proprio a far stare Lola al mio fianco! l’unica cosa che ho provato e funziona è questa: quando esco da casa mi porto una pallina, vado in un luogo dove posso tenerla sotto controllo anche sciolta e la faccio sfogare un po’ con la palla, dopo in passeggiata è molto più tranquilla e risponde ai miei comandi. quanto è sbagliato quello che sto facendo?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Sabrina, non c’è niente di sbagliato in quello che fai, Lola ha bisogno di scaricare le sue energie giocando e correndo in libertà, quindi va benissimo. L’unica cosa è che tutto questo non serve ad insegnarle a camminare bene al guinzaglio, perchè la sua buona condotta è semplicemente una conseguenza del momento di gioco. Se davvero vuoi farle imparare a camminare al tuo fianco senza tirare al guinzaglio, in qualsiasi situazione, devi armarti di tanta tanta pazienza e mettere in atto con costanza questo metodo. Ci vorrà del tempo ma alla fine i risultati arriveranno! 🙂

  • Valentina scrive:

    Ciao a tutti io ho un beagle di 6 mesi Oliver..lui ogni giorno va ai giardinetti con mio papà e gioca due ore con i suoi amici da Terranova a pitt bull..non ha paura di niente e si diverte come un pazzo..al guinzaglio non tira più e sta imparando a camminare senza ovviamente noi abbiamo sempre un biscottino dietro..lui vive in appartamento e non ha mai fatto un danno..sono la razza più bella che possa esistere a pare mio..io lo amo più della mia vita ormai..grazie per i vostri mille consigli che sono sempre utili!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Valentina, grazie per i complimenti e per la tua testimonianza, con queste premesse il tuo Oliver diventerà un vero Lord! 🙂

  • ciro scrive:

    in effetti avere l’attenzione di un beagle in un ambiente esterno è piuttosto complesso. ho iniziato a seguire i vostri consigli con (molta) pazienza. al momento diciamo che le nostre passeggiate consistono in continui cambiamenti di direzione e frequenti stop and go. vanno bene i wurstel di pollo come premio? comunque sia, il beagle rimane più efficace di palestra o nordic walking per un’ottima forma fisica e trasmette molta allegria!! vi dirò se avrò risultati. ciro

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Eheheh, hai ragione Ciro, i beagles sono ottimi personal trainer! 😉 I wurstel di pollo vanno benissimo perchè sono buoni, hanno un odore forte e non hanno bisogno di essere masticati, per cui ne basta un pezzettino piccolo per dare un rinforzo immediato. Continua così, vedrai che i risultati arriveranno!

  • Serena scrive:

    Ciao a tutti…
    Io ho un beagle di 8 mesi, Alviero..volevo chiedervi un consiglio.
    Quando è con me in casa è la mia ombra..giochiamo…dorme..non mi lascia mai un secondo da sola… ma ho dei problemi:fa tante vole pipì in casa sulla traversina al giorno nonostante va fuori 3/4 volte al giorno..appena lo lascio da solo in casa o con i mei mi distrugge qualcosa, in particolar modo la sua brandina o il suo cuscinone( ne ho comprate gia tre)…e poi l’ora del pranzo o della cena sono diventate degli incubi..appena capisco che sto per mangiare inziare ad urlare ea saltarmi addosso a piu non posso!
    Avete consigli da darmi?
    Grazie a tutti i nostri amici pelosi!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Serena, in questo articolo si parla del beagle che tira al guinzaglio, quindi siamo completamente fuori tema… Comunque, per quanto riguarda, i bisogni a 8 mesi un cane dovrebbe essere già in grado di trattenersi e di aspettare di uscire per fare pipì e popò. Visto che quando è in casa continua a sporcare sulle traversine, può essere che lo faccia solo per abitudine e non per marcare il territorio, quindi il nostro consiglio è di toglierle del tutto. Magari all’inizio si troverà spaesato e ti toccherà pulire il pavimento qualche volta, ma presto smetterà di fare pipì in casa. Per tutto il resto invece ti consigliamo di lavorare sulla vostra relazione, perchè tutti i comportamenti che descrivi denotano il fatto che Alviero pensi di essere superiore a te nella scala gerarchica della famiglia e quindi sei sotto la sua responsabilità. Quando non ci sei si dispera perchè non può tenerti sotto controllo, mentre quando mangi non capisce perchè tu non faccia mangiare prima lui, visto che nella sua testa, lui è il tuo leader e il leader mangia sempre prima dei subordinati. Quindi devi iniziare a lavorare con lui per ribaltare la gerarchia e diventare tu la sua figura di riferimento e creare una relazione basata sul rispetto e sulla fiducia reciproca. Tutto questo si ottiene adottando una serie di atteggiamenti che gli faranno capire che tu sei superiore a lui e, contemporaneamente, prendendoti cura di soddisfare i suoi bisogni fondamentali, in particolare quelli di movimento e socialità. A questo proposito puoi trovare dei consigli utili nei nostri due spacial report “Beagle ribelle? No, grazie!” e “I 4 pilastri del cane sano” scaricabili gratuitamente a questa pagina: Scopri il cane di razza Beagle

  • Andrea scrive:

    Posso solo dire che nonostante il mio rudy tira quando passeggiamo distruggendomi le braccia (non siamo riusciti a frenarlo nemmeno con le lezioni di una educatrice) o mi combina qualcosa a casa lo adoriamo per il grandissimo affetto che ci da a tutta la famiglia…..non ne potremmo fare a meno!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Andrea, è davvero bello che tu e la tua famiglia vogliate così bene al vostro Rudy! Considera però che insegnare ad un cane a non tirare al guinzaglio è un processo lungo che richiede tanta pazienza ma soprattutto costanza nel metterlo in pratica. Se vi impegnerete seriamente sono sicura che ce la farete! 🙂

  • giuseppina scrive:

    Grazie di tutto siete bravissimi e mi trovo d’ accordo su tutto quello che voi, simona e francesco consigliate e dite sui beagle, io ho avuto tanti cani e di diverse razze e non grandi e piccoli tutti fantastici che porterò sempre nel cuore, ma la mia sissi che ora ha 5 anni è meravigliosa e ci regala tanta vita, è buona vivace stupenda.
    Vorrei assicurare al sig.salvatore che veramente si calmano molto crescendo, sono tanto vispi dapiccoli però se si vuol bene al cane non si dovrebbe pensare di darlo via, io non la darei via nemmeno per tutto l’ oro del mondo.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giuseppina, grazie a te per la tua testimonianza, fa piacere leggere qualche commento positivo e ottimista ogni tanto! 😉

  • Cathy scrive:

    Ciao, il mio cucciolo, iago tira sempre al guinzaglio e io come ho letto qui sono stata immobile.
    Iago però quando vede gente comincia a piangere perchè vuole seguirla e poi finisce per abbaiare…non capisco proprio perchè fa così, ho provato anche a distrarlo ma niente..che devo fare? :\

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Cathy, quello che devi fare è non assecondare Iago nel voler seguire le persone ma nemmeno strattonarlo via. Esattamente come fai quando tira al guinzaglio quindi, devi fermarti e restare immobile e riprendere a camminare solo quando si calma, ignorando tutti i suoi lamenti. In questo modo gli fai capire che non è il modo corretto di comportarsi e che se vuole proseguire la passeggiata deve rimanere tranquillo, ci vorrà un pò di tempo ma piano piano capirà! 🙂

