Torna all'homepage
Ago
31

Come non farsi distruggere casa

Autore: Francesco Vischi
Categoria: Educare Beagle

beagle distrugge casa fotoQuella del beagle che distrugge l’arredamento o fa disastri simili è una vicenda toccata a molte persone, ed è uno dei grandi motivi che alimenta la leggenda del “beagle-che-fa-i-dispetti”.

Naturalmente per noi umani è molto facile cadere nella trappola dei “dispetti” e pensare che il cane ce l’abbia con noi per chissà quale motivo. Oppure che sia affetto dalla più strana anomalia che colpisce un cane su dieci milioni ma sicuramente avrà colpito il nostro.

In realtà chiunque viva con un cane da caccia ci può confermare che la distruttività è abbastanza comune, soprattutto nei cani giovani.

Ecco. “Cane da caccia”: cominciamo da qui, perché “cane da caccia” vuol dire anche “cane molto attivo con delle esigenze ben precise che se non vengono soddisfatte sono guai”… 🙂

Quindi vediamo cosa c’è davvero, nella maggioranza dei casi, alla base del comportamento distruttivo del nostro amico e vediamo anche come comportarci per farglielo passare.

Innanzitutto ogni cane è un essere vivente, perciò nulla si risolve in 5 minuti come premendo un pulsante su una macchina.

Per questo, partiamo dalla prima domanda: chi è il beagle?

Il beagle è un segugio selezionato nei secoli per cercare le tracce odorose di selvaggina come lepre o cinghiale e rintracciarne la posizione, scovandola e cercando di indirizzarla verso il cacciatore.

Di solito lavora in gruppo, quindi è perfettamente capace di vivere in muta e per questo ha sviluppato molto bene la comunicazione e la ritualizzazione dei comportamenti con i suoi simili.

Il beagle deve quindi individuare un animale che vive a terra: vuol dire che esamina il terreno come un maniaco e distingue ogni minima sfumatura odorosa con il suo fiuto eccezionale.

Visto che la selvaggina di solito è lontana parecchi chilometri dal cacciatore, e fa altrettanti chilometri quando si sente inseguita, il beagle nasce con una resistenza fisica formidabile.

E’ un galoppatore resistente sulle lunghe distanze, ed ogni parte del suo corpo lo urla al mondo intero. Fiuta e corre.

Corre fiutando, ed è un comportamento istintivo, lo fa senza pensarci e lo fa anche se siamo sull’asfalto in centro a New York, infischiandosene dei passaggi pedonali e dei semafori.

Tutto questo è il “mestiere” del beagle. Il nostro cane è questo che ha nel sangue, ed è questo che cercherà di fare, che ci piaccia o no, che lo vogliamo oppure no.

Ora, da dove nasce gran parte dei problemi di distruttività?

Se lo costringiamo a non ascoltare il suo istinto, pian piano nel corso del tempo la frustrazione si accumula, ed una valvola di sfogo la deve pur trovare per non impazzire.

In questo senso non è tanto diverso dai suoi amici umani. 🙂

Se ad esempio costringiamo un cane molto attivo come il beagle a stare gran parte della
giornata a casa da solo finirà per trovarsi lui qualcosa da fare.

Semplicemente perché si annoia passando tutta la giornata così, perché è un animale sociale, ha una gran voglia di giocare… ed essendo un cane lo farà usando i denti e la testa.

Probabilmente si inventerà “prede immaginarie” che inseguirà saltando sui mobili e buttando tutto all’aria.
Sarà molto facile per lui fare un agguato ad un cuscino uccidendolo e sventrandolo.
Gli piacerà sgranocchiare una gamba del tavolo come se fosse un bell’osso.

I cani che non vedono soddisfatto il loro bisogno di attività fisica e mentale, possono essere distruttivi senza per questo avere particolari patologie. Dovremo quindi dare loro più occasioni per soddisfare le proprie esigenze.

Spesso, purtroppo, molti proprietari estenuati dal cane distruttivo costringono il beagle a mortificare il suo istinto, peggiorando la situazione.

E’ un po’ come in un’ipotetica scuola: ci sono tanti modi per comunicare.

Il maestro può chiederci di fare un compito in diversi modi:

  • può strisciare ai nostri piedi supplicandoci in ginocchio;
  • ci propone di farlo e ci fa capire che è per il nostro bene, che lo dice a noi perché ci conosce, gli stiamo a cuore e si può fidare;
  • può prendere la bacchetta come si faceva una volta e rompercela addosso.

Probabilmente in tutti e tre i casi faremo quello che ci chiede, ma come saranno il nostro stato d’animo, la nostra salute e la considerazione che avremo dell’insegnante? Ne usciranno molto diversi a seconda dei modi.

Così con il beagle. Certo, per non farci distruggere casa possiamo:

  • pregarlo di non masticare il divano in una lingua che non capisce;
  • renderlo appagato attraverso la soddisfazione dei suoi bisogni, facendogli fare il mestiere per cui è stato selezionato, così da far sparire in lui l’interesse di sfogarsi sull’arredamento;
  • tenerlo sul balcone 24 ore al giorno a rotolarsi nei suoi escrementi.

