Torna all'homepage

Proteggiamo il nostro beagle dal furto

Autore: Francesco Vischi
Categoria: Curiosità

beagle furto fotoQuello del furto di cani purtroppo è un argomento sempre attuale, anche se il fenomeno si fa più intenso con l’arrivo della bella stagione.

Le notizie che riguardano furti di cani coinvolgono quasi sempre proprietari che hanno lasciato il loro amico incustodito per varie ragioni, ad esempio in giardino o in auto per brevi periodi.

Ma non facciamoci ingannare: ogni cane può essere in pericolo, anche se non abbiamo giardini o se non lo lasciamo mai in auto, perché ultimamente sembra che i ladri si siano sbizzarriti con la fantasia, ed anche la loro professione pare sia in forte crescita…

Quindi, che ci piaccia o no, i cani vengono rubati ed il discorso vale anche il beagle.

Per noi che siamo affezionati a questo amico diventato parte integrante della famiglia, di sicuro è terribile. Ed è ancora più terribile se abbiamo costruito la relazione con lui a regola d’arte.
Non vorremmo mai pensare al lutto di perdere il nostro amato beagle in questo modo.

Evitare di parlarne, però, non è l’atteggiamento giusto perché non fa altro che nascondere il fenomeno e per questo dargli forza.

Se nessuno sa che i cani vengono rubati, nessuno prenderà delle contromisure ed i ladri di cani, individui che non possono essere chiamate persone, se la spasseranno ancora di più alla faccia nostra.

Ma perché i cani vengono rubati?

Normalmente è per il solito motivo: soldi.

Infatti esistono sporchi adoratori del denaro, estorto a qualsiasi costo, che non si fanno scrupoli a rovinare la vita di qualcuno sfruttando la prima occasione per agguantargli il cane e fare leva sull’amore che si è creato tra cane e umano. Ovviamente, chi se ne importa se il cane e l’umano rimangono traumatizzati.

Nel “migliore” dei casi chiedono il riscatto, nel peggiore lo rivendono e addio alla nostra felicità a quattro zampe.

Inoltre è più facile che i ladri siano attirati da cani di razza perché presumono che essendo costati di più, i proprietari siano disposti a fare sacrifici maggiori (quindi sganciare più soldi) per riavere il loro amico.

E’ un ragionamento assurdo tipico di chi non sa cosa vuol dire essere amati e vede in un essere vivente così meraviglioso come il cane nient’altro che un’occasione per spillare quattrini attraverso la sofferenza.

Come ci possiamo difendere?

La cosa migliore da fare è prevenire le occasioni in cui qualcuno potrebbe rubare il nostro cane. Vediamo alcuni accorgimenti.

  • Ovviamente (ma è bene ripeterlo perché sembra non entrare nella memoria di tanti…) non lasciamo mai, MAI il beagle da solo in auto, anche se è chiusa e scendiamo un minuto per una commissione.Dalle auto vengono rubati il maggior numero di cani perché sono contenuti in spazi ristretti, ben visibili, da cui non possono scappare e che un sacco di persone sanno come forzare.
  • Ovviamente (come sopra) non lasciamo MAI il Beagle incustodito quando lo portiamo a passeggio, ad esempio legandolo ad un palo prima di entrare in un negozio, anche se stiamo dentro trenta secondi.C’è un pietoso detto popolare che dice “l’occasione fa l’uomo ladro”. Bene, facciamo in modo di non crearla, questa occasione.
  • Se abbiamo un giardino e ci lasciamo il beagle, dev’essere TOTALMENTE recintato con ingressi che si possano chiudere A CHIAVE. Meglio che ci siano siepi alte o comunque ostacoli alla vista: un ladro che non vede sarà anche più insicuro sul da farsi.
  • Senza scadere nella paranoia, oggi si trovano buoni sistemi di videosorveglianza a prezzi abbordabili. Se vogliamo uno sguardo in più, pensiamo se sia il caso di installarne uno!
  • Quando siamo assenti è meglio tenere il beagle in casa.
  • Se il cane ne è sprovvisto, facciamogli inserire il microchip. Questo è sempre indicato (ed anche obbligatorio come l’iscrizione all’anagrafe canina). In caso di furto sarà più facile denunciarne la scomparsa e questo aiuterà rifugi, veterinari e forze dell’ordine ad identificarlo per la restituzione.
  • Conserviamo sempre fotografie recenti del beagle con il collare e le medagliette che di solito indossa. Potrebbero aiutarci a farlo riconoscere più facilmente.
  • Custodiamo gelosamente i documenti del nostro beagle: serviranno, nel caso, a dimostrare che noi ne siamo i proprietari.
  • Anche se ha imparato bene il richiamo, facciamo molta attenzione a lasciare il beagle libero in spazi pubblici senza guinzaglio. Evitiamo che ci capiti qualche brutta sorpresa proprio nell’attimo in cui lo perdiamo di vista.
  • Se siamo circondati da persone civili, manteniamo buoni rapporti con il vicinato. Per alcuni è facile, per altri meno, ma in certi casi occhi amici hanno evitato pericolose situazioni.