  • elvi scrive:

    Vorrei raccontare quello che è il mio carissimo cagnolino. Scusate se non mi adeguo all’argomento che trattate con maestria. Il mio Lupo, beagle,è “ladro”. Va nelle borse, in tasca delle giacche e dei pantaloni e portavia tutto quello che trova.
    Nella mia borsa ha preso il telecomando del cancello, lo ha aperto ed è scappato.Questo è successo di notte questa estate.Vedendo la luce del cancello ad accendersi, ci siamo spaventati(essendoci malvienti in questi paraggi che di notte entrano nelle case con le persone in casa)stavamo per chiamare la 113. Poi ci siamo accorti che lupo era scappato,la mia borsa per terra e il telecomando pure e masticato. (Sono stata poco accorta io a lasciare la borsa a sua portata). Saluti a tutti gli amici dei tremendi e adorbili beagle. Elvi

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Caspita, davvero diabolico il tuo Lupo!!! Naturalmente speriamo che la vicenda si sia risolta per il meglio e siate riusciti a riacchiappare il fuggitivo!

  • Cathy scrive:

    Ciao Simona..grazie del tuo consiglio 😀 Vedremo se il piccolino imparerà 😀

  • Sabrina scrive:

    Ciao, mi avete già aiutato con la mia beagle, mamma di green hill,ma avrei bisogno ancora una volta dei vostri consigli. Quando usciamo a passeggio,Lotti si impunta per andare in direzioni diverse da quelle in cui vorrei andare io ( magari dirigendosi dritta in mezzo alla strada).Si impunta talmente tanto, che va anche all’indietro pur di fare come vuole. Io di solito resto immobile finchè non si calma, ma lei inizia a mordere il guinzaglio e tira ancora di più. Cosa mi consigliate? Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Sabrina, ti stai già comportando nel modo più corretto possibile per far capire alla tua Lotti come deve comportarsi durante la passeggiata, l’unico consiglio che possiamo darti è di continuare così e soprattutto di non demordere di fronte alle sue richieste, non devi mai dargliela vinta insomma. Se inizia a mordere il guinzaglio, dille un “NO!” bello deciso, ma resta sempre immobile. Vedrai che con questa tecnica presto capirà che deve seguire te e non può sempre andare dove vuole. Inoltre inizia a lavorare sulla condotta al guinzaglio, richiama spesso la sua attenzione e quando ti guarda premiala, fai molti cambi di direzione e, quando si comporta bene e cammina senza tirare, puoi lasciarle un pò di libertà: asseconda i suoi movimenti e falla annusare dove vuole per un pò di tempo, poi richiama l’attenzione e continuate la passeggiata. In questo modo le fai capire che solo comportandosi bene riuscirà ad ottenere ciò che vuole. 🙂

  • PAOLA scrive:

    SALVE SONO PAOLA HO UN BEAGLE FEMMINA HA 8 MESI MA SPESSO MI FA LA PIPI A TERRA PERCHE’ SULLA TRAVERSA NON ME LA FA PIU’ LA SCENDO 4 VOLTE AL GIORNO PRIMA ANCHE 5 O 6 VOLTE MA ORA DEVE ABITUARSI MA STO PERDENDO LA PAZIENZA INFATTI HO PENSATO DI REGALARLA MA MIO FIGLIO SI E’ TANTO LEGATO E ANCHE IO NATURALMENTE…..CI VUOLE TANTA PAZIENZA ANCHE QUANDO MI METTO A TAVOLA SALLE SUL TAVOLO CON LE ZAMPE POI QUANDO USCIAMO TIRA SPESSO E ODORA TUTTO E QUALKE VOLTA MANGIA ANCHE DA TERRA….NON SO KE FARE AIUTOOOOO!!!!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Paola, innanzitutto cerca di calmarti e di non perdere il controllo della situazione. Gestire un cucciolo di beagle non è mai una passeggiata di salute, ci vuole impegno, tanta pazienza, costanza e fermezza. Quelli che hai elencato sono i problemi più comuni tra i proprietari, ma se tutti si fossero arresi alle prime difficoltà, a quest’ora il mondo sarebbe pieno di beagles a zonzo per le strade perchè sono stati ripudiati dai padroni. Se non è così, evidentemente sono tutti problemi risolvibili con un pò di buona volontà. Ecco quindi gli articoli che ti consigliamo di leggere attentamente (oltre a quello qui sopra, che indica come risolvere il problema del cane che tira al guinzaglio):
    Come insegnare al Beagle a fare i bisogni nel posto giusto
    Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”
    Il Beagle mendicante
    Come evitare che il nostro Beagle divori qualunque schifezza

  • Mart scrive:

    Ciao!
    Zeta è una bigola di quasi 6 mesi… è secondo me non tira eccessivamente al guinzaglio. Il problema però è sempre nelle passeggiate: ad un certo punto inizia a mordere le caviglie, il punto è che ormai i dentini sono fatti e inizia anche a fare male.
    Le dico no, mi fermo, la metto seduta, la metto a terra, provo a distrarla dandole un bastone da rosicchiare, ma niente, appena rincomincio a camminare riprende.
    A volte ringhia anche.

    Che fare? Io ho la sensazione che lo faccia perchè non vuole tornare a casa.

  • Mart scrive:

    (Ho visto alcuni errori di ortografia -o refusi- nel commento precedente… pardon, sto ancora facendo colazione ^.^)

    Talvolta lo fa anche in casa. Non credo sia per giocare, quando vuole giocare ulula e si mette davanti.
    Qui il problema è serio: quando il NO è troppo deciso ringhia e mordicchia di più.

    (ah, viene da GreenHill, non so se questo cambi le cose)

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Mart, il comportamento che descrivi di solito si riscontra nei cuccioli molto piccoli ma poi piano piano scompare, sia perchè avviene il cambio della dentizione, sia perchè nel mentre il cucciolo impara che questo suo mordicchiare non è tollerato dalle persone che lo circondano. Evidentemente alla tua Zeta nessuno ha potuto insegnarglielo prima e quindi se l’è trascinato. Dunque, in questi casi quello che bisogna fare è esclamare “AHI!” e poi ignorare il cane, voltarsi dall’altra parte, cambiare stanza… insomma, lasciarlo solo per un pò. Solitamente si comportano così per attirare l’attenzione e questo è il modo migliore per far capire loro che se mordono ottengono proprio l’opposto, ovvero la tua indifferenza. Infatti, con il “NO!” non solo dai al cane la tua attenzione che è quello che vuole, ma con il tuo stato d’animo irritato generi in lui ulteriore eccitazione. Quando succede durante la passeggiata fai lo stesso ma ovviamente non puoi lasciarla da sola, quindi semplicemente fermati, resta immobile per un pò e non degnarla di uno sguardo. Ripeti i passaggi ogni volta che ricomincia a morderti, vedrai che con tanta pazienza riscirai a farle capire come deve comportarsi. In questo articolo trovi qualche informazione in più: Se il Beagle morde

  • PAOLA scrive:

    BUONASERA SONO PAOLA IL MIO BEAGLE E’ TESTARDA ANCHE SE SONO MOLTO SEVERA CON LEI OGGI USCENDO E TORNANDO HO TROVATO IL PARATO STACCATO IN MILLE PEZZI MI FA I DISPETTI E APPENA TORNATA L HO SGRIDATA TANTO MA NON VORREI CHE ME LO RIFACESSE COME DEVO FARE??? GRAZIE X I CONSIGLI NELL ALTRO COMMENTO.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Paola, intanto evita di sgridare la tua cucciola quando rientri a casa e trovi qualche disastro. Ripetiamo da sempre che se il cane non viene sgridato nel momento stesso in cui fa qualcosa di sbagliato, non riesce ad associare la punizione alla sua azione e quindi non capirà mai cosa deve o non deve fare. Piuttosto cerca di farla sfogare molto prima di lasciarla da sola, portala a fare lunghe passeggiate, falla correre e giocare in modo che al rientro si senta appagata dal tempo di qualità passato con te e soprattutto stanca e vorrà godersi un pò di riposo. In più, quando resta sola, lasciale a disposizione qualcosa con cui distrarsi e passare il tempo, come ossi di pelle o giocattoli di gomma ripieni di cibo che lei dovrà impegnarsi ad estrarre.