Siamo noi i “maestri” che hanno la responsabilità di fargli capire come vivere nel mondo degli umani, ed è ovvio che solo nel secondo modo si risolverà davvero il problema.

Abbiamo già parlato tante volte dei bisogni fondamentali del cane e di come sia importante soddisfarli ogni giorno per non farlo soffrire e diventare matto.

Con tutto questo parlare dei bisogni fondamentali, forse non abbiamo sottolineato abbastanza che questi bisogni non si soddisfano nello stesso modo per tutte le razze canine.

Cioè ogni razza ha, appunto, le sue esigenze di razza.
Queste non sono altro che i modi in cui vanno soddisfatti i bisogni di salute, organizzazione dello spazio, movimento e socialità.

Quali sono le esigenze di razza del beagle?

Parliamo di quelle che ci interessano per risolvere il problema della distruttività. Nei 4 bisogni fondamentali, ci sono tre aspetti che saltano all’occhio in modo impressionante: il beagle deve fare un sacco di movimento, interagire (bene) con i suoi simili e tenere impegnata la mente attraverso il fiuto. Tutto ciò ogni giorno. Sempre.

Tanto movimento, interazione sociale (positiva) e la soddisfazione del fiuto sono anche la chiave per risolvere gran parte dei problemi di distruttività che i beagle possono avere.

E’ un cane da caccia che corre fiutando come un matto insieme ai suoi amici, e per stare bene non si scappa: deve andare a caccia in questo modo.

Se non vogliamo e/o non possiamo andare a caccia in questo modo, ci sono delle attività sostitutive che sono dei surrogati più o meno appaganti, ma essenziali per vivere bene insieme al beagle e risolvere molti problemi di comportamento.

Quali sono questi surrogati?

La soddisfazione del suo olfatto attraverso:

  • giochi di ricerca, come nascondere bocconcini o giocattoli in varie parti della casa (o all’esterno) e invitarlo a cercarli;
  • giochi di attivazione mentale sempre usando il cibo come motivazione.

Tutto questo abbinato a tanto movimento fisico e interazione sociale.

Quindi:

  • se ogni giorno troviamo dieci minuti per divertirci con lui impegnando il suo olfatto e la sua mente;
  • se ogni giorno lo portiamo a spasso almeno per un paio di passeggiate di un’oretta ciascuna, a passo sostenuto, trovando il modo di farlo giocare con i suoi amichetti;

abbiamo già fatto un gran bel passo avanti.

Se invece tutte queste cose sono per noi sacrifici insormontabili, pensiamo seriamente se siamo adatti a vivere o no con un cane come il beagle.

In fondo è più facile mettere in pratica questi accorgimenti che leggerli sulla pagina di un blog, perché se amiamo il nostro cane è fantastico giocare con lui, camminare insieme per la strada scoprendola sempre nuova di giorno in giorno e vederlo felice di condividere la vita con i suoi umani. 🙂

53 commenti:
  • antonella scrive:

    io ne ho due, a me sono buoni in casa perchè li faccio stancare con lunghissime passeggiate, e poi sono io che comando <3

  • Valentina scrive:

    Ho un cucciolo di Beagle di 3 mesi… Danni particolari non ne fa.. Sta imparando a fare i bisogni durante le passeggiate.. Ci vuole tempo lo so.. Volevo sapere perché si mangia la traversa che sta nel box che gli abbiamo costruito.. Ma non sempre.. Dipende dai giorni… Grazie mille!!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Beh, possono essere molte le ragioni: noia, stress, solitudine, necessità di sfogarsi… Non è grave, ma in questo modo è chiaro che la traversina non fa il suo lavoro, per cui se gli episodi si ripetono di frequente sarebbe il caso di toglierla e rassegnarti a pulire il pavimento finchè non impara a trattenersi. Nel frattempo assicurati di soddisfare tutte le sue esigenze di movimento e socialità e di tenerlo confinato solo per il tempo necessario.

  • Valentina scrive:

    Grazie mille Simona… Gli episodi sono sporadici.. Adesso vedo un po’ come va.. Lo farò sfogare ancora di più allora 😉 grazie ancora!