Sappiamo che contro questi schifosi approfittatori non saremo mai completamente sicuri ma possiamo fare qualcosa di efficace come non abbassare mai la guardia, semplificandoci l’esistenza con gli accorgimenti appena descritti.

15 commenti:
  • Michele scrive:

    Certi Beagle non sanno resistere alle tentazioni. In questi casi, scappano via dal recinto e chissà dove si ficcano… C’è anche da dire che vi sono dei gran bastardi che odiano i cani e li avvelenano. Basta poco. 🙁 Quindi se non ci siamo, il cane resta in casa.

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Sì, viste le brutte cose che possono succedere questa è senz’altro la soluzione più sicura.

  • Giovanna scrive:

    IO il mio Oliver nn lo lascio mai a nessuno! Nemmeno se conosco bene la persona a cui lo stessi lasciando….ma nn accade mai xchè tengo tantissimo a lui!

  • laura scrive:

    si sono proprio dei bastardi senza cuore.una buona idea sarebbe quella di mettere una piccola fotocamera che vendono nei negozi per cani che fa foto ogni 15 20 minuti cosi da sapere dove è .oppure gli insegni a mordere a comando.

  • Francesco (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Laura, un sistema di videosorveglianza è un ottimo metodo per proteggere il proprio cane nel recinto di casa (questi sistemi si stanno diffondendo moltissimo negli ultimi tempi con conseguente abbassamento dei prezzi).
    Invece ti sconsigliamo proprio di cercare di insegnare al beagle a “mordere a comando”. Premesso che qualunque pratica che favorisca l’aumento dell’aggressività nei cani è illegale, anche se il cane imparasse a mordere chi vuoi tu e solo quando glielo dici tu… siamo matematicamente sicuri che poi non morderebbe in altre situazioni di sua spontanea volontà (questo è il dilemma di molti cani da difesa, ma qui andiamo decisamente fuori tema)? 🙂 Inoltre trasformare un beagle in un cane mordace è talmente contro la natura della sua razza che, ammesso di riuscirci, sarebbe una pesantissima violenza sia fisica che psicologica verso il cane.

  • antonella scrive:

    io vivo in un paesino e le persone (le puleddine) che ci sono non sanno dove abito mi vedono solo in giro e che me avvelenino non credo non disturba niente per scappare non scappa il mio cortile a un muro alto più la rete però lo devo ammettere qualche volta mi viene la paranoia che me lo rubino e molto bello…. per lui morsicare e impossibile sia a cani che a persone anche se una volta a morsicato un tipo perchè lo a preso in braccio e io mi ero allontanata di poco non riusciva a liberarsi cosi lo a morsicato nella mano peggio per lui non lo doveva prendere in braccio lo doveva lasciare in terra vicino al mio ragazzo ma per il resto se qualcuno mi dice se morsica io gli rispondo che lecca la verità…

  • laura scrive:

    si poi sarebbe difficile insegnarli a mordere a comando perché il mio cane è così dolce che se morde qualcuno sono solo i suoi giocattoli!!!!!!!!!!

  • Valeria scrive:

    Ciao Francesco, ho letto il tuo testo riguardante il furto di un beagle, dev’essere terribile, come infatti hai ben detto; devi sapere che io ho la passione per i beagle infatti ne posseggo uno, o meglio una femminuccia di nome Camilla,lei è molto golosa e siccome di giorno ( nelle giornate belle ) la tengo in giardino mi spavento (anche se i muri sono abbastanza alti ) ch la potessero rubare magari attirandola con qualche bocconcino per lei delizioso… come devo fare ad addestrarla per evitare una cosa così orribile come il furto di un beagle??
    Attendo tua risposta, grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Non c’è nessun modo per addestrare un cane come un beagle a non fidarsi di un estraneo che gli offre un bocconcino. A meno che tu non le insegni ad andare contro la sua natura di cane buono e socievole e insegni a Camilla ad essere aggressiva… Pratica che, oltre ad essere illegale e dai risultati incerti, sarebbe una pesantissima violenza sia fisica che psicologica verso il cane, proprio perchè va contro la sua natura.
    Come scritto nell’articolo, devi essere tu a proteggerla dal furto prendendo tutte le misure di sicurezza necessarie se ti ritieni in una situazione a rischio, perchè lei non può e non è in grado di proteggersi da sola.