  • PAOLA scrive:

    CIAO SONO PAOLA GRAZIE X IL CONSIGLIO SEGUIRO’ QUELLO CHE MI HAI DETTO. VOLEVO DIRE UN ALTRA COSA ANCHE QUESTA MATTINA IL MIO BEAGLE CHE HA 8 MESI MI HA DI NUOVO FATTO LA PIPI’ A TERRA CON TUTTO CHE IO METTO IL REPELLENTE…..FORSE CREDO CHE NON RIESCE A TRATTENERLA OPPURE AVRA’ QUALCOSA ALLA VESCICA VIENE A SVEGLIARMI ALLE 7 DEL MATTINO COME SE VOLESSE USCIRE MA IO A QUELL ORA NON RIESCO DI SOLITO SCENDE ALLE 8.30 DEL MATTINO…SPERIAMO CHE CAPIRA’ TRA QUALKE MESE ALTRIMENTI SARA’ UN PROBLEMA X ME PULIRE SEMPRE SONO UN PO’ COCCIUTI I BEAGLE MI HANNO DETTO VERO??? E MI HANNO ANCHE DETTO CHE NON SI CALMERANNO MAI SOLO FORSE A 10 ANNI AIUTOOOOOOOOOO!!! CIAOOOOO

  • Mart scrive:

    Ciao, grazie per la risposta!
    Ci proverò!quindi non devo darle neanche qualcosa da rosicchiare? lo prenderebbe come premio?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Durante la passeggiata è meglio di no, piuttosto porta con te dei bocconcini saporiti per premiarla quando rimane tranquilla. A casa invece tieni a sua disposizione degli ossetti di pelle con cui sfogarsi e rilassarsi!

  • Bravi Marina scrive:

    ciao,ho un problemino non da poco..due bigole di 4 anni con cui uscire è diventato x me un incubo. Maggye tira disperatamente al guinzaglio tanto che non ho più forza nelle mani x tenerla, mentre Margot che è da sempre fifona tira in senso contrario sempre con la coda tra le zampe come se dovesse scappare da qualsiasi cosa.. credetemi, non so più come gestirle, mi sembra di essere in giro alla fantozzi, x favore aiutooooo!!!!!!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Marina! In effetti non deve essere rilassante passeggiare in questo modo con Maggye e Margot ma purtroppo non esiste una formula magica che riesca a risolvere questo problema di punto e in bianco. C’è bisogno di tanto impegno, di tanta pazienza, ma soprattutto di lavorare singolarmente con l’una e con l’altra. Con Maggye dovrai cercare, portandola a spasso, di insegnarle a non tirare al guinzaglio (seguendo i consigli riportati nell’articolo qui sopra), mentre quando uscirai con Margot cercherai di coinvolgerla molto nella passeggiata, invitandola a seguirti con dei bocconcini saporiti e cercando di farle superare le sue paure. Insomma, ci vuole tanto temp o e tanta buona volontà, ma se ti impegni riuscirai a risollevare la situazione! 🙂

  • Bravi Marina scrive:

    Grazie x il consiglio, l’unica cosa è che Margot ha tendenza ad essere un pò cicciottella e devo tenerla a dieta costantemente di conseguenza non posso rimpinzarla di bocconcini x tutta la strada. Lei ha paura di qualsiasi cosa, non so xkè. Scappa indietro qualsiasi cane vede a distanza, scappa indietro ogni volta che vede che punto dritta al parco come vede l’area dei cani si impunta e non vuole entrare x nessun motivo.Se entro mi si accolla ai piedi e non si smuove più. l’unica con cui socializza è Maggje, x il resto ha paura solo se si muove una foglia intorno a lei!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Beh, qualche bocconcino in questi casi è indispensabile, almeno all’inizio sii generosa, puoi sempre diminuire un pò la dose di pappa per non sovraccaricare troppo Margot. E poi conta anche molto il tuo atteggiamento di fronte alle sue paure, sii sempre calma e rilassata, non assecondarla quando scappa, piuttosto fermati e riprendi a camminare quando si calma, parlale in modo dolce e invitala a seguirti e soprattutto procedi per gradi: all’inizio non costringerla ad entrare in area cani, portacela solo quando avrà acquistato un pò più sicurezza in se stessa, magari le prime volte falla entrare quando non ci sono altri cani dentro, poi quando ce ne sono pochi e tranquilli e così via…

  • Valentina scrive:

    Salve a tutti,
    anche io ho il problema che il mio beagle di 9 mesi tira… Il mio migliore amico esce due volte al giorno (mattina e sera). La mattina è molto più calmo e gestibile, quindi non ho dei grossi problemi. La sera invece è molto più vivace e tira tantissimo… in più ha il vizio che quando passano le persone (non tutte ma quelle che forse lo attirano di più, specie bambini) vuole saltargli addosso ( per giocare ovviamente, il mio cagnolino è dolcissimo e buonissimo con tutti , ma troppo irruento nel gioco e involontariamente potrebbe far male a qualcuno ). Due settimane fa leggendo i vostri consigli ho acquistato la pettorina educativa (il collare a cavezza mi faceva un pò impressione). l’ha portata per 4/5 giorni e ho visto il mio amico trasformarsi completamente. camminava tranquillo senza mai tirare e mi stava vicino. Ma era troppo calmo.. troppo strano che in soli 4 giorni fosse riuscito a capire come si deve camminare… e infatti al quinto giorno… mentre lo coccolavo. … ecco un orribile sorpresa… La pettorina educativa avvolge il cane proprio sotto le ascelle, e proprio in quel punto ha provocato delle piaghe al mio povero amichetto. quando le ho viste mi sono sentita malissimo… in colpa!!!! non la sto più usando per il momento perchè sto curando le piaghe… ma non so se la rimetterò perchè ho paura che possa di nuovo provocargli queste ferite.. sto pensando di prendere una pettorina normale non appena guarisce (ora sto usando un collare normale nel frattempo che le piaghe se ne vanno). cosa posso fare??? help meeeee!!!!!!!!!!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Valentina, solitamente noi non consigliamo l’utilizzo di questi strumenti perchè non insegnano al cane a non tirare ma semplicemente glielo impediscono. Per questo appena si ritorna al classico collare, ritornano tiratori come e più di prima. Se per pettorina educativa intendi la “Easy Walk” è strano che abbia procurato queste piaghe, forse era indossata male oppure tenuta troppo stretta. Ad ogni modo, la cosa migliore da fare è prendere una classica pettorina “ad H” (qui trovi più informazinoi: Quale pettorina per il Beagle?) e cominciare ad insegnare al tuo cane a non tirare al guinzaglio, armandoti di tanta (infinita) pazienza e seguendo i consigli riportati nell’articolo qui sopra. 🙂