  • lory scrive:

    Carissima Simona la mia Cloe purtroppo continua a distruggere e ad ingerire tutto ciò che incontra in casa ed in giardino ma noto che lo fa più spesso di mattina che resta più tempo da sola. Premetto che usciamo una volta al giorno per circa un’oretta e 15 min al giorno giochiamo insieme con la palla ma resta il fatto che il suo istinto di mordere non lo placa neppure durante l’euforia. Gli ossi di pelle non li vuole più, il resto lo stanca ad usarlo da sola. Non so come aiutarla a cambiare. Leggo tanto i tuoi consigli ma nulla da fare e a volte ho paura che non cambierà mai. Premetto che togliamo di mezzo tutto dalla sua vista ma a volte ci sfugge qualcosa ed ecco pronta lei a recuperare tutto carta o plastica o tessuto o altro per rosicchiare ed ingerire. pensate che oramai le ho tolto qualsiasi cuscino o plaid dalla cuccia per evitare di distruggere. Gradiei un tuo consiglio. grazie e scusate la mia disperazione.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    A questo punto ci viene da pensare che probabilmente una passeggiata al giorno non è sufficiente a sfogare le sue energie. I beagle sono cani molto attivi e dalle mille risorse e farli stancare è una vera impresa. Magari puoi provare a portarla fuori due volte al giorno, e nei momenti di massima agitazione puoi provare a darle un kong ripieno di cibo che deve impegnarsi ad estrarre, in modo da farla concentrare e rilassare allo stesso tempo. Per il resto, il fatto che distrugga qualsiasi cosa può essere imputabile al fatto che non vengono pienamente soddisfatti i suoi bisogni di movimento e socialità, ma sul fatto che arrivi anche ad ingerire materiali non commestibili bisognerebbe indagare più a fondo, perchè si tratta di un problema comportamentale chiamato “picacismo”, pertanto ti dovresti rivolgere ad una persona esperta che analizzi i comportamenti di Cloe e la osservi nella sua quotidianità per cercare di risalire alle cause e quindi risolvere il problema.

  • Silvia scrive:

    SAlVe ho il papà beagle (molto monello da cucciolo) e adesso abbiamo in casa i suoi cuccioli di 50 giorni, come evitare che i danni si ripetano?
    Lasciarli con giochini e peluche è una buona idea vero? magari in due giocheranno tra loro..si spera 🙂
    Silvia

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Silvia, beh, con due cuccioli così piccoli in casa “qualche” danno è da mettere in conto… Eventualmente puoi limitarli mettendo in pratica la tecnica del “confinamento” descritta nell’articolo Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”.

  • Viviana scrive:

    Ciao Simona, Francesco,
    grazie dei vostri preziosi consigli.
    Mi rivolgo a voi un’altra volta perchè Crack, ormai ha compiuto un anno e continua a distruggere casa, anche se lo portiamo fuori 2 volte al giorno, per 40 minuti ogni volta.

    Non possiamo lasciare niente: carta, plastica, legno…

    La particolarità è che queste cose le fa quando rimane da solo, anche se sono solo 10 minuti. Ogni volta che torniamo a casa, cerchiamo subito cosa ha distrutto e purtroppo c’è sempre qualcosa.

    Abbiamo tolto la recinzione di confinamento perchè ormai salta anche quella. Quindi non abbiamo più un posto “sicuro” dove lasciarlo quando usciamo da casa.

    Qualsiasi tipo di consiglio è benvenuto.

    Grazie del vostro meraviglioso lavoro.

    Viviana

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Viviana, la prima cosa che ci viene in mente è che 2 uscite di 40 minuti al giorno non sono sufficienti per un beagle maschio di un anno, considera che a questa età sono dei veri uragani e hanno una dose infinita di energie da spendere. Il primo consiglio quindi è di aumentare l’attività fisica e la durata della passeggiate (almeno un’ora ciascuna). Per il resto evidentemente non si è ancora abituato a restare in casa da solo, per questo si sfoga in modo distruttivo. Quando uscite, lasciategli a disposizione un kong ripieno di cibo che deve impegnarsi ad estrarre o un osso di pelle da masticare: in questo modo assocerà la vostra uscita a qualcosa di molto positivo e in più ha modo di distrarsi e rilassarsie nei primi momenti, che sono i più cruciali, in cui si ritrova da solo. Per il resto puoi seguire i consigli riportati nell’articolo Affrontare l’ansia da separazione del Beagle.

  • lory scrive:

    Ciao Simona purtroppo la mia cloe continua a distruggere i cuscini della sua cuccia e quando ce ne accorgiamo la sgridiamo con un secco “no” ma ci ignora completamente. Può capitare che lo faccia in diversi momenti della giornata ma addirittura non credevo lo facesse al ritorno della passeggiata. Dite sempre che bisogna farli sfogare ma forse lei già soffre appena le metto il guinzaglio come già sapere degli altri forum. Davvero non so come fare anzi in casa non sappiamo come fare. Purtroppo non abbiamo possibilità di farla frequentare un corso nè di farla correre in un’area apposita perchè qui non ne esistono. Per ora comunque la faccio dormire senza tappeti o cuscini anche perchè spesso le capita di ingerire alcuni pezzi. Attendo una vs gradita collaborazione verbale. Grazie e buone feste

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Lory, innanzitutto sgridare il cane quando ti accorgi che ha fatto un danno mentre magari è successo ore prima è solamente inutile e dannoso. Lei non potrà mai capire che la stai sgridando per qualcosa che ha fatto in precedenza e così assocerà la sgridata semplicemente il tuo rientro a casa, quindi non solo continuerà a distruggere i cuscini perchè NON SA che non deve farlo, ma avrà anche un brutto stato d’animo al tuo rientro. Il “No!” può essere efficace soltanto se viene detto mentre si coglie sul fatto il cane a fare qualcosa che non deve. Se quando torni a casa vedi che ha distrutto un cuscino o qualsiasi altra cosa, non ti rimane che fare un bel respiro e ripulire tutto. E’ evidente che si comporta in questo modo perchè non riesce a sfogare tutte le energie che ha in corpo, quindi l’unica cosa che puoi fare, oltre a togliere i cuscini, è portarla a spasso più tempo, giocare con lei e farla stancare.