  • daniela scrive:

    Ciao,mi chiamo daniela e siamo distrutti per lo smarrimento del nostro beagle di nome Tommy età 5 anni (per noi il nostro bambino) cresciuto con tutto l’amore di questo mondo.Purtroppo o per fortuna abbitiamo in una zona di campagna alle porte di roma dove Tommy se la potuta spassare ed esplorare a suo gradimento per poi fare il ritorno.Una mattina di giugno 16 -2013 cn precisione e stato portato fuori di prima mattina dato che il caldo si faceva sentire ma dopo Tommy nn ha fatto piu il rientro. Non sappiamo se si fosse smarrito,ma e una cosa che crediamo poco dato che lui i posti li conosceva e pure tanto,la seconda ipotesi e che fosse preso e portato via.Chiunnque fosse se e cosi sono dei maledetti che non devono avere pace eterna per averci portato sofferenza a lui e sopratutto a noi che non ci arrendiamo a cercarlo.Noi ci auguriamo che chiunque lo avesse preso stia qui vicino e che lui si possa liberare e fare il ritorno a casa.i chiedevo se fosse stato portato via piu lontano lui sarebbe in grado di trovare la via di casa?Grazie

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Daniela, come già detto ci dispiace molto per il tuo Tommy, ma non possiamo sapere se lui saprebbe ritrovare la via di casa. Alcuni cani riescono a percorrere decine di chilometri per tornare a casa, altri si perdono a qualche metro di distanza e vanno in crisi. Non è detto che sia stato portato via da qualcuno, potrebbe essersi semplicemente perso dopo aver seguito per chissà quanta strada, la traccia di un animale selvatico. Mettiti in contatto con i vigili del tuo comune e di quelli limitrofi e contatta i canili della zona per avvisarli dell’accaduto.

  • Giovanna scrive:

    Volevo intervenire su questo argomento anche se mi rendo conto che forse è passato un po’ di tempo dall’ultimo commento. Sono distrutta dalla fuga della mia cagnolina Gemma, mia madre la stava facendo rientrare in casa quando delle persone che la volevano accarezzare l’hanno spaventata, il guinzaglio dalle mani di mia è scivolato e lei è uscita dal cancello automatico condominiale aperto. Tutto questo è successo il 14-1-2014 in via Valentino Banal Roma. anche se il 14 ho avuto molte segnalazioni della presenza di Gemma in Villa De Sanctis (anche 2 che è stata investita e zoppicante) dal 14 non ho avuto più notizie e mi dicono tutti che un cane così bello difficilmente lo riavrò indietro, anche perché sono circondata dai campi nomadi, inoltre mi dicono che c’è qualcuno che va strappando i volantini che metto dicendo che è stata ritrovata. Scusate se scrivo qui ma voi mi siete stati così utili quando appena presa mi avete dato preziosi consigli su tanti argomenti.

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Giovanna, ci dispiace immensamente per quanto accaduto alla tua Gemma! Non possiamo fare molto per aiutarti se non consigliarti di continuare a cercarla, contattando i vigili e i canili della tua zona, appendendo volantini e facendo girare l’annuncio di smarrimento sui social network. Ecco un articolo con qualche indicazione in più: Cane smarrito: che fare? In bocca al lupo!

  • Federico scrive:

    Salve a breve io e la mia famiglia compreremo un cane che ci arriverà a fine febbraio,d’estate io e la mia famiglia stiamo in un appartamento sul mare con un grande terrazzo a piano terra,il recinto è facile da scavalcare e il beagle è ancora piccolo per difendersi, noi in spiaggia andiamo nel pomeriggio e stiamo 4 ore circa è meglio che stia in casa o sul terrazzo?

  • Simona (AmicoBeagle) scrive:

    Ciao Federico, tienilo assolutamente dentro casa non solo perchè c’è pericolo che scappi (dovrai comunque rimediare e alzare la recizione) ma anche per il caldo che può esserci in un terrazzo in piena estate.

Lascia un commento