  • Valentina scrive:

    Grazie Simona,
    si ho acquistato proprio Easy Walk… anche io mi sono stranita quando ho visto le piaghe ma purtroppo è successo… 🙁 !! Mi impegnerò all’infinito anche perchè non mi spiace fare dei sacrifici per lui… ho sempre desiderato avere un cane e prima di acquistarlo ho aspettato il momento giusto.. ( ho aspettato 10 anni) ed ero perfettamente a conoscenza del fatto che adottare un cucciolo significa fare tanti sacrifici e avere tanta pazienza… ma per lui questo e altro anche perchè mi ha reso la vita molto più allegra e a fatto si che uno dei miei sogni più importanti si realizzasse… (avere un migliore amico fedele per sempre) ! quando ho preso la decisone di adottare un cucciolo non ho scelto la razza… mi è capitato un beagle… si è sicuramente una razza impegnativa.. ma meglio così 🙂 !!! e cmq a parte il fatto che tira e che qualche volta è una piccola furia… per il resto è perfetto e impara tutto in fretta, ma la cosa più importante è che è dolcissimo con tutti e fa amicizia in fretta sia con cani che con umani!!! non potevo chiedere un amico migliore! scrivo questo per incoraggiare quelle persone che arrivano al punto di decidere di dar via il proprio cane (beagle o altre razze) bisogna assumersi le proprie responsabilità e non arrendersi mai!!!! 🙂
    grazie ancora!!! 🙂 😀

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Bravissima Valentina, parole sante le tue! Sono ancora troppe le persone che adottano un cucciolo senza sapere a cosa realmente vanno incontro e che poi si arrendono alla prima difficoltà che gli si presenta liberandosi del cane! Tu invece parti con il piede giusto, sei motivata e piena di buona volontà, le premesse ideali per risolvere i problemi e soprattutto instaurare una perfetta relazione con il tuo cucciolo! 🙂

  • Margherita scrive:

    ciao
    seguo con molto interesse le vostre rubriche e ho acquistato anche il materiale che sto letteralmente consumando………ma non riesco a non far tirare il mio Spotti di 5 mesi. Quando lo fa io mi fermo ma lui continua poi si quieta, io lo premio ricmincio a camminare elui ricomincia a tirare e così per un’infinità di volte. Poi invece si ferma e non ne vuole sapere di camminare allora lo chiamo, lo premio, lo invito con gioia a correre e funziona per 2 minuti e poi, ancora fermo. Non so se devo girare con chili di premietti ….onestamente spesso lo tiro io e torno a casa con le braccia rotte ma, non sempre ho il tempo di aspettare i suoi tempi………..per il resto è un amore, dolcissimo e anche obbediente, speriamo continui cosi
    Grazie mille a tutti
    Margherita

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Margherita, ti ringraziamo per il tuo apprezzamento verso il nostro lavoro! 🙂 Dunque, ti stai comportando benissimo nella gestione delle passeggiate, stai facendo tutto ciò che devi per insegnare a Spotti a camminare senza tirare (ricorda solo che anche frequenti e repentini cambi di direzione aiutano molto), perciò non abbiamo altri consigli da darti se non di continuare così e di avere pazienza. Considera solo che è un cucciolo di soli 5 mesi e ciò che gli stai chiedendo di fare richiede uno sforzo enorme per lui, quindi insisti ed abbi pazienza! 🙂

  • Roberto scrive:

    Ciao, oscar ha 4 mesi ed all’inizio avevo il problema che lo dovevo tirare per farlo camminare, nonostante sia un cucciolo poco timoroso e molto socievole! Adesso invece tira come un matto, ho dovuto prendere una pettorina ad H perchè si strozzava! Il problema è che Oscar lo porto sempre con me ovunque vado, e sinceramente non posso stare a fermarmi quando non cammina perchè come ho già fatto, continua a tirare.
    Noto che sia troppo preso dall’ambiente esterno!
    Quando lo passaggio sotto casa, conosce l’ambiente e mi ascolta un pochino di più, lo premio con un bravo quando non tira.
    Volevo sapere se con il tempo procedendo così migliora oppure devo cambiare atteggiamento? Grazie!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Roberto, sicuramente crescendo Oscar perderà parte della sua esuberanza e curiosità verso tutto ciò che lo circonda, pertanto non sarà più così attratto da tutto ciò che vede e sarà più facile portarlo a spasso. Però dovresti cominciare già fin da ora a fargli capire come si cammina al guinzaglio, è logico che non puoi sempre mettere in atto i consigli riportati nell’articolo, ma cerca almeno di dedicare un’uscita ogni giorno a questa pratica. 🙂

  • anna scrive:

    Ciao, sono sempre io… Maya tira tira tira… E’ vero, non mi serve più la palestra, ci pensa lei… Hihihi. A parte gli scherzi, quello che mi.preoccupa e’ che non mi.ascolta proprio, la chiamo e non mi.degna di uno sguardo… Annusa e tira. Provo ad attiirare la sua attenzione con dei bocconcini ma non li annusa neanche. Qualche consiglio? Come posso attirare la sua attenzione?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Anna, è normale che una cucciola di 5 mesi sia più attirata da tutti gli stimoli che le offre l’ambiente esterno che dal cibo. Quello che dovresti fare è insegnarle a darti attenzione in modo graduale, prima di tutto in posti con pochi stimoli (ad esempio in casa o in giardino), in modo da farle capire che tu devi essere il suo punto di riferimento durante la passeggiata e che deve prestarti attenzione. Mettile quindi il guinzaglio e tieni a portata di mano un pò di bocconcini, poi fagliene annusare uno e portalo davanti al tuo volto e appena ti guarda in faccia premiala velocemente con il bocconcino. Dopo un pò che ti alleni non servirà più farle annusare il cibo perchè avrà capito che le chiedi di guardarti, basterà premiarla sempre ogni volta che lo fa. La cosa importante è partire da ambienti con poche distrazioni e aumentare gradualmente il livello di difficoltà.