  • Tiziana scrive:

    Salve la nostra beagle di 14 mesi ogni volta che siamo fuori, e questo x non più di una mezz’ora al giorno, combina grossi guai (l’ultimo: mi ha strappato la pelle del divano tirando fuori l’imbottitira!) e ulula continuamente. Quando siamo in casa è buona anche se ogni tanto le troviamo qualcosa in bocca! Per amore suo stiamo cambiando casa passando da un appartamento ad una casa con giardino, visto che x vari motivi non esce molto, speriamo cosi di farle passare più tempo fuori a correre e ad “annusare”.

  • Francesco Vischi scrive:

    Ciao Tiziana, hai già perfettamente individuato la causa principale per cui la vostra beagle combina guai: le sue necessità di movimento e socialità non vengono soddisfatte abbastanza, e questo insieme al fatto che ha 14 mesi (quindi nel pieno della sua esuberanza “giovanile”) crea un mix micidiale.
    Se continuerete così, molto probabilmente anche con il giardino non cambierà molto. Sarà comodo per farle fare pipì o pupù, certo, ma dalla soddisfazione dei bisogni fondamentali non si scappa: per migliorare, ogni giorno deve muoversi tanto, sia dentro che fuori dal territorio del suo “branco” e deve interagire con voi, con altri cani e altre persone, regolarmente.

  • Ilaria scrive:

    Ciao. Simona io e la mia famiglia abbiamo appena accolto in casa un cucciolo di tre mesi e mezzo .Il problema principale e’ che si rifiuta di scendere e quando scende non vuole fare i suoi bisogni. Una volta a casa , si libera immediatamente a volte sulla traversina , altre volte in luoghi diversi. Non so come comportarmi. Ho letto che la traversina deve stare lontana dalla cuccia, ma Percy ( il suo nome) fa i suoi bisogni proprio vicino alla sua cuccia.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Ilaria! Dunque, la situazione attuale dipende solo da com’è stato abituato il cucciolo finora. Infatti, se un cucciolo viene abituato a sporcare in casa o sul terrazzo, sui giornali o sulle traversine, è normale che quando gli si chiede di sporcare fuori lui non voglia saperne ed aspetti di arrivare a casa per far i bisogni, perchè giustamente è così che ha imparato. Proprio per questo motivo noi consigliamo sempre di abituare il cucciolo fin da subito a fare pipì e popò fuori di casa, prendendo i dovuti accorgimenti non si corrono rischi anche se non ha ancora terminato il ciclo di vaccinazioni, perchè è molto difficile modificare un’abitudine già consolidata. I consigli per abituare il tuo cucciolo a sporcare fuori li trovi nell’articolo Come insegnare al Beagle a fare i bisogni nel posto giusto che ti consigliamo di leggere attentamente. Per il resto abbi pazienza perchè ci vorrà del tempo prima che si abitui.

  • Vere scrive:

    Ho un beagle si 4 mesi… Non vuole stare in cortile appena chiudo la porta inizia a piangere ed ululare… Inoltre rosicchia tutti i caricatori, fili della tv, ( oltre a buttare la tv ripetutamente per terra ) e strappa la carta da parati! Aiuto! Non so che fare!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Vere, è normale che un cucciolo di 4 mesi non voglia stare in giardino da solo, è ancora troppo piccolo per gestirsi autonomamente in un ambiente così grande e ricco di stimoli, va abituato in modo graduale. Nel mentre comincia ad abituarlo a restare da solo in casa, per questo puoi utilizzare la tecnica del confinamento… comunque è scritto tutto nell’articolo qui sopra e in quelli correlati, leggili attentamente!

  • Vere scrive:

    grazie Simona, il vostro sito è fantastico…
    per quanto riguarda il confinamento possiamo dire che lui vive in camera mia, dove ha la sua cesta, anche se la notte non ti nascondo che dorme con me.. sta gia’ abituandosi a fare i bisognini fuori, facciamo lunghe passeggiate.. la mattina, prima di pranzo, nel pomeriggio e nel tardo pomeriggio.. è molto buono anche se rosicchia tutto…. cosa ne dici come confinamento la stanza come va? ma appena cresce di più posso farlo dormire fuori???