  • anna scrive:

    Si, questo.tipo di esercizio lo facciamo gia in casa e in giardino e funziona benissimo, ad ogni mio richiamo e’ li pronta a ricevere il suo premio. fuori invece e’ totalmente catturata e impaurita da cio’ che la circonda. grazie, continuero’ cosi allora… Cercando di iniziare da luoghi con meno distrazioni…

  • domenico scrive:

    ciao a tutti io ho beagle di 10 mesi bayron e una una razza bellissima ho letto questo forum io non ho avuto tutti questi problemi il cane quando tira bisogna fermarsi e dire no tranquillo e quando incontro un altro cane lo faccio socializzare ma quando decido di andare via basta dire andiamo per i bisogni in casa basta portarlo su un aiola ho un prato con un po erba per fargli capire che questo e il posto giusto per fare i bisogli io adesso sto facendo in modo di non segnare piu il territorio perche’ in giro non mi va che si ferma a segnare il territorio ancge se institiva per il cani ciao a tutti

  • Luca scrive:

    Ciao a tutti,
    Ho letto questo post dopo una settimana che porto a spasso la mia piccola Bonnie di 2 mesi e mezzo e credo di aver incasinato tutto…. in pratica succede il contrario: IO tiro il guinzaglio per farla camminare e lei si immobilizza.. poi quando mi sono calmato riparte e mi porta a spasso cambiando spesso direzione.. i wurstel che porto me li sgranocchio il dal nervosismo..
    Scherzi a parte non cammina!! vuole andare dove dice lei e se non è così si blocca e si siede.. gli faccio cenno di andare ma niente.. poi si alza e cammina nella direzione sbagliata.. io la blocco e lei tira.. tiro io e lei punta i piedi e poi si siede.. insomma la nostra passeggiata di un’ora copre una distanza di circa 30 metri..
    Ogni tanto prende il guinzaglio in bocca e mi porta a spasso lei.. bho!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Beh Luca, diciamo che questo articolo è per cani un pò più grandicelli, è normale avere il problema inverso con un cucciolo di appena due mesi! La tua Bonnie è ancora molto piccola e può essere normale un pò di timore nell’affrontare qualcosa di nuovo. Inoltre deve ancora prendere confidenza con il guinzaglio e deve abituarsi a camminare con te, quindi stai tranquillo. La cosa importante è NON forzarla mai a fare qualcosa che si rifiuta di fare. Quindi non sgridarla, non tirarla, non prenderla in braccio e non fare niente di simile. Parlale sempre in modo dolce e pacato e quando uscite porta con te dei bocconcini (o il suo giochino preferito) e invitala a seguirti dopo averglieli fatti annusare e premiala quando si sarà decisa a camminare. Fate ogni giorno un pezzettino in più e poi tornate verso casa, in modo che non sia troppo traumatico per lei. Però, se da una parte non devi costringerla a fare niente, dall’altra non devi nemmeno assecondarla quando tira per andare dove le pare! Inizia a farle capire che sei tu che conduci la passeggiata e che detti tu le condizioni, quindi se inizia a tirare tu semplicemente fermati e riprendi a camminare quando lei si calma. 🙂

  • Luca scrive:

    Il mio errore è non ricordarmi che ancora è piccola..
    Mi lascio viziare dai suoi notevoli progressi..
    in pratica ha quasi già imparato questi comandi: il richiamo “Bonnie Vieni!!”, “Lascia”, “Seduta”, “Ferma” e “Terra”.. il tutto in 20 giorni..
    ha imparato nel giro di una settimana a rimanere confinata da sola in casa anche per 5 ore…
    la notte è rimasta a dormire da sola nella sua cuccia dopo solo 4 notti in cui le sono stata accanto per farla ambientare..
    fa il 70% dei suoi bisogni sulla traversa, il 20% per casa in punti ormai noti, ed il 10% fuori..
    Dopo tutto questo mi aspettavo che in una settimana imparasse anche ad andare al guinzaglio senza problemi.. 🙂

  • Maria S. scrive:

    ciao..ho un beagle di 3 mesi..io lo posseggo da 1 mese ma mi sta già portando alla disperazione xD ..in casa ha distrutto due paia di scarpe..strappato cuscini..morde di tutto divano, muro, sedie, la sua cuccia e morde anche me quando giochiamo. ho provato a prendergli dei giochini morbidi e l’osso per i denti ma ci gioca un po’ e poi ritorna a mordere tutt’altro..fa i bisognini dove capita a meno che non la porti giù circa ogni 3 ore …tira mentre passeggio con lei …è quasi impossibile passeggiare in quanto vuole andare incontro a tutte le persone per essere accarezzata ..di solito la tiro..ma leggendo i vostri consigli ho capito che non devo farlo…il problema è che se mi fermo inizia a piangere …quando siamo a casa cerco di coccolarla ma anche questo diventa qualcosa di impossibile poichè mi morde…potete darmi dei consigli?? ho avuto un altro cane prima di questo un jack russel ma con questo non ho avuto alcun problema..cosa dovrei fare…??farla educare ora che sono in tempo da persone competenti o aspettare qualche altro mese seguendo i vostri consigli??

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Maria, la tua situazione ci sembra tutto sommato normale e comune un pò a tutti i proprietari di cuccioli scatenati come possono essere i beagles. I problemi sono tanti, ma se affrontati con calma, uno alla volta e con i giusti metodi, piano piano si risolvono. Per quanto riguarda i morsi intanto leggi l’articolo Se il Beagle morde dove troverai come comportarti in questi casi, anche se ci vorrà del tempo e tanta pazienza prima di estinguere del tutto questo comportamento. Tutto normale anche per quanto riguarda i bisogni: i cuccioli non hanno il controllo degli sfinteri per questo non riescono a trattenersi. L’unico modo per insegnare loro a sporcare fuori di casa è proprio quello di portarli fuori più spesso possibile (ogni 3-4 ore, appunto) e premiarli sempre quando sporcano nel posto giusto. A questo proposito, leggi gli articoli Come insegnare al Beagle a fare i bisogni nel posto giusto e Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”. Quando lo porti a spasso invece, ricorda che per un cucciolo così piccolo può essere normale un pò di timore nell’affrontare qualcosa di nuovo e che deve ancora prendere confidenza con il guinzaglio e deve abituarsi a camminare con te, quindi non preoccuparti se si blocca. La cosa importante è NON forzarlo mai a fare qualcosa che si rifiuta di fare. Quindi non sgridarlo, non tirarlo, non prenderlo in braccio e non fare niente di simile. Parlagli sempre in modo dolce e pacato e quando uscite porta con te dei bocconcini e invitalo a seguirti dopo averglieli fatti annusare e premialo quando si sarà deciso a camminare. Fate ogni giorno un pezzettino in più e poi tornate verso casa, in modo che non sia troppo traumatico per lui. In generale cerca di essere ferma e inflessibile nella sua educazione, leggi i nostri special report gratuiti “Beagle ribelle? No, grazie!” e “I 4 pilastri del cane sano” per sapere come diventare per il cane un punto di riferimento e come soddisfare i suoi bisogni fondamentali. Ti consigliamo anche di farlo sfogare molto durante la giornata (portarlo a spasso, a correre, a giocare con i suoi simili…) perchè soddisfare le esigenze di movimento e socialità è il primo passo per avere un cane tranquillo ed equilibrato. Con la solita formula magica “pazienza, costanza, coerenza” sono sicura che riuscirai ad imparare a gestirlo al meglio, ma se dovessi sentirti in difficoltà non esitare a contattare una persona esperta che ti guidi in questo percorso.

  • Maria S. scrive:

    ok grazie tante ci proverò e spero che funzioni ovviamente so’ che ci vorrà del tempo 😀 ce la metterò tutta ! e vi farò poi sapere ciaoo

  • Sara scrive:

    Io desidero un Beagle,è da circa un mese che mi informo sulla razza e molti dicono che è testardo e ingestibile,tira al guinzaglio,fa tutto di testa sua etc.. Ma molti dicono che va d’ accordo con i bambini (ideale per mia sorella di 5 annic:)… Ma tutto questo è vero?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Sara, di luoghi comuni e dicerie sul beagle ne girano un’infinità e la loro particolarità è che possono essere vere al 100% o false al 100%. Tutto dipende da come tu saprai gestire il beagle. Sicuramente avere a che fare con un cucciolo di beagle non è per niente una passeggiata di salute, ci vuole impegno, determinazione e soprattutto tanta pazienza, ma se sarai brava e riuscirai ad instaurare con lui una buona relazione, con il tempo vedrai notevoli risultati. Per chiarirti un pò le idee ti consigliamo di leggere gli articoli riportati nella categoria Carattere Beagle.