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Il confinamento nella stanza va benissimo… ma a patto che sia coerente! Se il cucciolo è confinato deve restare confinato, non devi farlo uscire dal suo spazio per farlo dormire nel tuo letto, così lo confondi e va a finire che il cucciolo non riconoscerà la sua cuccia come spazio-tana ma il tuo letto! Evita di fargli prendere l’abitudine di farlo dormire insieme a te per il momento, quando sarà più grande e per lui la cuccia sarà la regola, potrai anche fare qualche eccezione ogni tanto. Per il resto, secondo noi è sempre sbagliato lasciare un cane a dormire fuori di casa: i cani sono animali sociali, hanno bisogno di sentirsi parte del branco (cioè la vostra famiglia) e stando fuori si sentono esclusi per il fatto di non poter condividere gli stessi spazi e questo potrebbe portarli a sviluppare problemi di comportamento. Inoltre a lungo andare, dormire fuori causerebbe sicuramente acciacchi fisici che si manifesterebbero in età adulta, per non parlare del pericolo della Leishmania, dato che i flebotomi (gli insetti responsabili di veicolare questa malattia) agiscono proprio nelle ore notturne. Dove facciamo dormire il Beagle?

  • Vere scrive:

    Perfetto, ho compreso! La mia stanza e’ la zona di confinamento, qui, inoltre, c’è la cesta dove dome e se io dico a cuccia lui va li’ quindi credo che abbia presbite la differenza tra cuccia e letto! No?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Sì certo, sa che sono due cose diverse, ma se gli dai la possibilità di dormire sul tuo letto sarà lui a decidere quale sarà il suo spazio-tana dato che li ha entrambi a disposizione… e fidati che tra il letto e la cuccia non sceglie di certo la cuccia! 🙂

  • danila scrive:

    Ciao.il mio Willy di nemmeno tre mesi mi ha appena distrutto il divano..so che il fatto di aver distrutto il divano sia colpa mia.dovrei alzarmi alle cinque x portarlo fuori..ma poi non sarei lucida a lavoro.l unica cosa che faccio é alzarmi un po prima per pulir i bisogni e giocar cinque minuti con lui…non vedo l ora passi questo mese perché poi avrò orari molto poi comodi e lo porterò fuori anche al mattino.ma nel mentre avete qualche consiglio?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Danila, olte a tutti i consigli che puoi trovare nell’articolo qui sopra (che ti consiglio di leggere attentamente) secondo noi per il momento la soluzione ideale è preparare uno spazio dentro casa dedicato al cucciolo adottando così la tecnica del “confinamento”, in quanto è fondamentale per il cane avere uno “spazio-tana” tutto suo in cui sentirsi tranquillo e al sicuro e dove potrà stare durante la notte e quando dovrà restare in casa da solo, così come descritto nell’articolo Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”. E’ utile anche per insegnargli una corretta educazione ai bisogni e, naturalmente, per evitare che si metta nei guai o distrugga la casa quando resta solo.

  • roberto & Maria Pia scrive:

    … premesso che la nostra briciola di movimento ne fa molto durante la giornata….e nei week.end non perdiamo occasione di portarla anche in montagna…nonostante questo, ogni volta che torniamo dal lavoro, in giardino puntualmente c’è qualche danno…dopo la terza pianta della siepe, che ha sapientemente sradicato come un esperto tagliaboschi, sono arrivato alla conclusione che inutile prendermela….l’unica soluzione plausibile per la salvezza del giardino, non è nel convincere briciola a non distruggere le piante….ma mettere protezioni alle piante per impedirne la distruzione….
    ora quando torno a casa lo faccio più rilassato 🙂

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Bravo Roberto, prendila con filosofia! 🙂

  • Elena scrive:

    Ciao a tutti! Io ho 2 beagle, la femmina di 4 anni e mezzo (molto buona e calma perché paurosa in seguito a traumi subiti dal precedente “padrone” che l’ha tenuta fino a 6 mesi) e carlo di 9 mesi, un beagle all’ennesima potenza!
    La loro giornata tipo è: sveglia alle 7.15, colazione e piccola passeggiata per i bisogni, alle 8.00 rimangono soli fino alle 10.30 che arriva la dog sitter e li porta a giro o a giocare per circa 40 minuti. Rimangono soli fino alle 14.00, poi torna la dog sitter per altri 40 minuti di passeggiata o area cani. Alle 18 circa torno io e stiamo fuori un’ora e mezzo circa all’area cani. Dospo cena verso le 22 altra piccola uscita per pipì. In tutto questo a carlo viene lasciato il kong con i biscotti dentro per quando è solo…ma nn basta!! Quando torno da lavoro trovo sempre qualche danno…pipì, mobili rosicchiati, intonaco scrostato…sembrano comportamenti da cane nevrotico, ma nn capisco come mai visto che mi sembra che tutti i suoi bisogno siano soddisfatti (gioco, movimento, socializzazione, affetto, compagnia)
    Forse è solo ancora troppo piccolo?
    Grazie mille in anticipo per suggerimenti o rassicurazioni! 🙂
    Elena