  • lory scrive:

    ciao carissima Simona, sono nuovamente qui ad esporti il mio costante problema di cloe, 9 mesi che nonostante la esco tutti i giorni devo ingannarla per infilare la pettorina ad h e poi le do il premio perchè altrimenti come la vede inizia ad abbaiare e scappa via. Oramai lo faccio da 7 mesi. dopo si fa tranquillamente mettere il guinzaglio ed usciamo. A questo punto io mi fermo quando tira e riparto quando si blocca premiandola col bocconcino. Quando cammina senza tirare richiamo la sua attenzione e le do un bocconcino. spesso però si fa dominare dal fiuto e mi ignora completamente addirittura si blocca e nonostante la richiamo dolcemente col premio non si muove ma lo fa subito dopo di testa sua. quindi diciamo che non è affatto una passeggiata. purtroppo non posso liberarla visto che non credo abbia fiducia in me e non crede in me quindi ho paura che non si faccia più mettere il guinzaglio. Per adesso non lo farò ma vorrei almeno che imparasse a camminare serenamente con me e che magari fosse lei a chiedermi di uscire con i suoi gesti visto che inserire la pettorina è un rebus e sinceramente mi sento in colpa quando la prendo in braccio per coccolarla e dopo le metto la pettorina. Spero mi diate approvazione su i miei gesti o almeno altri consigli. Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Lory, devi considerare che Cloe ha soltanto 9 mesi e che per un beagle camminare bene al guinzaglio è una vera fatica! Purtroppo loro camminano con il naso costantemente incollato a terra e si fanno letteralmente rapire da tutti gli odori che sentono, perciò è normale che, soprattutto se sono così giovani, tirino al guinzaglio o si blocchino. Tu ti stai già comportando nel modo più giusto, quello che devi fare è continuare su questa strada e insistere. Nel mentre magari puoi cercare delle zone recintate dove portarla ogni tanto e lasciarla libera di correre, ormai le aree di sgambamento per cani sono molto diffuse. In alternativa puoi frequentare un centro cinofilo, solitamente hanno degli spazi recintati dove far sgambare i cani. Per quanto riguarda la pettorina, potresti provare a cambiare modello optando per uno più confortevole (ad esempio il modello svedese).

  • lory scrive:

    Carissima Simona grazie tante per i tuoi utilissimi consigli ma credo che con Cloe sia un rischio usare altre pettorine in quanto quella ad h mi sembra la più sicura per evitare che se la sfili dato il suo temperamento, in fondo lei ha la stessa reazione se provo a metterle il collare. Ora continuo con le solite uscire ma il fatto che per infilarle la pettorina devo ingannarla mi dispiace. é l’unico modo altrimenti appena la vede si mette ad abbaiare e scappa via allora la prendo in braccio con una scusa la coccolo poi le infilo la pettorina e le do il premio. Solo che al ritorno dalla passeggiate quando le tolgo tutto lei si allontana da me quasi diffidente e sfiduciosa pensando che possa nuovamente ingannarla. Ma come mai reagisce così ? Ho paura che si allontani da me. Spero sia normale questo atteggiamento. Per il resto non posso lasciarla libera perchè qui non abbiamo zone adibite e nelle campagne libere mi spavento a liberarla perchè sono sicura che si farebbe rapire dal fiuto. Grazie ancora

  • lory scrive:

    arissima Simona grazie tante per i tuoi utilissimi consigli ma credo che con Cloe sia un rischio usare altre pettorine in quanto quella ad h mi sembra la più sicura per evitare che se la sfili dato il suo temperamento, in fondo lei ha la stessa reazione se provo a metterle il collare. Ora continuo con le solite uscire ma il fatto che per infilarle la pettorina devo ingannarla mi dispiace. é l’unico modo altrimenti appena la vede si mette ad abbaiare e scappa via allora la prendo in braccio con una scusa la coccolo poi le infilo la pettorina e le do il premio. Solo che al ritorno dalla passeggiate quando le tolgo tutto lei si allontana da me quasi diffidente e sfiduciosa pensando che possa nuovamente ingannarla. Ma come mai reagisce così ? Ho paura che si allontani da me. Spero sia normale questo atteggiamento. Per il resto non posso lasciarla libera perchè qui non abbiamo zone adibite e nelle campagne libere mi spavento a liberarla perchè sono sicura che si farebbe rapire dal fiuto. Addirittura negli ultimi giorni non si fa più avvicinare per prenderla in braccio perchè ha paura che le possa mettere la pettorina. Spero mi facciate capire dove sbaglio. grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Lory, non possiamo sapere dove sbagli, noi non siamo lì con te per osservare cosa accade realmente quando cerchi di metterle la pettorina. Probabilmente il tuo stato di ansia legato a quel momento viene trasmesso al cane, caricandola ancora di più di sensazioni negative legate alla pettorina. Tutto quello che puoi fare è fargliela associare sempre ad esperienze positive. Inoltre non mettergliela soltanto per uscire, ma a volte fagliela indossare, gioca un pò con lei e togligliela. Puoi anche pensare di fargliela indossare soltanto per mangiare. Per il resto possiamo solo consigliarti un bravo educatore cinofilo che riesca a seguirti di persona, perchè noi più di così non possiamo fare.

  • Monica scrive:

    Ciao, vorrei sapere se il l’easy walk può andare bene anche per una cucciola di 3 mesi, Luna ha imparato i comandi: seduta, resta, vieni….e vorrei abituarla a non tirare quando usciamo, inoltre a imparato a fare i suoi bisogni nei posti giusti, abbiamo fatto in modo di capire dove la facesse di più ( specialmente le feci ) ed ecco che messa la traversina nel posto giusto, niente feci in giro. Dicerie sui beagle ne ho sentite tante ma giorno per giorno stiamo imparando a conoscerla sempre di più e nessun disastro….noi giochiamo tantissimo( specie il lancio di un pollo e il riporto e il lascia). Grazie per i consigli

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Monica, è normale che non sappia ancora camminare bene al guinzaglio, ci sarebbe da preoccuparsi del contrario! Considera che per lei è tutto nuovo, ogni passo è una scoperta, ha voglia di esplorare il mondo che la circonda e il suo entusiasmo di cucciola la porta a tirare di qua e di là… normale amministrazione! Però evita assolutamente di mettere l’easy walk ad una cucciola così piccola, sarebbe uno stress troppo grande per lei! Piuttosto falle indossare una pettorina ad H (per evitare che si strozzi con il collare) e, quando tira, segui i consigli riportati nell’articolo qui sopra e abbi pazienza.