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Elena, direi che più di così proprio puoi fare per farlo sfogare! Ti stai comportando bene e la sua giornata tipo penso che sia il sogno di ogni cane, pertanto penso che sia tutto imputabile all’età… L’unico consiglio che posso darti è di lavorare con lui sulla sua educazione di base e fare esercizi per l’autocontrollo, ma soprattutto di utilizzare la tecnica del confinamento quando lo devi lasciare in casa da solo, finchè non avrà imparato a comportarsi bene. Per noi infatti, l’ideale è preparare uno spazio dentro casa dedicato esclusivamente a lui, in quanto è fondamentale per il cane avere uno “spazio-tana” tutto suo in cui sentirsi tranquillo e al sicuro e dove potrà stare durante la notte e quando dovrà restare in casa da solo. E’ utile anche per insegnargli una corretta educazione ai bisogni e, naturalmente, per evitare che si metta nei guai o distrugga la casa quando resta solo (in uno spazio così sarà sicuramente più semplice abituarlo a restare solo). Puoi trovare tutti i dettagli nell’articolo Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”.

  • elena scrive:

    Grazie mille Simona per la risposta!
    si, in effetti penso quasi più al loro benessere che al mio…! 🙂
    dunque, quando usciamo lasciamo loro a disposizione la cucina e il corridoio, dopo aver fatto un mezzo trasloco per togliere tutte le cose ad altezza beagle!
    essendoci anche asia non saprei come fare a confinarlo ulteriormente…
    di notte dormono in camera con noi nella cuccia e devo dire si è sempre comportato in modo perfetto, a parte quando era più piccolo che si alzava per andare a fare pipì, non ha mai combinato nulla approfittando del nostro sonno!
    La veterinaria ha detto che anche se ha 9 mesi è ancora molto cucciolone e forse ci metterà un pochino di più a maturare, ma ogni giorno c’è un piccolo miglioramento che mi basta per non demoralizzarmi troppo! 🙂
    scherzi a parte sapevo a cosa andavo incontro e, a parte qualche momento di sconforto, non mi sono pentita nemmeno un secondo della scelta fatta!
    Un caro saluto,
    Elena

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Eheheh, eventualmente puoi ridurre ulteriormente lo spazio a sua (o loro) disposizione installando un cancelletto per bambini per tenerlo confinati in corridoio. Si tratterebbe di una soluzione temporanea, almeno finchè non si calma un po’. Per il resto continua così! 😉

  • mario scrive:

    grazie mille per i consigli. purtroppo ho provato di tutto e di piu. ma da due anni non si vive piu in questa casa. mobili distrutti, materasso massacrato, cuscini sparsi per tutta casa e giardino e soprattutto pipi e cacca in qualsiasi angolo possibile di casa nonostante il cane per le 5 ore che lo lascio da solo abbia la possibilita’ di stare sia in giardino che in casa. cosa posso fare ? premetto che lo porto a fare una lunga passeggiata sia la mattina che a pranzo ma purtroppo quando torno la sera a casa e’ un delirio.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Mario, è evidente che ci sono gravi problemi relativi alle abitudini e allo stile di vita del cane, a questo punto l’unico consiglio che possiamo darti è di rivolgerti ad un bravo educatore cinofilo che possa analizzare da vicino la situazione, capire le cause di questi comportamenti e aiutarti a trovare una soluzione.

  • mario scrive:

    ciao simona, mi sono gia rivolto a 2 educatori ma la soluzione e’ sempre la stessa : “stai di piu con il cane e portalo piu spesso a fare passeggiate ” , ora , capisco l’amore per il cane ma gia il cane esce 1 ora la mattina, 2 a pranzo e 1 ora la sera e gia cosi la mia giornata e’ abbastanza impegnata.
    provero con un consiglio del secondo educatore, ossia, a ridurre i spazi disponibili quando sono via il pomeriggio

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Esattamente quello che consigliamo noi nell’articolo Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”.

  • mario scrive:

    niente, ennesima serie di danni, il “confinamento” non ha funzionato. in 2 ore che e’ stato da solo e’ riuscito a distruggere tutto cio’ che era presente nella stanza e a lasciare “regalini” in ogni posto… tranne che nel suo spazio. mi spiace ma purtroppo non si puo’ continuare cosi.

  • miky scrive:

    Ciao, può essere un problema lasciare un cucciolo di due mesi sul balcone per un’ora fintanto che non c’é nessuno a controllarlo ma munito dei suoi giochi?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Michela, ti sconsigliamo di lasciare un cucciolo così piccolo da solo sul balcone, si sentirebbe spaesato e non farebbe che piangere per tutto il tempo. Piuttosto prepara uno spazio dentro casa dedicato al cucciolo adottando così la tecnica del “confinamento”, in quanto è fondamentale per il cane avere uno “spazio-tana” tutto suo in cui sentirsi tranquillo e al sicuro e dove potrà stare durante la notte e quando dovrà restare in casa da solo. E’ utile anche per insegnargli una corretta educazione ai bisogni e, naturalmente, per evitare che si metta nei guai o distrugga la casa quando resta solo: Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”.

  • Andrea scrive:

    Ciao a tutti,
    Ho un problema con il mio beagle di un anno,ultimamente cosa che non faceva da piccolo ha tirato fuori il lato distruttivo.
    Essendo disoccupato ho tanto tempo da dedicare al cane infatti facciamo una passeggiata la mattina di un’oretta,poi dopo pranzo 30 minuti e la sera momento gioco con altri cani nell’area apposita(1 ora gioco più 30 min passeggiata)il problema è che ultimamente combina i classici guai del beagle per casa quando viene lasciato da solo (prima avevamo utilizzato il confinamento per non farlo girare per casa poi vedendo che riusciva a stare da solo senza fare danni gli abbiamo dato la possibilità di girare per casa).
    Ho notato che a volte sembra iperattivo anche tra le 4 mura domestiche tipo che prende la coperta dalla cuccia e la rompe oppure deve tirare il copridivano insomma cose così.
    Dove sbaglio?l’educazione di base c’è,le passeggiate,gli amichetti del parco e l’interazione fra me e lui pure..però mi sembra che stia regredendo!
    grazie e buon 1° maggio!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Andrea, non stai sbagliando nulla, semplicemente il tuo beagle sta attraversando la cosiddetta “età dell’opposizione” (ovvero l’adolescenza) in cui il cane tende un po’ a ribellarsi alle solite ed in cui si verificano spesso regressioni comportamentali. Ci siamo passati anche noi con la nostra Diana proprio quando aveva un anno! L’unica cosa che puoi fare è continuare a farlo sfogare molto e a tenerlo impegnato il più possibile, magari quando è in casa e prevedi un momento di noia proponigli un gioco di attivazione mentale per tenerlo occupato e concentrato nel risolvere un problema. Inoltre non cedere alle sue richieste ma continua a fargli rispettare le regole di casa, sii sempre coerente nella linea educativa che hai scelto di seguire. Per il resto non ti rimane che avere pazienza! 🙂

  • enza scrive:

    CiaO a tutti, ho bisogno di un consiglio, la mia Shila di quasi 3 mesi continua a distruggere di tutto. Soprattutto continua a mordere. Le faccio fare colazione alle 7, uscita alle 7.30 x 30 minuti. Stessa cosa alle 14.00 e alle 22 uscite di 30 minuti tranne per l ultima che la porto a spasso per 1 ora. Ma bonostante cio continua a distruggere tutto. Anche in giro mi tira i pantaloni e scarpe un continuo, anche se le dico di no non mi ascolta anzi inizia ad abbaiarmi contro. Non posso farle neanche 2 coccole xke mi aggredisce sempre. Lei resta sola dalle 8 alle 11 e poi il pomeriggio dalle 15 alle 21 oppure anche se sto a casa il pomeriggio il discorso nn cambia. X ora sta sempre fuori al balcone tranne la notte. Inoltre i suoi bisogni nn vuole farli fuori solo sulla traversa in casa. Aiutatemi. Grazie mille

  • Davide scrive:

    Io vorrei un Beagle ma la mattina non posso tenerlo il pomeriggio si come faccio?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Davide, non preoccuparti del fatto che non potrai stare sempre con lui, il cucciolo può abituarsi benissimo a rimenre solo qualche ora al giorno a patto di prendere i dovuti accorgimenti. A questo riguardo il primo consiglio che possiamo darti è di non lasciargli tutta la casa a disposizione quando lo lasci solo, ma di confinarlo in uno spazio ristretto o al massimo in una stanza molto piccola, dove avrà a disposizione tutto il necessario per sentirsi tranquillo e al sicuro (cuccia, ciotola dell’acqua, qualche gioco, qualcosa da masticare) e una traversina dove poter eventualmente fare i bisogni. Sarebbe anche il caso di abituarlo in modo graduale a restare da solo e a prendere una serie di accorgimenti per fargli sopportare meglio la situazione, in modo che per lui non sia troppo traumatico. Infine è fondamentale provvedere a soddisfare i suoi bisogni prima di lasciarlo solo per mezza giornata, ovvero dargli la pappa, portarlo a fare i bisogni, una bella passeggiata e giocare un po’ con lui, in modo che si senta appagato dal tempo passato con te e sopporti meglio la solitudine. Trovi informazioni più dettagliate nei seguenti articoli che ti consigliamo di leggere molto attentamente:
    Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”
    Come insegnare al cucciolo di beagle a rimanere solo