  • Monica scrive:

    Ciao, ho messo in atto i vostri consigli, quando lei tira, mi fermo, Luna si ferma, si siede e mi guarda, io le dico brava e quando vedo che ho la sua attenzione riportiamo…mi stupisce veramente ogni giorno, ha imparato ad aspettare che la ciotola sia piena e aspetta il nostro via per andare a mangiare, tiene la pipì per tutta la notte e se le scappa si alza e va sul tappetino, se invece fa la cacca mi viene a chiamare e non smette finché non mi alzo in piedi, stessa cosa al mattino alle 7.00, mi lecca e mi mordicchiare finché non mi alzo è normale?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Sì, certo che è normale, a loro dà molto fastidio dormire nei pressi dei loro bisogni perciò ti chiama per eliminarli. Al momento però ancora non riesce a trattenersi per tutta la notte (è logico, è ancora troppo piccola per questo) ma vedrai che presto imparerà.

  • Elvira scrive:

    Ciao Simona sono Elvira, Polly ha 6 mesi ed è cresciuta seguendo i vostri consigli! Per quanto riguarda le passeggiate devo dire che sta migliorando tantissimo ma ci sono delle eccezioni in cui si impunta e vuole andare dove decide lei, io mi fermò ma lei prova a levarsi il collare o pettorina! In quesi casi la richiamo con i croccantini ma spesso funziona solo se ho cibo molto appetitoso!
    Anche quando incontriamo alcuni cani e ci dirigiamo ad esempio verso il Prato per scioglierli tira moltissimo senza ascoltare nessun tipo di richiamo attenzione e se mi fermò si agita moltissimo! Mi dispiace perché in questi caso non so come fare! Grazie mille!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Elvira, considera che la tua Polly ha soltanto sei mesi, è normale che ancora provi a ribellarsi e che tiri al guinzaglio di fronte a particolari situazioni. Tu ti stai già comportando alla perfezione, per questo non abbiamo ulteriori consigli da darti se non di insistere e continuare così! Cerca di essere più testarda di lei e quando tira per andare da qualche parte tu fermati e resta immobile finchè lei non si rassegna. Poi quando ti raggiunge o smette di tirare premiala e ripartite!

  • Silvana scrive:

    Il mio Pluto ha ormai 7 anni. Si è calmato e di disastri ne combina pochi, e’ solo voracissimo. Pur di avere qualcosa da mangiare ruba la carta igienica, i telecomandi , gli occhiali. Forse l’abbiamo abituato male, perché non li mastica si limita a prenderli in bocca e li molla solo quando vede che gli diamo un bastoncino o una crocchetta. Il problema e’ quando usciamo, tira da matti il guinzaglio e non riesco a tenerlo. Pesa 25 kg e rischia di farmi cadere. Uso il collare e il guinzaglio, dovrei mettere la pettorina? Ma va usata solo quando usciamo? Prima avevo due meticci, ma loro giravano tutto il paese da soli! Grazie a chi mi consiglierà perno il meglio.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Silvana, la pettorina va benissimo e noi la consigliamo sempre, ma da sola chiaramente non risolve il problema, bisogna affiancare un percorso educativo per insegnargli a camminare correttamente (sì, la pettorina va fatta indossare solo durante le passeggiate). I consigli per insegnare al cane a non tirare al guinzaglio li puoi trovare nell’articolo qui sopra, che ti consigliamo di leggere molto attentamente, oppure in modo molto più dettagliato nel nostro ebook di cui puoi leggere la presentazione qui: Il mio cane non tira più.

  • Silvana scrive:

    Grazie per la risposta, mi sapete dire anche che tipo di pettorina può andare bene? Ho guardato un po’ i modelli su internet per farmi un’idea ma ci sono un sacco di modelli. Mi è piaciuta quella con il gancio davanti ma sembra sia solo per addestramento. E il guinzaglio? Adesso abbiamo quello estensibile ma leggevo che non si possono usare. Grazie ancora.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ecco qualche articolo che abbiamo scritto appositamente per rispondere questi dubbi:
    Quale pettorina per il Beagle?
    Accessori per il Beagle: collare (o pettorina) e guinzaglio
    Guinzaglio allungabile, sì o no?

  • lory scrive:

    Cara Simona mi ritrovo nuovamente a chiederti un consiglio riguardo la mia cloe che oramai ha 18 mesi e la condotta al guinzaglio non va affatto bene nonostante io abbia seguito anche lezioni da un addestratore. lei viene rapita da tutti gli odori della strada ed ogni qualvolta incontriamo altri cani o gente per strada tira ancora peggio perchè vuole raggiungerli. Io in tutto questo mi blocco e riparto quando vedo che si calma. Altre volte cambio direzione e lei mi segue solo che poi inizia a tirare come sempre. i premietti non li tengo sempre appresso ma tanto ho notato che non cambia nulla. La porto a passeggio tutte le sere per circa un’ora e per giunta appena torniamo corre nel giardino come una dannata per almeno mezz’ora e alla fine va a dormire. Fortuna che il giorno e la notte è tranquillissima. Potresti farmi capire se sto sbagliando in qualcosa? grazie anticipatamente

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Loredana, tranquilla, non stai sbagliando niente. Quello che potresti fare in più rispetto a ciò che stai facendo è premiare Cloe con dei bocconcini quando ti rimane vicino senza tirare, ma soprattutto dovresti farla sfogare di più. Un’ora di passeggiata al giorno spesso non è sufficiente per un beagle di quell’età, che evidentemente non riesce a sfogare tutte le energie che ha in corpo. Prova a portarla a spasso anche al mattino ad esempio e magari una volta ogni tanto puoi portarla a giocare e correre con altri cani in qualche area di sgambamento se ne hai una vicino a casa. Infine, devi avere pazienza. Per un cane come il beagle avere una buona condotta al guinzaglio è uno sforzo grandissimo, perciò vai avanti con questo metodo, insisti, non demoralizzarti, non arrenderti… Vedrai che piano piano i risultati arrivano!

  • Antonella F. scrive:

    Invece della pettorina easy walk, preferisco utilizzare una pettorina ad H e agganciare il guinzaglio all’anello sul petto. In questo modo l’effetto è lo stesso, ma non vi è costrizione. Ricordiamoci, infatti, che la pettorina easy walk è sconsigliata per i cani in crescita (cuccioli e cuccioloni).

  • Marco P scrive:

    Ciao, grazie per i preziosi consigli. Joplin ha 9 mesi. Ho provato tutto, fermarmi, strattoni ma fuori casa tira non appena vede altri cani o fazzoletti per terra …. Nel bosco quando è libero (andiamo ogni giorno due volte), appena vede altri cani non ascolta più nulla …..Grazie se qualcuno può aiutarmi

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Marco, il comportamento di Joplin è tutto sommato normale per un beagle della sua età. Per insegnargli a non tirare al guinzaglio ci vorrà molta pazienza e molto impegno da parte tua, non è un problema che si risolve in una settimana. Evita naturalmente gli strattoni, adotta i consigli riportati nell’articolo qui sopra e applicali con coerenza. E’ anche normale che se incontra altri cani non ti dia più retta, il gioco in questa fase della sua vita è la cosa più importante. Prova a soddisfare diversamente questa sua necessità, magari portandolo regolarmente in qualche area di sgambamento per cani, dove possa divertirsi in sicurezza. Infine comincia a lavorare con lui sul richiamo, nell’articolo Perché il richiamo a volte non funziona? trovi qualche consiglio.

  • Michele scrive:

    Salve , vorrei sapere se a torino ci fosse qualche società per far fare un corso di addestramento per la mia piccola Perla , ha quasi 4 mesi …..grazie e complimenti per tutto

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Michele, grazie per i complimenti! Noi non siamo delle tue parti perciò non sappiamo indicarti dei centri cinofili, ma siamo sicuri che nel torinese ci sono un sacco di buone scuole, ti basterà fare una breve ricerca su google per trovarle!

  • lory scrive:

    salve, la mia cloe continua a tirare a guinzaglio solo se trova cose commestibili e non da poter sgranocchiare quindi praticamente sempre….ho seguito i consigli dell’addestratore ma lei si comporta benissimo solo quando andiamo a lezione. Lui mi ha inoltre consigliato il collare che uso da quando era piccolina ma non cambia nulla…sarà frustrazione ma non credo visto che a casa abbiamo lostesso problema quando trova casualmente un oggetto qualsiasi che ingerisce senza esitare…grazie per una vs risposta.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Loredana, il fatto che Cloe tira al guinzaglio quando trova cibo per la strada è assolutamente normale purtroppo. E’ un viziaccio tipico dei beagle, cane curioso e sempre affamato, quello di prendere in bocca qualsiasi cosa di vagamente commestibile. E’ un problema che con un cane così risulta difficilmente risolvibile, il metodo più efficace consiste nel lavorare sul rifiuto dell’esca, ma va fatto sotto la guida di una persona esperta, altrimenti si rischia solo di peggiorare la situazione. Qui puoi leggere di cosa si tratta: Il rifiuto dell’esca è davvero possibile?
    Per il momento limitati a correggerla con un “No!” secco e deciso appena la vedi addentare qualcosa che non deve ed inizia a lavorare con lei sul comando “Lascia!” che, se imparato bene, può rivelarsi importante per farti lasciare quello che ha in bocca senza drammi o costrizioni. Ecco un paio di articoli sull’argomento:
    Come evitare che il Beagle divori qualunque schifezza
    Lascia: insegnamo al beagle a lasciare un oggetto

  • Denis scrive:

    Ciao.. io ho un beagle di 3 mesi e mezzo.. mi consigliate la pattorina o il collare?.. colgo l’occasione per ringraziarvi per i consigli che date.. grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Denis! Dunque, per un cucciolo così piccolo consigliamo di utilizzare un semplice collarino di nylon perchè è flessibile e leggero e permette al cane di abituarsi in fretta al suo utilizzo. Ma quando comincerai a fare lunghe passeggiate e il cucciolo comincerà a tirare al guinzaglio, allora potrebbe diventare un pericolo perchè potrebbe farsi male alla gola o ai muscoli del collo, perciò a quel punto sarà meglio utilizzare una pettorina.

  • Freddo scrive:

    Ciao il mio beagle ha 60 giorni è troppo piccolo per fargli fare piccole passeggiate al guinzaglio? Ho tanta paura di non riuscire ad educare bene il mio beagle… Conosco bene il suo carattere però È il mio primo cucciolo che educo ho paura di sbagliare..

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Freddy! Dunque, noi consigliamo di iniziare fin da subito a portare fuori il cucciolo per uscite brevi, soprattutto al fine di impostare una buona educazione ai bisogni. E’ fondamentale infatti abituarlo fin da subito a sporcare FUORI di casa, perchè se adesso si abitua a sporcare sulle traverse, tra qualche mese ti ritroverai con un cucciolone che rimane fuori per ore senza fare niente salvo liberarsi appena arrivato a casa, perchè giustamente è così che ha imparato. Ovviamente il tutto facendo sempre la massima attenzione e prendendo i dovuti accorgimenti, come portarlo in zone “pulite” e poco frequentate da altri cani, non lasciarlo avvicinare ad escrementi di altri cani o altri animali, coprirlo bene se fa freddo o se piove… Per il resto ti consigliamo di leggere gli articoli appartenenti alla categoria Beagle Cucciolo del nostro sito, troverai molti suggerimenti per la sua gestione quotidiana.

  • Nicola scrive:

    Ciao mi chiamo Nicola ho una beagle di 2 anni sono concordo con tutti quelli che hanno scritto che da piccola sono distruttive infatti mia moglie gli ha rosicchiato 3 paia di scarpe, poltrona,divano però nonostante tutto gli vogliamo adesso ha smesso di mangiare tutto a casa etranquilla viviamo anche con 2 gatti gatti anzi scusate 3 la mia kira ne ha trovata una alle ore 11,30 di sera il mio problema con kira e che tira e non riesco proprio a fermarla la porto sui vigneti va a caccia di lepri fagiani sino adesso nn e preso neanche 1 mi diverto con lei sono proprio felice

  • Chiara scrive:

    Ciao!! Mia ha 3 anni e ero quasi riuscita a farle avere una buona condotta al guinzaglio…le prime volte per fare il giro del palazzo ci abbiamo messo circa 1 ora e mezza per fermarmi ogni volta che tirava ma devo dire che ha funzionato e riuscivamo a farci lunghe passeggiate in tranquillità… poi da circa 2/3 mesi la lascio libera al parco.. prima lo facevo solo in area cani… e sembra che mi ascolta… io cammino e se mi perde di vista corre subito da me… se si allontana al richiamo torna tranquillamente.. insomma un cane normale…ora però ogni volta che sta al guinzaglio deve andare dove dice lei…è praticamente ha adottato la tecnica inversa…cioè se io cammino lei si blocca…forse sta seguendo i vostri consigli!!!!!….riesco a passeggiare “tranquillamente” solo se troviamo per strada un legnetto, praticamente lo uso come premio…. attiro la sua attenzione con quello altrimenti si blocca… ma perché fa così?!! Che devo fare?!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Chiara, intanto complimenti per i risultati che sei riuscita ad ottenere sulla condotta al guinzaglio! Per quanto riguarda il nuovo comportamento della tua Mia, sembra semplicemente che ci abbia preso gusto a stare libera e adesso si stia ribellando al guinzaglio. Purtroppo non c’è molto che tu possa fare se non continuare ad insistere e non mollare, deve solo capire che ci sono momenti in cui può stare libera e altri in cui deve accontentarsi di passeggiare al guinzaglio. Magari ricomincia per un po’ di tempo a portare con te dei premietti o qualche giochino per invogliarla a camminare, ma siamo sicuri che si tratta di una situazione temporanea.

  • Chiara scrive:

    È solo grazie ai vostri utilissimi consigli che sono riuscita ad ottenere qualcosa…! Purtroppo in questo periodo il parco si è riempito di forasacchi e io ho troppa paura e lasciarla libera nel l’erba alta… forse è meglio evitare proprio il parco e portarla solo in strada e in area cani che è pulita così evitiamo di stressarci entrambe?!!grazie ancora…

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Sì, se non ti senti sicura per qualsiasi motivo evita di lasciarla libera, non faresti che trasmetterle ansia anche a lei! 🙂

  • Henry scrive:

    Isotta, adorabile beagle di 5 anni e mezzo, è la mia figlia pelosa.
    La parola magica è “ andiamo! “; lei va a prendere pettorina e guinzaglio e poi corre per la casa fino a quando non usciamo. La sua idea di passeggiata è seguire il proprio naso e leggere il mondo da quel livello. Tira molto, ma rallenta quando siamo sulla via del ritorno.
    Unico neo? I gatti. Non li sopporta e quando ne vede uno è molto difficile distoglierla.

Lascia un commento