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Enza, come ti abbiamo già detto in precedenza, la tua cucciola è stata staccata dalla mamma troppo presto, sicuramente prima del tempo, quando ancora aveva bisogno di stare con lei e i fratellini. Da qui derivano il mordicchiare continuo e probabilmente anche l’incapacità di stare da sola. Ti abbiamo già scritto cosa fare quando morde, devi solo mettere in pratica i nostri consigli con costanza e avere pazienza perchè non è un comportamento che si estingue in due giorni, ma ci vuole tempo. Così come ci vuole tempo perchè impari a fare i bisogni fuori di casa, per ulteriori indicazioni leggi attentamente l’articolo Come insegnare al beagle a fare i bisogni nel posto giusto. Infine ti consigliamo di NON lasciarla sul balcone quando deve rimanere sola, perchè così si sente ancora più esclusa, ma di prepararle uno spazio dentro casa dedicato a lei, adottando così la tecnica del “confinamento”, in quanto è fondamentale per il cane avere uno “spazio-tana” tutto suo in cui sentirsi tranquillo e al sicuro e dove potrà stare durante la notte e quando dovrà restare in casa da solo. E’ utile anche per insegnargli una corretta educazione ai bisogni e, naturalmente, per evitare che si metta nei guai o distrugga la casa quando resta solo: Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”.

  • enza scrive:

    Simona ti ringrazio per.il tuo commento, scusami se ho riscritto la stessa cosa ma non ricordo dove lasciai il commento passato, se potresti indicarmi dove l ho postato almeno leggo il vostro consiglio. Grazie mille

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ci avevi scritto commentando l’articolo Come insegnare al cucciolo di beagle a rimanere solo. 🙂

  • SONIA MARTINA scrive:

    Il mio beagle, maschio di 4 anni, la mattina esce un’ora ( se riesco anche di più, a volte due ore). in questo tempo lo faccio correre tantissimo, torniamo a casa che lui è sfinito e così rimane quieto e soddisfatto per tutto il resto del giorno. ECCO, se per qualunque motivo, magari una forte pioggia, non c’è questa corsa mattutina, rimane agitato tutto il giorno e ogni tanto un cuscino disintegrato ci scappa!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Sonia, evidentemente il tuo beagle è nel pieno del suo vigore fisico e ha proprio necessità di fare movimento e attività fisica ogni giorno. Nei giorni di maltempo, quando non puoi portarlo a correre, cerca di passare lo stesso tempo con lui ma in modo diverso. Anche in casa si possono fare tanti giochi, ad esempio la ricerca dei bocconcini nascosti e tanti giochi di attivazione mentale, in modo che comunque passi del tempo di qualità con te e debba impegnarsi mentalmente.

  • Luisa scrive:

    Ciao, il mio beagle di due mesi morde di continuo i cassetti del mobile o le sedie, però non lo porto a passeggio perché non ha finito le vaccinazioni. Come posso farlo sfogare? Grazie in anticipo per la risposta!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Luisa, siediti per terra e gioca con lui! 😉

  • Martina scrive:

    Salve,io ho una cucciola di beagle di quasi 4mesi e devo dire ke durante la giornata si stanca tanto quindi quando rimane da sola a casa o resta a giocare con i suoi giocattoli o crolla e quindi dorme nella sua cuccia quindi per il momento ancora deve distruggermi niente e spero che rimane cosil’unica cosa è che siccome è molto attaccata a me quando non ci sono malgrado ci sia mia a mamma o qualsiasi altro mebro della famiglia piange e ulula una continuazione e non so come fare per non farlo accadere più..potreste darmi un consiglio?grazie in anticipo

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Martina, trattandosi di una cucciola di 4 mesi questo comportamento è piuttosto normale, perciò non devi preoccuparti. Leggi però attentamente l’articolo Affrontare l’ansia da separazione del Beagle e comincia a mettere in pratica i consigli riportati.

  • Annapia scrive:

    Ciao a tutti ho bisogno di aiuto 🙁 ho un cucciolo di 3 mesi ed è con me a casa da 9 giorni ho bisogno di sapere quando potrò lasciarlo solo perché oggi l’ho lasciato solo e quando sono tornata era stremato dal pianto e singhiozzava! 🙁 aiutatemi…non vorrei fosse troppo presto per lasciarlo..datemi il consiglio giusto!

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Annapia! La situazione che descrivi è del tutto normale, dato che hai a che fare con un cucciolo così piccolo che si deve semplicemente abituare a restare da solo. E’ normale che pianga: tutti i cuccioli soffrono di solitudine e vorrebbero sempre stare in compagnia, ma è anche necessario abituarli fin da subito a rimanere soli e far capire loro che non succede nulla di grave.. Il primo consiglio che possiamo darti è di non lasciargli tutta la casa a disposizione quando lo lasci solo, ma di confinarlo in uno spazio ristretto o al massimo in una stanza molto piccola, dove ha tutto il necessario per sentirsi tranquillo e al sicuro (cuccia, ciotola dell’acqua, qualche gioco, qualcosa da masticare) e una traversina dove poter eventualmente fare i bisogni. Inoltre dovresti cominciare ad abituarlo in modo graduale a restare da solo e a prendere una serie di accorgimenti per fargli sopportare meglio la situazione. Oltre all’articolo qui sopra ti consigliamo di leggere molto attentamente anche i seguenti:
    Come insegnare al cucciolo di beagle a rimanere solo
    Educhiamo bene il cucciolo con il “confinamento”

Lascia un commento